BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Troppe interpretazioni strumentali

Sull???approvazione della legge regionale per la disciplina delle imprese artigiane che vendono prodotti alimentari pubblichiamo alcune precisazioni dei consiglieri regionali Carlo Saffioti, del Pdl e relatore del provvedimento, e Daniele Belotti, presentatore di un altro progetto abbinato.

Più informazioni su

Sull’approvazione della legge regionale per la disciplina delle imprese artigiane che vendono prodotti alimentari (meglio nota come legge sui kebab) pubblichiamo alcune precisazioni dei consiglieri regionali Carlo Saffioti, del Pdl, e Daniele Belotti, presentatore di un altro progetto abbinato.

“Smentiamo nel modo più netto – affermano Saffioti e Belotti – che d’ora in poi sarà vietato, ad esempio, il consumo di un gelato sul marciapiede esterno alla gelateria o di una pizza al trancio fuori da una pizzeria d’asporto. Come prevede l’articolo 2, comma 2 della legge, è vietato non il consumo del prodotto acquistato nella kebaberia, piadineria, gelateria o altro laboratorio artigianale, all’esterno del locale, ma l’installazione di arredi atti a permetterne il consumo. Per essere più chiari: se un cliente mangia il gelato in piedi o seduto su una panchina pubblica all’esterno della gelateria può tranquillamente continuare a farlo; se mangia il gelato al tavolino o al bancone, sotto un gazebo o all’interno di dehors installati dal titolare della gelateria, allora è vietato. Ma non è una novità: già oggi, in base alla legge Bersani, i laboratori artigianali non possono prevedere l’allestimento di arredi esterni per la consumazione dei propri prodotti”.
“L’interpretazione, volutamente strumentale, data da alcuni Consiglieri di opposizione – precisano Saffioti e Belotti – ha evidentemente tratto in inganno alcuni organi di informazione. Del resto nessuna delle associazioni di categoria intervenute nelle audizioni in IV Commissione in merito a questa legge ha mai sollevato alcun dubbio sul divieto di consumo all’esterno, dando per assodata l’interpretazione che si rifà al solo divieto di installare arredi esterni”.
“Per sgomberare ulteriori dubbi, facciamo notare che tra le sanzioni previste all’articolo 4 non è, ovviamente, previsto alcuna ammenda per coloro che si mangiano un gelato sul marciapiede. Un’ultima precisazione: le sanzioni amministrative pecuniarie vanno da 150 euro a 1.000 euro e non 3.000 come erroneamente riportato da alcuni quotidiani”.

Niente consumazioni sui marciapiedi E’ polemica sulla legge anti kebab

Della Vedova (Pdl): "Difende solo gli interessi corporativi"

Il centrosinistra si abbuffa di kebab per protesta

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da Gulp

    Ci vuole una legge che blocca la stupidità della legge !
    Qui non si tratta di aver toccato il fondo, qui proprio non ci state più con la testa, siete senza speranza ormai.. ma come si fa a curarvi ? Perchè di sicuro un virus si è impossessato delle vostre cellule cerebrali.Si può mangiare solo dove decidete voi ? Ma l’uomo mangia da quando è apparso su questa terra e dove ha trovato cibo. Chi siete voi per decidere una cosa simile ?

  2. Scritto da corti-novis

    La stumentalizzazione non esiste se fate una legge, le parole che scrivete sono piombo alle ali delle libertà, osate chiamare adirittura il vostro partito il popolo delle libertà !!!!!. Siete succubi della Lega e dei fascisti che sono la stessa cosa… Votate… Votate alla bulgara per Berlusconi…Vergognatevi Cattolici che date appoggio a razzisti. Prima o dopo lo pagheremo caro…. finchè nessuno si alzi e dica. BASTA! Potete continuare

  3. Scritto da Luciano

    Bella questa: avrebbero fatto una legge per una legge che ci sarebbe già. E poi che facciamo? La mandiamo a Calderoli per farla cancellare? Saffioti e Belotti: ma ‘ndì a scua ‘l mar.

  4. Scritto da pierooooooo

    oramai se voglio divertirmi leggo gli articoli e le proposte ( indecenti ) in cui compare la voce del LEGHISTA BELOTTI un nome ,,,,,un uomo …una certezza …….

  5. Scritto da Help

    14- Grande Fratello ? Pensiero Unico ? Cosa c’entra Orwell ?

  6. Scritto da Domandina

    Ma cosa sono i Dehors?

  7. Scritto da Marco Cimmino

    Beh, caro Help, il nome stesso del “Grande fratello” deriva dal romanzo di Orwell: più entrarci di così! Il “pensiero unico” è la definizione data da vari intellettuali italiani (De Turris, Accame) del sistema culturale comunista: di cui 1984 è, come giustamente scrive Francesco, un’impietosa metafora. Immagino che avrai capito, adesso, cosa c’entra Orwell: pulsate et aperietur vobis! Ah, Cortinovis, dimenticavo: in Bulgaria non erano i nazifascisti a votare “alla bulgara”: erano i tuoi amici…

  8. Scritto da Rispostina

    Sarebbero i “De fò” in bergamasco…

  9. Scritto da Maria

    Per precisazione non è stata fatta una legge per una legge che ci sarebbe già, è stata fatta una legge che richiama e riassume leggi in vigore (come sul tema dei tavolini) ed introduce nuove norme. Prima di attaccare dovreste forse studiare come funziona l’iter di un provvedimento di legge, perchè insultando Saffioti e Belotti, insultate anche diversi funzionari pubblici ben preparati che hanno lavorato sul tema per mesi.

  10. Scritto da franco

    Si tratta di una legge che è scritta male e produce pessimi effetti…. art.2 comma 2 :”E’ consentita la vendita, da parte delle imprese artigiane, degli alimenti di proprie produzione per il consumo immediato nei locali adiacenti a quelli di produzione, con esclusione degli spazi esterni al locale ove si svolge l’attività artigianale, tramite l’utilizzo degli arredi dell’azienda e di stoviglie e posate a perdere, ma senza servizio e assistenza di somministrazione”.

  11. Scritto da Help

    20- Cimmino suvvia ! Voleva essere una provocazione ironica, un parallelo con concetti e termini ampiamente utilizzati nei tempi corrrenti. L’avevo un pò forzata con il “pensiero unico” al posto del “partito unico”. Vedrò di migliorare.

  12. Scritto da un passante

    Spero che l’articolo tradisca il senso delle dichiarazioni di Belotti e Saffiotti. Altrimenti prendo nota che la legge (peraltro inutile, se davvero c’è già il divieto…ma allora perchè Belotti ha detto che va a colmare un ‘vuoto legislativo’) ha come scopo esclusivamente la tutela corporativa di alcune categorie, in barba alla libertà di mercato e di impresa e soprattutto mi priva del piacere di mangiare seduto al solo una bel gelato o una pizza artigianale. Ringrazio….

  13. Scritto da Marco Cimmino

    Ahahah, perdonato, caro Help, assolutamente perdonato :-)

  14. Scritto da nicola

    in barba a tutti quelli che leggono tra le righe cercando di raffazzonare spiegazioni intelligenti, ai comunicati stampa del duo bergamasco DOC saffiotti- belotti (che dio ce ne scampi per le prossime amministrative) e al tanto amato (da sgarbi) oriani beccatevi alla zanzara di radio 24 l’intervento dell’assessore regione lombardia del popolo della libertà vigilata gianni prosperini:sul sito trovate il pod cast. Quantomeno prosperini è sincero a differenza del belotti

  15. Scritto da mario59

    Ma la multa chi la prende nel caso che un commerciante metta fuori abusivamente dei tavoli dal suo locale???? il cliente che incautamente si siede a gustare un gelato, piuttosto che un panino, o una bevanda, e che non ne nulla, o il commerciante che occupa spazio pubblico abusivamente??? forse sti amministratori, dovrebbero chiarire questo punto non vi pare??
    Perchè da quanto ho letto nell’articolo, non ho trovato la spiegazione alla domanda

  16. Scritto da Valter Grossi

    Saffioti dovrebbe leggersi il trattato di Adam Schmitt ” La ricchezza delle nazioni” e allora capirebbe che la libertà economica deriva da profonde ragioni morali e che le opportunità non si promuovono livellando verso il basso.
    Alla radice di questi provvedimenti c’ è solo il gusto di ostacolare l’iniziativa e garantire interessi consolidati, specie se collegati a supposti valori tradizionali.

  17. Scritto da Aldo

    Ma se era già vietato installare fuori eccetera perchè fare un’altra legge?

  18. Scritto da Marco Cimmino

    Scusi, Valter Grossi, non è che, per caso, si riferiva al saggio “La ricchezza delle nazioni” (An Inquiry into the Nature and Causes of the Wealth of Nations) di tale Adam Smith, probabilmente lontano parente del germanico signor Schmitt che lei cita? Perchè, se così fosse, ho come l’impressioone che neppure lei se lo sia mai letto, a cominciare dalla copertina, recante il nome dell’autore. Aggiungo solo che è un’opera un tantino datata (XVIII secolo) per applicarla al presente…Cordialità.

  19. Scritto da cuìn

    cavoli, i dieci comandamenti sono un tantino datati perché applicarli al presente? :D

  20. Scritto da Sacco & Vanzetti

    Saffiotti dovrebbe leggersi “1984” di George Orwell per schiarirsi le idee sulla sua personale ipotesi di Italia post-savoiarda.
    Sacco & Vanzetti

  21. Scritto da Vitello d'Oro

    Buona questa, codino! Solo che Smith non è Dio e le sue opere non le ha scritte su di una tavola di roccia per dare una Legge ai suoi fedeli.

  22. Scritto da davide c.

    Cimmino sei un grande….Uolter Grossi seguirà sicuramente il suo consiglio dopo giugno…quando sarà più libero da impegni !

  23. Scritto da cuìn

    buona questa! cioè quella, la mia. mi fa vedere le famose tavole? dove sono custodite?

  24. Scritto da S.

    Belotti e Saffiotti lasciate perdere…Leggetevi innanzitutto la legge invece di arrampicarvi sui vetri…VERGOGNA!!!!!!!

  25. Scritto da Fanoste

    Il morbo del “fraintendimento” ha colpito anche Saffiotti e Belotti….
    e allora, di grazia, voglia il signor Saffioti spiegare che bisogno c’era di una nuova legge sul divieto di installare (e quindi di usufruirne permettendo consumazioni) tavolini, gazebo e dehors?
    Poche balle razzisti dei miei stivali! vi venisse la gotta a forza di ingozzarvi di polenta ! (consumata rigorosamente tra le vostre 4 mura e non oltre le ore 20 perchè domani ci si sveglia presto per andare a lavorare !)
    vergogna

  26. Scritto da iva

    Il sub-emendamento è strumentale: xilofono :)

  27. Scritto da Vitello d'Oro

    Miscredente! Lo sanno tutti che sono nascoste nell’Arca dell’Alleanza. Quella che trova Indiana Jones in un tempio egizio…E provare a prendersi meno sul serio, codino? Era un modo per dire di non mescolare la cacca e l’oro: una metaforina-ina-ina. Uno scherzetto. Fa negòt.

  28. Scritto da cuìn

    12, a me lo dice? wow! e pensare che volevo dirlo io quello che ha detto lei… fa niente.

  29. Scritto da Francesco

    ” 1984″ è la tragica parabola del totalitarismo instaurato dal Grande Fratello che controlla la società secondo i principi dello Stalinismo; uno degli slogan del partito unico al potere (il riferimento al totalitarismo comunista dell’URSS è fin troppo evidente) è “l’ignoranza è forza”. Da molti interventi fatti sulla L.R. in questione, mi accorgo che l’ignoranza è stata promossa a virtù. Ma “Sacco e Vanzetti” l’hanno letto il romanzo di Orwell?