BergamoNews it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Agenti aggrediti, arrestati due tunisini

Giovedì intorno alle 23.30 una pattuglia della polizia locale è intervenuta per sedare una rissa tra nordafricani ubriachi in stazione: ne è nata una collutazione in cui un agente è rimasto lievemente ferito. Il trio è stato portato al comando di via Coghetti ma ha continuato a dare in escandescenza colpendo porte e scrivanie. Due sono finiti in cella, l'altro è stato denunciato.

Più informazioni su

Serata movimentata per la polizia locale. Giovedì intorno alle 23.30 una pattuglia è intervenuta in piazzale Marconi per una rissa tra nordafricani in evidente stato di ebbrezza. Gli agenti, che erano sul posto per sorvegliare l’arrivo dei viaggiatori dell’ultimo treno in arrivo, sono intervenuti per dividere i contendenti. Come risposta hanno ricevuto a loro volta pugni e calci: è stato necessario chiamare rinforzi, sul posto sono arrivate un’altra pattuglia e una volante della polizia di Stato. Un agente della polizia locale è rimasto contuso a una gamba: medicato al pronto soccorso, ha rimediato quattro giorni di prognosi. I tre, tutti clandestini, sono stati bloccati e portati al comando di via Coghetti.
Ma qui, anziché calmarsi, hanno continuato a dare in escandescenza colpendo porte e scrivanie. Due sono stati posti in stato di arresto con l’accusa di violazione delle norme sull’immigrazione, resistenza a pubblico ufficiale, danneggiamento e false generalità. Si tratta di due tunisini di 23 e 24 anni: il secondo era sbarcato a Lampedusa l’anno scorso. Sono stati rinchiusi in cella di sicurezza. Il terzo, anche lui tunisino, una voilta arrivato in via Coghetti si è invece placato: per questo è stato solo denunciato in stato di libertà. Saranno processati in direttissima sabato mattina.

© Riproduzione riservata

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da the punisher

    mario59 e chi ha detto che i rampolli non devono pagare?
    poi io non vedo in giro tutti questi figli di papa o milionari che vedi tu,io vedo che la gente gli operai le massaie ne hanno piene le palle,questa gente fa quello che vuole ,e per questo devono ringraziare i perbenisti(che son sempre di meno)..
    occhio che poi scoppia il polverone e nel polverone ci finiscono dentro tutti ;)

  2. Scritto da marco

    vedo che molti, in cuor loro vorrebbero + manganellate nei confronti di chi, teoricamente è responsabile di qualcosa …..praticamente darebbero una medaglia ai vigili di parma e in tutti i casi in cui le autorità avessero usato violenza , cioè vorremmo una polizia + americana, o sudamericana che prima spara e poi si accorge di aver commesso un’errore ma fa niente
    capisco il rancore di noi cittadini quando vediamo e sentiamo cose ma uno stato che si rispetti non può usare certi metodi

  3. Scritto da mario59

    Bene bene vedo che in Italia la gente ha le idee chiare. tutti o quasi, certi che si deve garantire la legalità a manganellate..poi se qualche volta a commettere illegalità sono i rampolli di molti di questi benpensanti..allora il metro da usare cambia..e la priorità diventa: levare al più presto dai guai il caro scavezzacollo, chiamando il bravo avvocato ..poi ovviamente tutto torna come prima.. almeno fino alla prossima bravata.
    Questa è l’Italia dei giorni nostri..colpa degli immigrati?

  4. Scritto da leo

    Domani mattina saranno già fuori.
    Pronti a delinquere di nuovo.
    Ormai questi si sentono intoccabili, intanto il massimo che possono rischiare è una notte in galera.
    Benvenuti in Italia, dove tutto è lecito!

  5. Scritto da M.C.

    Caro V.G. secondo te cosa intendo per delinquenti in giacca e cravatta seduti a Roma? Oggi ad esempio i Radicali sono corsi al capezzale dei sei violentatori rumeni, poverini dicono che sono stati maltrattati, avevano gli occhi pesti, zoppicavano. I radicali faranno denuncia all’autorita’ competente per avere spiegazioni delle violenze perpretate ai poveretti. Che bei politici che abbiamo pure pagati profumatamente…..

  6. Scritto da walter

    Dopo una buona cottura atta a disinfestare la carne..possiamo farci cibo x cani

  7. Scritto da matteo V.

    Ordine e rigore: non e’ un dettame fascista e’ l’esigenza del giorno d’oggi! Chi vuole stare alle regole bene, altrimenti ben vengano i permessi di soggiorno da 1000 euro e le il manganello in tutte le occasioni. Zapatero il progressista, sparava ai negri alla frontiera. Qualcosa vorra’ dire, no!!!??!?!

  8. Scritto da the punisher

    2 bombolette di peperoncino ed il gioco è fatto,poi una volta in terra scarpate in bocca, cosi gli si da il benvenuto in Italia.

  9. Scritto da V.G.

    Sei stato anche in Libia? Dopo le vignette di Calderoli la polizia ha ucciso una ventina di persone. Dopo poco Berlusconi ha sottoscritto un accordo con Gheddafi e la Libia (ventennale). Se succede una guerra tra i blocchi delle potenze mondiali secondo l’accordo sottoscritto da Berlusconi noi stiamo con la Libia. Non lo sapevi M.C.?

  10. Scritto da M.C.

    L’Italia e’ gia piena di delinquenza nostrana, ( tanti in giacca e cravatta seduti a Roma), e continua a importarne sempre piu’, qualcuno li difende pure “poverini non hanno da vivere”, bisogna essere ospitali coi bisognosi, etc etc e’ uno SCHIFO. Pensate che al loro paese si comportano cosi’? Io dico no, sono stato in Tunisia, in Marocco, li se sgarri paghi di brutto sia per l’alcol che per la droga, la marcisci in galera