BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Una meta allo scadere condanna la Reproscan

Tutto si è deciso negli ultimi minuti del match, quando la Rugby Bergamo Reproscan conduceva per 20 a 19, una distrazione dello schieramento ha consentito ai tre quarti del CUS Brescia di passare la difesa orobica e schiacciare l’ovale in meta.

Più informazioni su

Tutto si è deciso negli ultimi minuti del match, quando la Rugby Bergamo Reproscan conduceva per 20 a 19, una distrazione dello schieramento ha consentito ai tre quarti del CUS Brescia di passare la difesa orobica e schiacciare l’ovale in meta. Dopo un paio di minuti arriva il fischio dell’arbitro che mandava tutti sotto la doccia e al terzo tempo.
Peccato per la Reproscan che deve accontentarsi di un punticino conquistato grazie alla differenza punti inferiore a 7, ma che sul finire dell’incontro sperava nel colpaccio contro una delle formazioni più titolate del campionato di Serie C girone Elite. Una partita che deve essere letta in duplice chiave. Il primo tempo chiuso sul punteggio di 5 a 3 a favore degli ospiti, con piazzato bergamasco realizzato da Francesco Giovanni Fragalà, ha messo in luce la strategia attendista di entrambe le formazioni, che nei primi 40 minuti di gioco sono state a pari livello.
Al rientro in campo la musica cambia. I bergamaschi passano in testa con altri tre punti firmati da Fragalà, ma sul 6 a 5 i bresciani rispondono con due mete che tagliano le gambe ai ragazzi di Paolo Rivola. Fino a quando, al termine di una mischia la palla viene depositata nelle mani di Guido Nava, lo storico pilone della Reproscan, che sfonda letteralmente il muro bresciano e schiaccia la palla in meta. Sul 13 a 19 i bergamaschi sfruttano un’altra incertezza del CUS Brescia e il ventunenne Andrea Egidio Ranzanici, frutto del vivaio bergamasco, intercetta una palla e si invola oltre al linea di meta. Il numeroso pubblico rimasto presso la Cittadella dello Sport dove nella mattinata si è tenuto il Torneo giovanile “Città di Bergamo”, festeggia la squadra per il 20 a 19, ormai speranzoso del successo finale, ma una distrazione difensiva, consente ai cugini bresciani di fare la quarta meta e conquistare il punto di bonus. Alla fine il risultato di 26 a 19 per il CUS Brescia, racconta di una partita ben giocata da entrambe le squadre che per 80 minuti sono state alla pari.
“Una partita decisa da episodi” ha commentato Paolo Rivola, coach della Reproscan ”ma tutto sommato possiamo dirci soddisfatti perché abbiamo tenuto testa ad una delle formazioni più forti del campionato”.
E alle spalle della Reproscan? Il punto conquistato oggi dai bergamaschi trasmette un po’ di ottimismo in chiave salvezza, ma fino all’ultima giornata la Rugby Bergamo dovrà lottare con tutte le proprie forze per restare in Serie C. Domenica prossima ultima partita di campionato con la trasferta a Torino.

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.