BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Sono 22 mila i metalmeccanici in cassa Guarda l’elenco delle aziende coinvolte

Escalation da brividi per la cassa integrazione nelle aziende metalmeccaniche della Bergamasca. La Fiom Cgil ha reso noti i dati dei processi avviati nel mese di aprile: un lunghissimo elenco di 370 aziende che ricorre agli ammortizzatori per fronteggiare la crisi. In totale sono addirittura 22 mila e 291 i lavoratori coinvolti.

Più informazioni su

Escalation da brividi per la cassa integrazione nelle aziende metalmeccaniche della Bergamasca. La Fiom Cgil ha reso noti i dati dei processi avviati nel mese di aprile: un lunghissimo elenco di 370 aziende che ricorre agli ammortizzatori per fronteggiare la crisi. In totale sono addirittura 22 mila e 291 i lavoratori coinvolti in cassa integrazione ordinaria, straordinaria e mobilità. Un numero aumentato esponenzialmente rispetto a dicembre 2008. "Sul finire del 2008 le aziende hanno avviato le procedure per 7716 dipendenti, saliti a 11 mila a febbraio, 17 mila a marzo e infine i 22 mila di aprile – spiega Mirco Rota, segretario della Fiom Cgil -. Bisogna comunque sottolineare che il dato del mese in corso si riferisce anche alle aziende che hanno aperto la cassa per più settimane, si spingono cioè fino a giugno e luglio, a ridosso delle chiusure estive". Dato che denota una certa apprensione degli imprenditori bergamaschi rispetto al futuro immediato. L’uscita dalla crisi è ancora molto lontana. "Il 70% delle aziende (263 su 370) ha chiesto la cassa per tredici settimane, il massimo – continua Rota – significa che la ripresa, se si può considerare tale, avverrà a settembre. Oltretutto fortunatamente grazie a una nostra contrattazione i lavoratori nonostante il periodo di cassa matureranno le ferie e i permessi, altrimenti ad agosto sarebbe stato un guaio. Io non sarei così ottimista come molti economisti o imprenditori. La situazione occupazione è ancora drammatica".
L’unico settore che per ora riesce a parare i colpi è quello elettromeccanico. "Abb Sace, Schneider e Lovato non hanno avviato nessun procedimento, in tutti gli altri settori invece è necessario ricorrere alla cassa. Non sono da meno le gandi aziende e i marchi storici come Brembo, Tenaris Dalmine, Same".

Guarda l’elenco delle aziende coinvolte

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da mario59

    La fiom attualmente è l’unica categoria di un organizzazione la CGIL, che fa ancora il sindacato..molti per interesse opposto, la definiscono politicizzata..la gente spesso non capisce che la politica della destra e non solo, è contro gli interessi dei lavoratori dipendenti..è ovvio che un sindacato serio, se vuol difendere gli interessi dei suoi iscritti, deve parlare di politica.
    Anche la confindustria che rappresenta la controparte fa politica quando difende gli interessi degli industriali.

  2. Scritto da Lino

    Mario59, la fiom esiste e non è subalterna alle imprese e al Governo. Questo è evidente.

  3. Scritto da mario59

    X Lino
    Altrochè se esiste..la fiom non è subalterna a nessuno.. e continua a svolgere al meglio il suo ruolo di sindacato, anche se..sotto i continui attacchi di quella parte politica e industriale, che vorrebbe un sindacato dei lavoratori sempre pronto ad accogliere le richieste di confindustria..ma per piacere..purtroppo sono bastati gli accordi separati di CISL e UIL a demolire i risultati positivi di anni di aspre lotte.
    La fiom non firmerebbe mai un accordo separato

  4. Scritto da Carletto

    E’ vero la FIOM non ha firmato e non firmerebbe accordi separati perchè sono contro l’interesse dei lavoratori. Mentre c’è chi li firma, dividendo i lavoratori i sindacati e tutto il resto. Cosa di cui non abbiamo assolutamente bisogno.

  5. Scritto da Pol.Sco.

    E i sindacati dove sono?Votate la sinistra, ecco gli effetti!

  6. Scritto da pasquinovich

    I sindacati leghisti stanno proteggendo i controllori che infieriscono sulle persone inermi.

  7. Scritto da mario59

    Pol.sco ma chi credi di prendere in giro.? Che appena un sindacato cerca di ostacolare il volere potere scellerato dei padroni, ti metti a urlare..aiuto arrivano i comunisti.
    Questa situazione è causata principalmente dalla globalizzazione selvaggia, dove non esistono regole..il più forte sopprime il più debole..e la politica della destra non è certo a favore dei più deboli.
    Pertanto ci vuole una bella faccia di bronzo per incolpare la sinistra dell’attuale situazione.
    Vedremo cosa fa la destra

  8. Scritto da Luisa

    Se non ci fosse la FIOM CGIL i lavoratori starebbero molto molto peggio. E’ l’unico sindacato rimasto in piedi.

  9. Scritto da un passante

    ah perchè adesso quel sindacato che, se al governo non c’è il partito di riferimento, non firma nessun contratto a prescindere, fa l’interesse dei lavoratori?
    Quasi quasi non è neanche un sindacato ma un organo di partito.

  10. Scritto da alt, un eurino

    Perchè firmare per ridurre alla fame chi lavora è sinonimo di imparzialità e buon sindacato?

  11. Scritto da Volèe&smash

    passante infatti il sindacato leghista è un sindacato organo di partito al governo

  12. Scritto da mario59

    Ma io dico che molta gente non sa nemmeno cosa sia un sindacato…è ovvio che se il governo in carica fa delle scelte a scapito dei lavoratori, un sindacato serio si opponga.. pertanto il governo difende la sua posizione accusando quel sindacato di fare politica… e meno male aggiungo io.. perchè a pagare l’iscrizione a un sindacato che non difende i miei interessi di lavoratore dipendente proprio non ci terrei.
    Sarebbe come se confindustria iniziasse a curare gli interessi dei lavoratori.

  13. Scritto da Lerri

    Il sindacato leghista è di partito ma soprattutto inesistente. Ha ragione n.7, c’è chi non firma quasi mai, ma anche chi firma sempre e comunque anche quando i lavoratori non guadagnano nulla, anzi ci rimettono

  14. Scritto da Elio

    Fiom organo di partito? no sindacato autonono e non succube di Prodi e Berlusconi.

  15. Scritto da ex elettore

    Allora l’italia è il paese piu’ sindacalizzato al Mondo! I salari sono i piu’ bassi d’Europa, i sindacati italiani hanno il piu’ alto tasso di assenteismo sul lavoro escluso permessi sindacali! I sindacati occupano i posti migliori nelle aziende, poco lavoro e basso rendimento, cosi’ le direzioni aziendali se li tengono buoni! Volete che vado avanti ne avrei per delle ore….