BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Trovesi, Garbarek, Katche, Joao… Bergamo Jazz “libera” la musica fotogallery

Sotto il segno di Paolo Fresu la XXXI edizione della rassegna si trasforma in una festa musicale: "Free: la liber-azione della musica", diffondendo i suoni del jazz nei teatri, nelle chiese, nelle gallerie d???arte, nelle strade di Bergamo

Più informazioni su

La macchina organizzativa della XXXI edizione di “Bergamo Jazz”, affidata alla direzione artistica di Paolo Fresu (foto a destra), è in pieno fermento: quest’anno uno dei più longevi appuntamenti jazzistici europei si trasformerà in una vera e propria festa musicale sotto l’insegna di “Free: la liber-azione della musica!”, diffondendo i suoni del jazz nei teatri, nelle chiese, nelle gallerie d’arte, nelle strade di Bergamo.
L’edizione 2009 di “Bergamo Jazz ”, in programma dal 23 al 26 aprile e organizzata dall’assessorato alla Cultura del Comune di Bergamo e dal Teatro Donizetti, sarà infatti scandita da numerosi appuntamenti: alle tre tradizionali serate di concerti al Teatro Donizetti, dove il festival prese avvio nel lontano 1969, si affiancheranno un evento speciale alla Basilica di Santa Maria Maggiore, grazie alla disponibilità della Fondazione MIA, e concerti sparsi in altri luoghi della città. Ancora più che in passato, “Bergamo Jazz” sarà quindi contrassegnato da iniziative collaterali realizzate in collaborazione con associazioni e istituzioni attivamente presenti sul territorio.
Il programma approntato da Paolo Fresu getta uno sguardo tra le molte tendenze del jazz contemporaneo, con una particolare attenzione rivolta alla scena del Vecchio Continente e alle contaminazioni fra suoni diversi, dando anche spazio a giovani musicisti e senza trascurare i jazzisti bergamaschi, sia quelli di provata esperienza che le nuove leve. 
Giovedì 23 aprile, la prima delle tre serate ospitate al Teatro Donizetti, sarà infatti simbolicamente aperta dal più illustre dei jazzisti bergamaschi: Gianluigi Trovesi (foto a sinistra). Il sassofonista e clarinettista di Nembro, assieme a due suoi abituali collaboratori (il violoncellista Marco Remondini e il percussionista Stefano Bertoli) e all’Orchestra Filarmonica Mousikè diretta da Savino Acquaviva, presenterà “Profumo di violetta”, personale e affascinante viaggio fra celebri arie d’opera e richiami bandistici recentemente documentato su disco dalla ECM. Il secondo set sarà invece appannaggio del trio del cubano Gonzalo Rucalcaba, già partner di Charlie Haden e Joe Lovano e ultimamente ascoltato in Italia accanto a Richard Galliano. Con il prodigioso pianista, artefice di una brillante sintesi fra la tradizione ritmica cubana e il più schietto pianismo jazz, ci saranno il contrabbassista Armando Gola e il batterista Ignacio Berroa.
Venerdì 24, il compito di salire per primo sul palcoscenico del Teatro Donizetti spetterà a un altro italiano: Franco D’Andrea. Il pianista meranese, veterano di mille battaglie musicali (anche in qualità di componente del gruppo elettrico Perigeo), guiderà il suo New Quartet, formato da musicisti (il sassofonista Andrea “Ayace” Ayassot, il contrabbassista Aldo Mella e il batterista Zeno de Rossi) ben sintonizzati sulla lunghezza d’onda della rigorosa ma comunicativa musica del leader. Al gruppo di D’Andrea seguirà quello del batterista francese, ma di origine ivoriana, Manu Katché (foto in basso a sinistra), ben noto per le passate frequentazioni con popstar del calibro di Peter Gabriel e Sting. Autore di un jazz dall’impianto corale e dal forte senso lirico, Katché avrà al suo fianco i norvegesi Mathias Heick (tromba) e Peter Wettre (sax tenore), l’inglese Jason Rebello (pianoforte) e il connazionale Jerome Regard (contrabbasso).
Sabato 25 ci si trasferirà in Città Alta: nella straordinaria cornice della Basilica di Santa Maria Maggiore si rinnoverà il sempre coinvolgente dialogo fra i limpidi fraseggi sassofonistici di Jan Garbarek (foto a destra) e la vocalità senza tempo dell’Hilliard Ensemble (David James, controtenore, Rogers Covey-Crump, tenore, Steven Harrold, tenore, Gordon Jones, baritono). Un connubio, questo tra il musicista scandinavo e il quartetto inglese, documentato anni fa dall’album-capolavoro Officium e che continua a regalare intense emozioni, sullo sfondo di canti liturgici, polifonie millenarie e mottetti rinascimentali sui quali svettano le liriche improvvisazioni di Garbarek.
Domenica 26, di nuovo al Teatro Donizetti, scenderanno in campo prima la cantante portoghese Maria João, in coppia con il pianista Mario Laginha, e poi il gruppo di un altro interessante esponente del florido panorama sonoro nordeuropeo, Nils Petter Molvær, affiancato da altri due ottimi musicisti quali il chitarrista Eivind Aarset e il batterista Audun Kleive. Dotata di una voce dalle notevoli risorse espressive, Maria João agisce in una terra di mezzo tra jazz e world music, mentre il trombettista norvegese è uno dei guru del nu jazz, mix fra elettronica, jazz e ambient music in un’alternanza fra atmosfere avvolgenti e incalzanti cadenze ritmiche.
Numerosi gli eventi collaterali di “Bergamo Jazz 2009”, ad iniziare dal piano solo di Giorgio Gaslini, in programma nel pomeriggio di giovedì 23 (alle 15,30) all’Auditorium della Casa di Riposo “Santa Maria Ausiliatrice”, in Via Gleno. Nella stessa giornata (alle 18) si potrà ascoltare il quartetto del sassofonista Tino Tracanna nella suggestiva ex Chiesa della Maddalena, aperta al pubblico nei giorni scorsi dopo accurati lavori di restauro.
Venerdì 24, dopo la presentazione del libro di Claudio Sessa “L’età del jazz Vol.1: i contemporanei”, alla quale interverrà lo stesso Paolo Fresu (Sala Conferenze del Teatro Donizetti, ore 16,30), si terrà all’Auditorium di Piazza della Libertà (ore 18) il concerto del duo formato dal trombettista Luca Aquino e dal sassofonista Raffaele Casarano, primo di tre appuntamenti dedicati a giovani proposte europee, cui faranno da fondale scenografico opere degli allievi della “Scuola di pittura dell’Accademia Carrara di Belle Arti”. 
Ancora più fitta sarà la scaletta di sabato 25, con il progetto “Boheme” del sassofonista Guido Bombardieri, del pianista Fabio Piazzalunga e del batterista Stefano Bertoli (ex Chiesa della Maddalena, ore 16), il solo concert di Franco D’Andrea e la proiezione di un film-documentario dedicato allo stesso pianista (Auditorium di Piazza della Libertà, ore 18), e il gruppo francese Rockingchair della trombettista Airelle Besson e del sassofonista Sylvain Rifflet (Auditorium di Piazza della Libertà, ore 23,30).
Domenica 26 si inizierà addirittura la mattina: alle 10,30, alla Sala Conferenze del Teatro Donizetti, Giorgio Gaslini, intervisterà tre critici musicali italiani (Angelo Foletto, Vittorio Franchini e Federico Scoppio), mentre alle 12, all’ex Chiesa della Maddalena, Nils Petter Molvær si produrrà in completa solitudine. Nel pomeriggio, sarà la volta del percussionista elvetico Pierre Favre, impegnato in una performance alla GAMeC (ore 16) fra le opere dell’artista Marcello Maloberti e del trombettista libanese Ibrahim Maalouf con la danzatrice Fanny Coulm (Auditorium di Piazza della Libertà, ore 18).
Ma non è tutto: per gli insaziabili di musica, e altra significativa novità di “Bergano Jazz”, il Bar Agorà dello Spazio Polaresco si trasformerà in vero e proprio jazz club, ospitando dalle 24 delle serate di giovedì, venerdì e sabato il trio del chitarrista Sandro Gibellini, che di volta in volta si allargherà a giovani solisti ospiti. E come lo scorso anno, l’Assessorato alle Politiche Giovanili del Comune di Bergamo e l’Associazione Corde Locali proporranno “Up Town Jazz”, rassegna che si svolgerà per le vie di Città Alta durante il pomeriggio del 26 aprile con la partecipazione di Luca Casati Trio, Doveportar, Simply Bop e Kind of Quartet.
Infine, anche quest’anno “Bergamo Jazz” rinnova il proprio impegno nei confronti della didattica musicale: nelle mattinate di martedì 21, mercoledì 22 e giovedì 23 si terranno all’Auditorium di Piazza della Libertà i consueti incontri rivolti agli studenti delle scuole medie curati dal Centro Didattico Produzione Musica. Un modo significativo per avvicinare le ultime generazioni a una musica ricca di storia e depositaria di uno spirito di comunione fra diversi mondi e culture.
Informazioni e prevendite: Teatro Donizetti: 035 4160611
Prezzi abbonamenti alle tre serate al Teatro Donizetti: da 17 a 67 Euro
Prezzi biglietti per le singole serate al Teatro Donizetti: da 8 a 31 Euro (possessori Giovani Card da 7 a 25 Euro, inclusi diritti di prevendita).
Prezzo biglietto concerto del 25 aprile: 20 Euro (fuori abbonamento)
Acquisto abbonamenti: dal 2 marzo (anche on line)
Acquisto biglietti per singole serate: dal 9 marzo (anche on line)
I concerti in programma alla ex Chiesa della Maddalena, all’Auditorium di Piazza della Libertà, alla GAMeC e allo Spazio Polaresco sono gratuiti. L’entrata sarà consentita fino ad esaurimento dei posti.

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da m

    grande bergamo jazz. grande Paolo Fresu.