BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Il lavoro nelle filande e le campane: la piccola grande storia

Sono appena usciti due nuovi “quaderni” dedicati alla ricerca storica locale nella media valle Seriana. Giampietro Valoti, con “Il ribelle bianco”, ripercorre la storia del sindacalista Romano Cochi. Il libro di Valter Biella, “Ninì di pendole - La musica delle campane a festa a Casnigo”, si concentra sulla tradizione musicale del paese.

Più informazioni su

Sono appena usciti due nuovi “quaderni” dedicati alla ricerca storica locale nella media valle Seriana. Apparentemente sono diversi, in realtà sono uniti dalla passione e dal lavoro di ricercatori e musicisti attivi già negli anni Settanta e Ottanta.
Quello di Giampietro Valoti, “Il ribelle bianco”, ripercorre la storia di Romano Cochi, sindacalista che sostenne le lotte delle donne e degli uomini che lavoravano in filande subito dopo la prima guerra mondiale. Nei pochi anni che restò a Bergamo divenne così celebre che la memoria orale del sindacalista cattolico e antifascista è arrivata fino a oggi. Le vicende di Romano Cochi sono raccontate attraverso l’uso di più fonti: le testimonianze orali di coloro che vissero in prima persona quell’esperienza, lo spoglio della stampa locale e nazionale, e documenti degli archivi e quelli meno istituzionali quali lettere memorie e diari. Le prefazioni sono di Ivo Lizzola e Roberto Bruni.
Giampiero Valoti è docente della Terza Università e dell’università per Anziani di Bergamo. Le sue ricerche si focalizzano sulla storia del lavoro e della cultura delle valli bergamasche. Il volume edito dal Sistema bibliotecario urbano di Bergamo nella collana “Quaderni dell’archivio della cultura di base” si può acquistare alla Biblioteca Tiraboschi.
Il libro di Valter Biella, edito dal comune di Casnigo con il titolo: “Ninì di pendole – La musica delle campane a festa a Casnigo”, con la collaborazione dell’Associazione culturale “Il baghet”, si concentra sulla tradizione musicale del paese. Anche in questo comune come in molti altri paesi era ricchissimo il repertorio espressivo dell’arte campanaria che dettava i ritmi dell’aggregazione sociale. Fortuna ha voluto che un campanaro avesse trascritto 40 musiche per campane e questo ha permesso di salvare la memoria di questo repertorio che solitamente viene tramandato oralmente. In questo quaderno vengono pubblicati tutti gli spartiti originali delle musiche casnighesi, ed è inserito, come allegato alla pubblicazione, un Dvd con i brani per campane suonati su “Campanine” di vetro dal campanaro Perani, in una rara videoregistrazione del 1986. Questo nuovo Quaderno Casnighese si rivolge a studiosi, ricercatori, insegnanti, appassionati, scuole e tutti i cultori di storie “minori” delle classi popolari, ed è in distribuzione presso la locale biblioteca.

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.