BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

“Bergamo deve vivere” Centinaia di giovani in piazza fotogallery

Piazza Dante, discoteca a cielo aperto. Per una serata Bergamo ha potuto vivere l'ebbrezza della movida. Quella vera. Centinaia di giovani hanno partecipato alla manifestazione indetta a sostegno del Daragi, sequestrato due settimane fa e riaperto venerd?? mattina dopo quindici giorni di vibranti proteste.

Più informazioni su

Piazza Dante, discoteca a cielo aperto. Per una serata Bergamo ha potuto vivere l’ebbrezza della movida. Quella vera. Centinaia di giovani hanno partecipato alla manifestazione indetta a sostegno del Daragi, sequestrato due settimane fa su ordine della procura e riaperto venerdì mattina dopo quindici giorni di vibranti proteste. La manifestazione, inizialmente indetta per contestare il provvedimento che ha colpito uno dei locali più frequentati a Bergamo, si è trasformata in una grande festa per cercare di risollevare le ormai quasi azzerate funzioni vitali della città, che una chiusura dopo l’altra sta vedendo sparire i giovani, diretti verso la più festaiola Milano. Il risultato è aver riunito ragazzi distanti anni luce per professione, età, fede calcistica o politica: più di cinquecento persone scese in piazza per "illuminare Bergamo e non farla morire".
Appollaiati alle finestre i cittadini bergamaschi hanno assistito allibiti, e in alcuni casi anche un po’ infastititi, all’esibizione di decibel del corteo che da viale Giulio Cesare ha percorso via Camozzi e viale Vittorio Veneto. Un concentrato di vitalità, musica, balli, slogan. La Curva Nord, che ha voluto essere vicina nella protesta a Daria Mazzoleni (nella foto a destra, ndr), proprietaria del Daragi, ha colorato il corteo con il suo marchio di fabbrica: decine di fumogeni, botti e addirittura fuochi artificiali. Non sono voluti mancare anche i consiglieri comunali che nei giorni scorsi si sono schierati con il Daragi.
Ma Bergamo sta morendo? In molti si sono fatti questa domanda leggendo gli striscioni appesi in piazza Dante. "Macchè – racconta ironico un ragazzo – Bergamo è ottima. Per dormire quando si torna dalla discoteca".

Guarda la galleria fotografica 1

Guarda la galleria fotografica 2

Guarda la galleria fotografica 3

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da PrimulaRossa

    Bergamo è una città che lavora e chi lavora ha bisogno di riposare la notte, non solo di discoteche a cielo aperto…

  2. Scritto da luca

    voglio proprio vedere se al prossimo bar che chiudono per 15 giorni, la Daria del daragi organizza un corteo di protesta…cosi sarà evidente a tutti se conta piu’ la citta che deve vivere, o l’incasso del daragi.

  3. Scritto da gp

    x marcov:
    x tua informazione il dissequestro del daragi è avvenuto venerdì pomeriggio.
    Daria poteva benissimo tenere aperto venerdì sera ma invece HA SCELTO di tenere chiuso.

  4. Scritto da marcov

    gp:sii serio………..ha organizzato una manifestazione prima di sapere che il locale sarebbec stato dissequestrato……a quel punto venerdi pomeriggio non poteva più tornare indietro……

  5. Scritto da Gualo

    come scrive Matteo.. sempre a cercar la polemica, sempre per il partito del NO, che rottura sta gente..
    criticano sempre che si faccia così o cosa.. se si è così o cosa.. insomma lo sport cittadino!!

  6. Scritto da gp

    Per tutti quelli che hanno scritto che la manifestazione era solo per pubblicizzare il Daragi:
    1 – La manifestazione non era pro Daragi ma per poter vivere la nostra città!! sveglia!!
    2 – Non penso proprio che il Daragi abbia bisogno di pubblicità.

  7. Scritto da marcov

    concordo con gino.
    se alla proprietà del daragi stava così a cuore la vita notturna di BG organizzava questa manifestazione in tempi non sospetti e non un venerdi sera con il suo locale chiuso per altri motivi…..purtroppo troppa gente si è fatta strumentalizzare…..
    Così come molti clienti di questi locali restano il vero problema dei disagi che vengono creati….ma su questo nessuno fa autocritica

  8. Scritto da marcov

    anch’io penso che si potrebbe vivere di più la città,ma vorrei far notare che il più delle volte è la gente che in settimana non esce…..o che va solamente in posti di “moda”…….
    Ci sono posti che non danno fastidio a nessuno ,ma che la gente non frequenta…….tutti a parlare di ideali,ma poi sotto sotto sono tutti dei pecoroni…..

  9. Scritto da simona

    Allora: prima di tutto per chi ha scritto che la manifestazione è stata fatta quando il daragi era chiuso, volevo far presente che era chiuso solo x decisione di daria che a questa manifestazione ci credeva dal profondo del cuore; x quanto riguarda la gente che tanto si lamenta del daragi, a chi parla senza sapere, l’esposto è stato fatto da due famiglie su un intero quartiere.
    Quindi a tutti quelli che parlano solo x dar aria alla bocca, tenetela chiusaaaaaa!!!!!

  10. Scritto da x simona

    io non parlo per dare aria alla bocca:è questa la tolleranza che tanto viene cercata??????
    La manifestazione è stata organizzata quando il daragi era chiuso e non per ordine della proprietaria…….se vogliamo parlare parliamo su dati oggettivi………………poi è anche vero che questo è il paese dove una balla ripetuta più volte diventa realtà.
    Adesso che il locale è riaperto vorrei sapere quali altre manifestazioni sono in programma!!!!!!!

  11. Scritto da Ettore Granai

    Condivido e quoto il 19.

  12. Scritto da gino

    lavori di insonorizzazione promessi dalla proprietaria nel 2005 e realizzati nel 2009, ci credo che i residenti fossero esasperati! illuminiamo la città, ma senza dare solidarietà a chi tira l’acqua al suo mulino.

  13. Scritto da Carlo Gritti

    ribadisco il mio ultimo.

  14. Scritto da Matteo

    Come sempre invece di cercare soluzioni si cerca lo scontro, in tutta europa ci sono i locali aperti e la gente in giro tutte le sere , eppur eanche loro la mattina hanno gente che si alza allle 5 per andare a lavorare. Noi invece di cercare soluzioni stiamo sempre a giudicare e creare la polemica. il daragi? ah ma sono 4 ubriachi, la curva nord? ah ma son 4 teppisti. paci paciana? ah ma son 4 comunisti. Forza nuova? ah ma son 4 fascisti…. e nel frattempo bergamo è sempre piu’ deserta ..saluti

  15. Scritto da D.

    Che Bergamo offra poco ai giovani chi si vogliono divertire la sera, francamente, è difficilmente contestabile.
    Che i giovani di Bergamo spesso e volentieri si dimentichino di chi si alza alle 5 per andare a lavorare, rivendicando il diritto a poter riposare di notte – e di sera – senza essere disturbato, lo trovo altrettanto inappuntabile.
    Purtroppo spesso in Italia per non limitare le libertà di qualcuno, si finisce per limitare le libertà di molti.

  16. Scritto da cuìn

    cavoli, mi sono passati davanti casa e non me ne sono accorto: ero proprio morto :D

  17. Scritto da stefano

    grazie davvero a tutti di cuore!!!bellissimo corteo!!!grazie,grazie e ancora grazie.stefano e tutto lo staff daragi.

  18. Scritto da Giuseppe

    La vostra libertà di divertervi e far casino (sic!!!) finisce dove comincia la libertà di riposare degli altri che vanno al lavoro, a scuola od altro, ed alla mattina si devono alzare presto, la volete capire o no?????

  19. Scritto da Marco Cimmino

    Il commento di D. mi pare molto sensato: adelante con juicio…La verità è che, accanto a ritrovi come il Daragi, dovrebbe essere l’amministrazione pubblica a pensare ad una serie di iniziative di ampio respiro per dare ai giovani qualcosa da fare la sera. Bergamo è una città morta anche perchè non c’è cultura, non solo perchè non ci sono locali: in pratica il centro città è un centro commerciale. Mi piacerebbe che i vari candidati alla poltrona di sindaco facessero proposte serie in tal senso.

  20. Scritto da che ridere!

    che ridere centinaia di ragazzi a sfilare…solo per il portafoglio di qualcuno—o di qualcuna cioè i proprietari del daragi!!!

  21. Scritto da stefano t

    Bellissimo. dove eravate per scattare tutte queste foto?

  22. Scritto da 1122

    DARAGI E LOCALI SIMILI ……..CHIUSI PER SEMPRE !!!!!!!!!

  23. Scritto da LUCA

    Tutti questi giovani scesi in piazza per un locale chiuso !!
    I valori di oggi fanno schifo !!

  24. Scritto da Paola

    Bellissima serata!
    Abbiam fatto “rumore” è vero… ma ad un orario assolutamente accettabile e in modo tranquillo. Era doveroso far sentire che siam vivi, almeno per una sera…Anche chi si alza alle 5 di mattina per una volta può essere comprensivo con quel “qualcuno” che è fatto da ragazzi che spesso di lavori ne fanno anche 2/3 per mantenersi, ma che vogliono comunque vivere, divertirsi …per non sentirsi morti a 20 anni.

  25. Scritto da Paola

    ti posso assicurare che tanti di quei ragazzi che ieri sera hanno sfilato per un locale chiuso, stamattina alle 9:30 erano in piazza a sfilare per ricordare il 25 aprile. l’orizzonte dei lavori di una persona può essere molto molto ampio.

  26. Scritto da Mario Police

    Andate a sfilare con chi stà cercando di mantenere il proprio posto di lavoro, invece di sfilare con un barista o meglio come è stato detto, con il suo portafoglio.

  27. Scritto da Carlo

    Per 1122 mava a quel paese non se ne può più di xenofobi, intolleranti e fascisti. Prima o poi ci stufiamo e regoliamo i conti.

  28. Scritto da stefano

    x 12:perchè essere baristi non è avere un posto di lavoro?
    e poi non avevamo dubbi che in molti non avreste capito il senso della manifestazione…che non è stata denominata”riaprite il daragi!”,ma:”ILLUMINIAMO LA CITTA’!”ma ci avete veramente stancato voi,falsi moralisti,bigotti e non aggiungo altro.la manifestazione era AUTORIZZATA e forse vi dà fastidio che tutto sia filato via liscio…manifestare i propri valori è anche più di avere dei valori!!!

  29. Scritto da stefano

    …e comunque se vi ha dato tanto fastidio questa manifestazione,problemi vostri quando un giorno saremo costretti a farci “rinchiudere nei centri commerciali!” per trovare un po’ di gente in giro…questi sì che sono valori!!!!stefano.(e non mi vergogno a mettere una firma e a dirvi che lavoro al daragi!)e da stasera la tittolare riempirà il portafoglio grazie a chi in certi valori ci crede!!!

  30. Scritto da Mario Police

    Nessuno ha mai detto che il barista non è un lavoro, rileggiti meglio i messagi che abbiamo scritto. Ma dubito che tu li sappia leggere basta vedere che non sei capace di scrivere se insultare.

  31. Scritto da paola

    beh, quei baristi stavano sfilando anche per il loro posto di lavoro. sai, fare il barista è un lavoro vero, non un hobby per occupare il tempo libero.
    forse non ci avevi pensato…o non te ne sei mai accorto.

  32. Scritto da luca

    1 non si capisce di che valori state blaterando, riguardo a un semplice bar che serve birra e kebab come 1000 altri.
    2 la sola verità è che la padrona è stata veramente bravissima a fare un gran can can mediatico, a differenza di decine di altri locali chiusi e poi riaperti, perchè aveva fretta di riempire il cassetto degli incassi già da stasera.
    3 gli altri che parlano di daragi come se fosse un mito sinonimo di liberta e di ribellione fanno ridere

  33. Scritto da Carlo Gritti

    Un piccolo ritocco ai prezzi, in ribasso, un po’ più di garanzie per i 13 ex-disoccupati, un aumentino a chi merita, e un grazie a Stefano, Daria ai 500 e a tutti. Ora speriamo che illuminiamo la città abbia molte altre riedizioni finchè la città non rimanga illuminata, per sempre.

  34. Scritto da max

    piu la citta si illumina…piu il daragi incassa quindi avanti cosi!!!altro che valori…

  35. Scritto da diego

    luca ha ragione è stata solo una trovata che la pubblicitaria che la proprietaria, furbescamente, ha utilizzato per guadagnarci. i suoi clienti hanno abboccato alla grande