BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Una pubblicità fuori luogo

La coincidenza non poteva essere meno fortunata. Quello spazio pubblicitario che strilla "Bergamo, alta qualità della vita", pagato dall'Amministrazione provinciale, compare proprio in mezzo a tabelle e statistiche che forniscono ben altro risultato. La Bergamasca precipita dal 20° al 60° posto e tutto si può dire tranne che sia un bel passo in avanti.

Più informazioni su

La coincidenza non poteva essere meno fortunata. Quello spazio pubblicitario che strilla "Bergamo, alta qualità della vita", pagato dall’Amministrazione provinciale, compare proprio in mezzo a tabelle e statistiche che forniscono ben altro risultato. La Bergamasca precipita dal 20° al 60° posto e tutto si può dire tranne che sia un bel passo in avanti. Per quanto discutibili e non prive di contraddizioni, le cifre fornite da Il Sole 24 Ore danno comunque l’idea di una provincia, con la p minuscola, che perde colpi. Una terra che, insieme ad innegabili interventi innovativi, vanta performance negative (in tema di sicurezza, di mortalità per tumore, di elefantiasi della giustizia, ecc) che devono indurre serie e profonde riflessioni. La pubblicità è utile, necessaria anche a volte. Ma va usata con raziocinio. Piazzata lì in mezzo a quelle statistiche ha il solo effetto di suscitare un risolino amaro. Le belle parole e le immagini accattivanti possono non bastare quando si ha la possibilità di confrontare la nostra realtà con le altre. Ci si può gloriare del "progetto strategico di modernizzazione del territorio e di sostegno alla competitività delle imprese", purchè ci si ricordi che il mondo non finisce sotto il palazzo di via Tasso. Le statistiche del Sole 24 Ore ci dicono, per dirla alla Bettoni, che c’è ancora bisogno di rivoltarsi le maniche prima di poter ambire a ruoli di avanguardia. La propaganda può aspettare.

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da caro carosello

    Provincia e Comuni caro carosello..

  2. Scritto da carosello

    La pubblicità, purtroppo, non è pagata dalla Provincia, ma dai cittadini. Non si tratta di una coincidenza , ma di un andazzo che riguarda i nostri amministratori. Si tenta di mistificare la realtà attarverso la pubblicità e la propaganda. Nel nostro caso sono finiti miseramente sbugiardati. Naturalmente i governanti di Provincia e Comune ritengono di dover gestire il pallino ancora per l’avvenire, nonostante la figura barbina.