BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Tonino e la questione morale, pardon famigliare

Non ?? la prima volta che il leader dell'Italia dei valori inciampa su questioni prettamente famigliari: nel 2004 quando Roberto Bruni venne eletto sindaco di Bergamo propose come assessore la moglie. E alle benemenreze 2008 il partito del l'ex pm ha sostenuto e ottenuto il riconoscimento al suocero. I simpatizzanti intanto protestano sui blog

Più informazioni su

Antonio di Pietro tiene famiglia. Niente di strano, non è il primo politico e neppure l’ultimo. Ma lui sulla famiglia scivola. E rischia di cadere insieme al bel po’ di consensi che l’Italia dei valori sta racimolando a scapito del Pd proprio in tema di legalità e correttezza. La questione morale, di cui Tonino è portavoce e portabandiera dai tempi di Tangentopoli e che sta letteralmente affossando Veltroni e i suoi, rischia di travolgerlo. In questi giorni sul suo blog e su altri siti amici è un susseguirsi di domande, di critiche, di proteste per la vicenda famigliare che ha visto protagonista di un’intercettazione non proprio immacolata il figlio Cristiano. Così, mentre i sondaggi danno l’Italia dei valori in forte espansione, la vicenda del ragazzotto forse un po’ disinvolto al telefono rischia di creare qualche inatteso e certo non voluto problema. Così Antonio di Pietro annuncia: "Mio figlio esce dall’Italia dei valori".
Figlio fuori, mani di nuovo pulitissime: si può tornare a fare il moralista impeccabile, quello che raccoglie simpatie da parte di chi ritiene (forse giustamente) che il problema numero uno del Belpaese sia l’etica, o meglio l’assenza di etica da parte dei politici, dei governanti, anzi in fondo di una bella fetta della società.
Ma c’è un ma. Antonio di Pietro non è nuovo alle questioni famigliari dentro la politica. Bergamo lo sa, Bergamo (provincia d’adozione dell’ex pm che abita a Curno) ha imparato a conoscere questi retroscena non sempre edificanti. Basta ricordare il 2004 quando, subito dopo l’elezione di Roberto Bruni, mentre il neo sindaco costruiva la Giunta a cui spettava un assessore dell’Italia dei valori, assessore già praticamente deciso da tempo (era Goffredo Cassader), tutto saltò per aria perché lui, Antonio di Pietro, chiese a Bruni di nominare nell’esecutivo la moglie Susanna Mazzoleni, facendo fuori Cassader. Allora  il sindaco prese una posizione chiara: niente Cassader, niente signora di Pietro, niente assessore all’Italia dei valori, ma una persona di sua fiducia: Luciana Gattinoni. Decisione che modificò solo un anno fa quando Luciana Gattinoni decise di dimettersi e allora, finalmente in Giunta nominò un esponente dell’Idv: Sergio Piffari.
Una moglie, poi un suocero. E’ recente, recentissima la vicenda legata alle benemerenze cittadine: in questo caso l’Italia dei valori ha proposto appunto il suocero del leader del movimento, il papà della suddetta moglie. Arbace Mazzoleni, persona perbene e meritevole, è entrato così, involontariamente, in una querelle tutta politica scatenata dal gruppo del genero. La benemerenza alla fine gli è stata assegnata, ma la sensazione di un favore all’illustre parente politico non si toglie facilmente.
E adesso rieccoci: stavolta tocca al figlio. Cristiano lascia il partito del papà e Tonino dichiara che forse il suo gesto è addirittura eccessivo in quanto il ragazzo non è indagato. Forse è eccessivo, sì. Ma forse eccessiva è la cura che il movimento dipietrista mette nel promuovere i famigliari del leader. Chi di famiglia ferisce…. 

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da sarina

    Ma quanto astio, degno di migliore causa!!
    Forse Di Pietro ha indicato la moglie solo perchè nel partito nessuno voleva Cassader e se gli avessero dato l’assessorato il partito si sarebbe ammutinato perchè non ha mai fatto niente per il partito: bene ha fatto vista la lealtà con cui ha lottato perchè l’assessorato, non assegnato a lui non fosse assegnato a nessuno.
    Personalmente scelgo gli amici fra le persone corrette e non fra i palloni gonfiati ignoranti. Scelga meglio i suoi amici !!

  2. Scritto da cipollotto

    @ r.d.c.
    Divertente.
    Speriamo trovi presto la pace o,in subordine,non riuscendo a rilassarsi, riservi lo stesso trattamento ad altri partiti.
    Credo che il suo astio debba trovare altri luoghi per palesarsi.
    Provi nella sezione Cinema, o ne crei una per Lei,magari….Ippica.
    Buon Anno

  3. Scritto da S.M.

    MA che buffonate degne de IL GIORNALE !!

  4. Scritto da pivello

    Era ora! Il signor Di Pietro qui a Bergamo lo conosciamo bene, ma chissà perché su di lui nessuno dice niente

  5. Scritto da Farfarello

    Cara R.D.C., sai qual è la grossa differenza fra l’IdV e gli altri partiti? Che qualsiasi altro partito italiano avrebbe difeso il proprio rappresentante e accusato la magistratura di “volere fare politica”. Con molta coerenza e senso di responsabilità, invece, l’IdV ha deciso di lasciare lavorare in pace la magistratura e nel frattempo suggerito al proprio rappresentante di dimettersi fino a indagini concluse. Per questo Di Pietro piace alla gente comune e piacerà sempre di più.