BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

I giudizi dei consiglieri: “Bettoni sempre presente”. “Fin troppo”

Energico, presente (forse anche troppo), passionale, egocentrico. Questi alcuni degli aggettivi che Valerio Bettoni ha collezionato durante la gestione dell'amministrazione provinciale. Sono i giudizi che gli "incollano", chi con tenerezza e orgoglio, chi con una certa rabbia o delusione, i consiglieri di Via Tasso che, in maggioranza o in opposizione, con lui han condiviso un percorso non proprio brevissimo

Energico, presente (forse anche troppo), passionale, egocentrico. Questi alcuni degli aggettivi che il presidente Valerio Bettoni ha collezionato in dieci anni di gestione dell’amministrazione provinciale di Bergamo. Sono i giudizi che gli "incollano", chi con tenerezza e orgoglio, chi con una certa rabbia o delusione, a fine mandato, durante gli ultimi giorni di attività vera della Provincia, i consiglieri di Via Tasso che, in maggioranza (Pdl e Udc) o in opposizione (Lega, Pd, Idv, Rosa per l’Italia), con lui hanno condiviso un percorso non proprio brevissimo.
Ma sentiamole queste descrizioni tra il serio e il faceto, alcune accompagnate anche da un voto.
Roberto Legramanti (Lega): "Bettoni? Persona tenace e piena di energia, sempre presente a tutte le manifestazioni. 
Ciononostante la sua preparazione è stata carente. Spesso ha creduto di essere, ma non era. Certo audace, ma troppo centrista: ha sempre creduto che la Provincia fosse solo lui. Meglio forse come assessore che come presidente".
Mario Gandolfi (An-Pdl): "Sarebbe stato un ottimo federale durante il ventennio. Gli do sette per simpatia".
Flora Fiorina (Udc): "Sopra o sotto il Bettoni mola mai. Passerà alla storia di questa provincia e l’Udc che ha condiviso con lui il cammino lo ringrazia".
Vittorio Milesi (Rosa per l’Italia): "La Provincia c’è. Per impegno, passione, temperamento. Bettoni è riuscito a rendere la Provincia più vicina ai cittadini e punto di riferimento per tutto il territorio. Voto 9 perché ha amministrato con una maggioranza di centrodestra che non  lo ha sufficientemente aiutato. ma gli darò 10 se presenterà una sua lista per il rinnovo del Consiglio provinciale".
Domenico Cangelli (Italia dei valori): "Ha lavorato bene ma non ha lavorato per costruire una continuità a se stesso. E’ il suo limite".
Antonio Martinelli (Pdl-Forza Italia): "Buono sui temi bergamaschi, mediocre sulle società extra provinciali. Soprattutto fortunato nell’aver incontrato una maggioranza che lo ha sempre sorretto sopportandone anche le spigolature. Voto: più che sufficiente".
Alberto Piccioli Cappelli (Lega): "Dopo le ultime dichiarazioni in Consiglio sono allibito ed esterrefatto che un presidente chiuda il suo mandato con atteggiamento arrogante e offensivo nei confronti della Lega e rissoso".
Vittorio Armanni (Rifondazione): "Il suo grande merito è di aver trasformato l’istituzione Provincia da qualcosa di sconosciuto a ente alla portata dei cittadini tutti. Il grande difetto è quello di apparire, e troppo, come persona, in fondo sminuendolo un po’ questo ente".    

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da luciano

    Da elettore di sinistra sono abbastanza tentato di votare Bettoni.
    Ho avuto opportunità di conoscerlo e mi è sembrato onesto, capace econ gli attributi giusti al posto giusto.
    Se ribadirà la propria indipendenza dal PDL sarà da prendere in seria considerazione.

  2. Scritto da corti-novis

    Ieri scrissi un commento favorevole su una sua possibilità di due liste con lui…una in comune e una in provincia…purtroppo questi voci di una sua candidatura è stata messa ad arte forse perchè anche da Bettoni perchè vuole trattare per una presidenza o alla Sacbo o qualche municipalizzata, se è vero questo… è il prezzo che deve pagare “Forza Italia” dell’appoggio al ballottaggio del 2004. Sarebbe una calata di braghe ed una delusione per i suoi sostenitori

  3. Scritto da amedeobrumar

    Per il nostro territorio è stato più leghista dei leghisti bergamaschi, che forse lo attaccano xchè vero ed unico concorrente in casa loro. Avrebbe dovuto smorzare di + gli appetiti di certi Forzitalioti e gestire meglio certe racole che alcuni “amici” gli hanno confezionato (es. Piano Cave!) se potesse ricandidarsi sarebbe da votare, con una sua lista dipende in che compagnia. Vincesse, probabile duri di + che l’allenza Lega/PDL. A proposito: come concilieranno le differenze di questi anni?