BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Uno studio Usa riapre il caso cromo “L’Asl ci dica se l’acqua ?? potabile”

Una ricerca americana rivela: l'ingestione di cromo esavalente provoca effetti cancerogeni sui topi di laboratorio. Il sindaco Borghi gira il materiale all'Asl e chiede se l'acqua pu?? essere considerata ancora potabile o no. Chiesta anche l'autorizzazione a attingere pi?? in profondit?? nella falda senza aspettare l'ok regionale che tarda ad arrivare.

Più informazioni su

Una nuova ricerca americana riapre drasticamente la questione del cromo esavalente presente da 8 anni nell’acqua di Treviglio. Il Comune, che finora si sentiva relativamente tranquillo circa i rischi, chiede adesso risposte e provvedimenti urgenti. Lo studio del National Toxicology Program (NTP) ha messo infatti in evidenza conclusioni preoccupanti. L‘ingestione per due anni di acqua potabile contenente il metallo ha provocato "chiare evidenze di attività cancerogena" sui topi da laboratorio, ovvero tumori al cavo orale e all’intestino. 
E’ stato lo stesso responsabile dell’Ufficio Ambiente trevigliese, ingegner Zambotti, a segnalare i preoccupanti risultati alla Cogeide (società che gestisce l’acqua trevigliese) e ad un consulente del Comune.
Sulla base della ricerca americana,  segnalata anche dai Verdi e da Legambiente, il Comune ha nuovamente sollecitato la realizzazione degli interventi che consentirebbero di emungere acqua di migliore qualità dalla falda più profonda. Per quanto riguarda il collegamento con il pozzo di Vidalengo, Cogeide ha assicurato che l’impianto verrà completato prima della fine di maggio,  mentre per quanto riguarda l’approfondimento dei pozzi di Treviglio  è ancora in attesa del rilascio, da parte della Regione Lombardia, sede di Bergamo, della concessione per grande derivazione idrica.
"Non ci sono più spazi per tergiversare – dice Patrizio Dolcini del direttivo regionale di Legambiente – occorre riaprire e portare a termine la bonifica della falda di Treviglio, senza ulteriori polemiche a sfondo elettorale e senza suscitare allarmismi. Abbiamo intanto chiesto una riunione urgente della Consulta per l’Ambiente di Treviglio; i comuni interessati si sono fino ad ora dimostrati sempre disponibili e attenti alla salute dei cittadini. E’ importante che continuino a sollecitare alla Regione Lombardia, anche sulla base di questi nuovi dati, lo sblocco della bonifica”.
La preoccupazione insomma cresce. E il Comune vuole risposte immediate. Dall’Asl, in primo luogo. Il sindaco Borghi ha trasmesso a via Gallicioli lo studio di cui sopra, chiedendo espressamente "se i dati esposti sono tali da indurre l’Asl stessa sia a rivedere il giudizio di potabilità e le precedenti affermazioni sull’assenza di rischio", sia a legittimare l’assunzione di un’ordinanza  contingibile ed urgente, da parte del Sindaco, per consentire a Cogeide di avviare immediatamente i lavori per approfondire i pozzi esistenti senza attendere la concessione regionale. L’Asl deve ancora pronunciarsi.
Va detto comunque che lo studio americano riprende timori vecchi e fondati: si ricordi che il celebre film "Erin Brokovich" racconta proprio il dramma di un piccolo paese californiano "avvelenato" da cromo esavalente. E’ la storia, vera, di una battaglia legale che costrinse il gigante dell’energia PG&E a risarcire i cittadini con una cifra totale pari a 333 milioni di dollari. Tra la gente del luogo si registrarono molte patologie gravi.
Sul caso cromo si attende anche il responso dell’Ue, che dovrà far chiarezza una volta per tutte sui limiti consentiti nell’acqua potabile. Riguardo alla controversa questione, intanto, l’Assessore regionale alla Sanità Bresciani, rispondendo ad un’interpellanza del Consigliere regionale Beppe Benigni (PD) in merito, ha ribadito la fondatezza della loro diversità per quanto riguarda la concentrazione del cromo nell’acqua potabile e nell’acqua di falda, sostenendo che i limiti più restrittivi previsti per l’acqua di falda sono dovuti alla necessità di definire quando si è in presenza di un ambiente contaminato.
 

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da d.p.

    L’unica via d’uscita è un’ordinanza del sindaco che sblocchi la messa in sicurezza dell’acquedotto.
    Pozzi più profondi ed allacciamento all’acquedotto provinciale .
    Di certo , di tempo da perdere e di alibi non ce ne sono più

  2. Scritto da s.d.

    Ariella Borghi ha sempre assicurato la popolazione riguardo la potabilità, io mi fido del mio sindaco!

  3. Scritto da paolo

    bella roba. e se si scopre che per otto anni la gente ha bevuto acqua cancerogena? cosa dirà l’asl? scusate abbiamo sbagliato, pazienza se tra tre o quattro anni vi verrà il cancro…

  4. Scritto da Dott. B.F.

    Il fatto è, che, non si applica mai il principio di precauzione…
    Se già dagli anni 90 l’ambiente veniva tutelato a 5 Microgrammi/litro, perchè potevo bere l’acqua a 50?
    Se il Cromo trivalente è soltato cancerogeno di classe 3 , ma il Cromo esavalente lo è di 2° classe (peggiore), ma è anche mutageno di 2à……perchè il limite deve essere lo stesso?
    Lo sapete che ci sono 4 acque minerali imbottigliate a 20 microgrammi/litro circa in Italia? (dichiarato in etichetta).