BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Le ninfee di Monet in mostra a Palazzo Reale

Al padre dell'Impressionismo è dedicata la mostra che sarà ospitata fino a settembre a Palazzo Reale

Più informazioni su

Normal
0
14

false
false
false

MicrosoftInternetExplorer4



/* Style Definitions */
table.MsoNormalTable
{mso-style-name:”Tabella normale”;
mso-style-parent:””;
font-size:10.0pt;”Times New Roman”;}

Normal
0
14

false
false
false

MicrosoftInternetExplorer4



/* Style Definitions */
table.MsoNormalTable
{mso-style-name:”Tabella normale”;
mso-style-parent:””;
font-size:10.0pt;”Times New Roman”;}

Inaugura oggi a palazzo reale la mostra ‘Monet, il tempo delle ninfee’. Si tratta di venti grandi e grandissime tele, dedicate allo studio delle ninfee del padre dell’impressionismo.  Si tratta del più grande prestito mai concesso all’estero dal Museo Marmottan Monet. I lavori di Monet, che rimarranno esposti fino al 27 settembre, nascono nel giardino di Giverny, acquistato da Monet nel 1890 che fino ad allora aveva condotto un’esistenza da nomade, alla ricerca dei mutamenti della luce, dalla Normandia all’Italia, dall’Inghilterra alla Norvegia. In questa casa, accanto al giardino francese, con i fiori che ha piantato in un primo tempo, costruì quello giapponese e in uno stagno circondato da salici fiorirono le più diverse specie di ninfee. Il cuore del percorso espositivo è costituito appunto da 20 capolavori dipinti tra il 1887 e il 1923 che lo vedono impegnato a trasferire, dal suo giardino alla sua arte, i salici piangenti, le ninfee, i ponti giapponesi, le rose e gli iris che lo popolano.

Dal 30 aprile al 27 settembre 2009
Monet e il Giappone. Il tempo delle Ninfee
Milano, Palazzo Reale
Orario: dal 22 – 27 aprile ore 9,30-22,30. Fino al 21 giugno ore 9,30-19,30; lunedì ore 14,30-19,30; giovedì ore 9,30-22,30

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.