BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Treviglio, esplode palazzina Un morto nel crollo fotogallery video

Un uomo di 41 anni, Enrico Monzio Compagnoni, ha perso la vita nell???esplosione e nel crollo di una palazzina di due piani. I fatti in via Vittorio Veneto, a Treviglio, dove l???esplosione ?? stata provocata da una fuga di gas. L???allarme ai vigili del fuoco ?? scattato alle 7,02.

Più informazioni su

Un uomo di 41 anni, Enrico Monzio Compagnoni, ha perso la vita nell’esplosione e nel crollo di una vecchia palazzina di due piani. I fatti in fondo a via Vittorio Veneto, a Treviglio, vicino alla ferrovia. L’esplosione è stata provocata da una fuga di gas metano. "Probabilmente la vittima ha dimenticato aperto il fornello del gas – ha spiegato Luca Rocco, commissario di Treviglio – il corpo è stato trovato all’esterno dell’abitazione, sbalzato dall’esplosione. Poi è stato schiacciato dalla parete, completamente collassata".  
L’allarme ai vigili del fuoco del comando di Bergamo, e del distaccamento volontari di Treviglio, è scattato alle 7,02: sul posto sono intervenute cinque squadre, con tre nuclei cinofili. La palazzina risaliva agli anni ’40: nello scoppio è completamente crollata. Enrico Monzio Compagnoni è stato colpito dal crollo, molto probabilmente, vicino alla porta: forse aveva avvertito la fuga di gas e stava cercando di allontanarsi. L’uomo, netturbino dipendente dell’azienda municipalizzata Sabb, viveva nella palazzina da solo. Faceva parte di una famiglia di sette fratelli, la casa l’aveva ereditata dai genitori. Lunedì sera aveva cenato con uno dei fratelli, che abita nelle vicinanze: oggi avrebbe dovuto rientrare al lavoro dopo un periodo di malattia.
"Ho sentito un botto fortissimo mentre stavo scaldando il latte ai miei nipoti – ha raccontato un vicino – sono sceso in strada e ho visto un gran polverone. Insieme ad altre persone ho provato a cercare tra le macerie, senza però trovare nessuno. Poi sono arrivati i pompieri".
"Stavo andando a studiare – racconta una studentessa unversitaria – quando ho sentito l’esplosione. Conoscevo di vista Compagnoni, era una persona gentile che salutava sempre tutti".
 

Più informazioni su

Video correlati

1 di 1

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.