BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Orio, soluzione anti rumore una rotta di decollo sull’A4

L'Enav sta studiando una traiettoria che segua il tracciato dell'autostrada, anche in considerazione della presenza del nuovo ospedale, distante meno di 4 km dalla pista. Intanto il sindaco di Treviolo si lamenta: "Gli aerei dovrebbero solo lambire il nostro comune, invece ci passano sopra la testa". E il Comitato fissa un incontro con i candidati alle elezioni per conoscere le loro posizioni su Orio.

Più informazioni su

"Siamo fuori dall’ambito aeroportuale, però ne subiamo tutti gli effetti negativi". Il sindaco di Treviolo Gianfranco Masper prende carta e penna per chiedere (nuovamente) a Orio di abbassare il volume dei decolli. "Nessuno ce l’ha con l’aeroporto – precisa il sindaco – Però bisogna fare in modo che gli aerei rispettino la traiettoria prevista, che sulla carta dovrebbe solamente lambire il nostro comune. In realtà ci passano proprio sopra la testa. Ma siccome non facciamo parte della commissione aeroportuale non ci tengono nemmeno in considerazione per i fondi antirumore". E il riferimento al nuovo bando della Provincia (sarà destinato solo ai residenti dei comuni di Bergamo, Orio, Seriate, Bagnatica, Grassobbio e Brusaporto) è puramente voluto.
Per risolvere gran parte dei problemi alle orecchie non solo degli abitanti di Treviolo ma anche di Campagnola e Colognola, l’Enav sta studiando una rotta alternativa (nelle foto sotto) lungo l’A4. Un’esigenza determinata anche dal fatto che il nuovo ospedale della Trucca sorge a meno di 4 km dalla fine della pista, proprio sulla direttrice di decollo: per risparmiare il fracasso ai malati ma anche per motivi di sicurezza sarà quindi preferibile che gli aerei virino in anticipo, seguendo il tracciato dell’autostrada verso Milano. 
Per discutere di questi e di altri problemi legati alla questione Orio il Comitato aeroportuale ha organizzato per il 7 maggio prossimo (ore 20.30, auditorium di Colognola) un incontro pubblico con i candidati alle prossime elezioni amministrative, per chieder loro pubblicamente "quali sono gli interventi previsti nel Vostro programma elettorale al fine di contemperare gli interessi economici con la tutela della salute e della sicurezza delle persone che si trovano a subire il pesante impatto ambientale derivante dall’attività aeroportuale".
In particolare, c’è da affrontare lo spinoso tema delle quote Sacbo in mano a Comune e Provincia: il Comitato sostiene che gli enti controllori non dovrebbero essere in parte proprietari del soggetto controllato. Restano poi da fissare i limiti in decibel delle tre zone d’intorno aeroportuale: un "tetto" al rumore atteso da anni e mai stabilito dalla commissione aeroportuale.

La rotta attuale

 

La possibile nuova rotta sull’autostrada 

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da gino

    Con un sistema politico completamente a disposizione del potere economico, nessun provvedimento serio verrà preso a tutela della salute dei cittadini, per quanto riguarda l’impatto ambientale dell’aeroporto.

  2. Scritto da fl

    I voli continuano ad aumentare, sono diminuiti quelli notturni, ma sono stati rimpiazzati alla grande nella fascia orario diurna. Purtroppo dobbiamo constatare che Comitati dei cittadini nessuno li prende in considerazione, nemmeno in concomitanza con le elezioni amministrative.

  3. Scritto da MB.

    Bravo Paolo.
    Spiegalo a chi non capisce cosa sia il conflitto di interessi che attanaglia le amministrazioni di BG., + curia+banche.
    Inoltre non afferrano che ,le suddette istituzioni pubbliche,con soldi delle tasse di chi le paga,anziche vendere quote di SACBO incamerando soldi freschi da impiegare in STRADE E FERROVIA ,vorrebbero indebitarsi x comprare quote che i Milanesi di SEA vendono.Risultato:3 milioni non entrati+3 usciti =6 milioni in meno.
    E conflitto d’interessi esponenziale..!

  4. Scritto da paolo

    Buon giorno a tutti, vi era la possibilità di sfruttare il parco del serio in località Grassobio per sviluppare la pista e “uscire” dallo specchio della città.La nuova torre costruita poco lontano dalla vecchia conferma il fatto che la priorità non e’ più la salute dei cittadini ma gli interessi economici crescenti.un problema simile per Bergamo che si e’ sempre definita città con ottima vivibilità è vergognoso cosi come il conveniente disinteresse delle cariche.Paolo.

  5. Scritto da Stefano

    Ma se oggi appena decollati virano a nord sulla città x poi virare 270 a sud?

  6. Scritto da Stefano

    PS sbaglio o sino al 2004 già prendevano quella rotta?

  7. Scritto da RB

    sbagli

  8. Scritto da flavio

    Lo sviluppo dello scalo bergamasco è stato costruito su una anomalia topografica dello stesso, traformandola in busines. Le compagnie low cost, sfruttano l’aggressività e l’appettibilità di questa situazione, non dovendo farsi carico dei problemi ambientali connessi.

  9. Scritto da alex

    a Grumello del Monte gli aerei sono in fase di atterraggio sopra la nostra abitazione fino quasi a mezzanotte!!!!!!!!!!
    fate voi.
    Basterebbe spostarsi 300 mt in linea d’ aria e seguire l’ autostrada o è troppo difficile

  10. Scritto da bocagliù

    A prescindere da tutti questi discorsi, come giustamente dice F104, è impossibile fare sterzare gli aerei appena decollati sopra l’autosrada….sarebbe una manovra da frecce tricolori!!!!siamo realisti!!

  11. Scritto da MEFISTOFELE

    BE’ PER LO MENO POTREMO ASSISTERE A UN BEL ATTERRAGGIO SULL’AUTOSTRADA, IN PIU’ ADESSO è PIU’ LARGA CON 4+4 CORSIE!

  12. Scritto da MB.del comitato x l'aeroporto.

    Rivolgo un invito a tutti i Bergamaschi interessati ai problemi viari e aviatori di BG.,sia x lo snodo di Valtesse e relativa tranvia,sia l’impatto che l’aeroporto che ha sulla periferia della città ,a partecipare il 7 MAGGIO prossimo ALL’AUDITORIUM DI COLOGNOLA ,all’incontro voluto dal comitato x l’aeroporto con i candidati sindaci alle prossime elezioni amministrative .X cercare di convincerli a vendere le azioni sacbo.E col ricavato,3 milioni di euri,avviare la tranvia x la valle Brembana.

  13. Scritto da MEFISTOFELE

    scusa MB, ma il tuo comitato io non lo chiamerei “comitato x l’aereoporto”, ma “comitato contro l’aeroporto”
    E dopo se ridimensioniamo orio cosa ne facciamo di un aeroporto con una capacità di 8.000.000 di passeggeri all’anno? Allora possiamo direi ai muratori che stanno lavorando in questi mesi all’ampliamento di andarsene a casa!

  14. Scritto da Fu

    Beh Caro MEFISTOFELE … prova un po’ ad abitare nelle zone dove decollano ordinariamente gli aerei come a noi .. cambieresti idea !
    A me decollano tutti i gg sulla testa e la mia casa c’era PRIMA del potenziamento di Orio (non come a Malpensa che prima prendono i terreni a pochi euro sapendo che c’era l’aeroporto e ora vogliono farlo spostare ;-))
    bisognerebbe veramente cambiare la traettoria di decollo..sono pienamente d’accordo con il comitato!

  15. Scritto da Hermann

    L’ aeroporto Orio al Serio, è inserito in un contesto ambientale a ridosso della città, troppo piccolo per la funzione internazionale che svolge, con una infinita di decolli ed atterraggi. Per risolvere il problema, non c’è niente da fare, bisogna ridurlo almeno di due terzi, lasciando solo i voli necessari per le comunicazioni industriali, economiche, rapporti di lavoro ecc.. Altrimenti si va avanti ancora per decenni a pensare di ridurre il rumore, l’inquinamento atmosferico che utopia.

  16. Scritto da ari

    se il “comitato” fissa un incontro solo per conoscere ed orientarsi per il voto solo basandosi sul loro orticello , spero che orio diventi una base nato !!

  17. Scritto da sergio

    non capisco sti qui di orio, hanno fatto case anche recentemente pagandole anche meno, ovviamente, e adesso vorrebbero mandare via chi c’era già e che ovviamente contava a svilupparsi ???
    ma fatemi il piacere ………………

  18. Scritto da MEFISTOFELE

    Carissimo Fu, io abito a Campagnola, gli aerei mi dan un fastidio tollerabile , certo creano rumore, ma con questo non pretendo che tutto Voi la pensiate come me e neppure me la sento di mandare a casa un sacco di lavoratori per un mio capriccio. Per il discorso che gli aerei possono cadere…be allora fermiamo tutti gli aerei che passano sopra bergamo, compresi quelli che vanno dagli Usa alla Russia!

  19. Scritto da Stefano

    Caro Sig Mefistofele, a Campagnola e in altri quartieri il rumore dei decolli supera i 60dB reali, quindi i residenti avrebbero diritto a delle mitigazioni, poi se a lei piace il rumore può sempre tenere le finestre aperte naturalmente. Stranamente però pare che ci si appigli a calcoli teorici che si basano su dativecchi che di fatto nonriconoscono questo diritto, vi pare giusto? Meno male che almeno di fronte al nuovo ospedale si riflette e si valuta la vecchia rotta. Rotte-impattanti esistono

  20. Scritto da lui

    Il sig. Mefistofele probabilmente non conosce gli effetti negativi sulla salute (sistema nervoso in particolare), che l’eccesso di rumore può provocare. Ma da come scrive deve aver già raggiunto un danno irriducibile.

  21. Scritto da MB.del comitato x l'aeroporto.

    Ricapitolando:
    1-Comune e provincia di BG. vorrebbero comprare quote azionarie SACBO (Aeroporto) detenute da SEA(MI) che vende. Valore 3 milioni di euri.
    Il comitato di cittadini, x il controllo del conflitto d’interessi,creatosi sù Orio,di comune e provincia come detentrici di quote,chiede che:anziche comprare quote vendute da SEA venda le proprie e con i tre milioni di euri incassati,SOLDI PUBBLICI DI TUTTI I CITTADINI, avvii le opere stradali e tranviarie di cui BG; ha tanto bisogno.continua.

  22. Scritto da franco

    Per creare posti di lavoro l’unica possibilità è di far decolllare gli aerei sopra la città, non era pensabile un’altra soluzione.

  23. Scritto da MB:del comitato x l'aeroporto.

    Tranvia della Val brembana.il traffico in Valtesse è arrivato al collasso.x andare da BG.ad Almè ci vuole + DI 1 ora.E I SOLDI, x mettere in cantiere la galleria x bypassare Pontesecco +la tranvia x villa d’Almè,peraltro già progettata,NON C’è Né.
    Perciò le proposte del comitato, x Orio,non sono nè politiche nè del proprio orto,ma bensì proposte di buon senso nell’interesse di tutta la cittadinza .
    Se qualche persona,disinformata,afferma il contrario di quanto sopra Meglio che taccia.MUTI.!.!

  24. Scritto da MEFISTOFELE

    per MB- COMITATO CONTRO L’AEROPORTO: ma secondo te chi acquista le quote da Comune/Provincia si adopererà per ridimensionare l’aeroporto? Semmai, se io acquisto una quota di una azienda, voglio svilupparla!
    Per Lui, è vero ho un danno celebrale (a meno che tu sappia cosa significa), ma almeno tu torna a scuola e impara l’italiano!

  25. Scritto da MB.dell'aeroporto di Orio.

    Chi parla che x creare posti di lavoro si debba continuare a lavorare sù Orio …SCUSANTE TANTO….ma significa essere ottusi.Credendo di essere moderni.
    La tranvia + la galleria + tutte le strade di collegamento alla valle e quantaltro di posti di lavoro ne creerebbero almeno il doppio; che costruire una palazzina ad Orio x allargare l’aerostazione.E che poi Orio + di tanto non potrà dare,sperando non cada mai un aeromobile,perchè é in un…CUL DE SACC.

  26. Scritto da MB.

    Mefistofele…………….
    No comment..

  27. Scritto da MEFISTOFELE

    Grado di civilità di questi commenti =0
    MB se non hai commenti ci vediamo il 7 a colognola.

  28. Scritto da Ivantdg

    Nell’interesse di pochi si sacrificano quelli dei molti. Queste cose acadono sempre piu’ spesso. Le cronache sono piene di queste storie, basti vedere cosa è successo in America che se non ricordo male, lotta per la difesa dei diritti dell’uomo in tutta la terra, ma per gli interessi di pochi grandi Finanzieri Americani, ha mandato in malora il sistema economico globale e i risparmi e posti di lavoro di molte famiglie . Credo che il Vero Padrone della terra non se stara’ a guardare a lungo….

  29. Scritto da MB.

    X MEFISTOFELE.
    Non ho + commentato x non alimentare polemiche sterili ed inutili. Ma……visto che ti ergi a professore,senza polemica,capisci cosa vuol dire ,CONFLITTO DI INTERESSI.?.?.Penso di no. Come purtroppo il sig. Berlusconi in 20 anni a questa parte ha insegnato a tanti Italiani.
    Se comune e provincia non fossero + proprietari di SACBO,avrebbero mani libere x fare rispettare norme che attualmente Orio non ottempera.
    Fuori dalla società sarebbero liberi di farsi rispettare.et capit.?

  30. Scritto da MEFISTOFELE

    TE BELO, purtroppo le persone come te non sono realiste: gli enti locali non venderanno mai le loro quote perchè Orio fa guadagnare; Bergamo e la Lombardia hanno visto incrementare i propri turisti grazie a Orio; Orio è strategico per il mercato a est della lombardia, basti pensare che Nuova Alitalia, dopo la gravissima crisi, ha tagliato solo un volo giornaliero. RASSEGNATI. E poi un comitato non dovrebbe fare politica….A CASA!

  31. Scritto da MEFISTOFELE

    ti faccio una domanda MB: se ridimensioniamo Orio, togliamo dei voli, ma siccome togliere i voli è impossibile (a meno che ci sia un calo dei passeggeri, cosa impossibile nei prossimi anni), in quale aeroporto verrebbero trasferiti? Tu li sposteresti a Montichiari?

  32. Scritto da f 104

    una virata di quasi 90 gradi in decollo a circa 200 300 mt d’altezza fatta con un aereo civile e’ del tutto improbabile.per non dire di peggio,che idea balzana ed irrealizzabile

  33. Scritto da fer

    Montichiari è insediato in un’area strategica migliore di Orio, perlomeno non è a ridosso di una città, basterebbe creare le infrastrutture adeguate per raggiungerlo, come del resto avviene negli altri Stati, dove si costruiscono gli aeroporti lontani dagli insediamenti urbani, ma con collegamenti adeguati.