BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

I fantastici quattro del 2008 vota il miglior atalantino fotogallery

Chi è stato il miglior nerazzurro dell'anno che sta per finire? Bergamonews ha assegnato quattro nomination: Doni, Floccari, Manfredini e l'argentino Tissone, passato in estate all'Udinese. Ai lettori l'ardua scelta.

Più informazioni su

Chi è l’atalantino del 2008? Ecco le quattro nomination, assegnate in base a quanto espresso sul campo nell’intero anno solare, ovvero nella seconda parte della stagione scorsa e nella prima tranche di quella attuale. Sono corredate da una breve ma esauriente motivazione: a voi l’ardua scelta.

Sergio Floccari: segna, diverte, fa segnare. E’ la vera scoperta del 2008. La partenza di Zampagna gli ha dato la chance di dimostrare il suo valore e lui l’ha sfruttata alla grande. Attaccante moderno, capace di far salire la squadra ma anche di buttarla dentro spesso e volentieri: finora ha già firmato otto gol, eguagliando il bottino dell’intero campionato scorso. A giugno se ne andrà in una grande (la Roma gli fa la corte da tempo), fino ad allora conviene goderselo e coccolarselo.
Cristiano Doni: gli hanno dato anche la benemerenza civica, più che un capitano è un monumento. Con il passare dei mesi è diventato sempre più leader, sempre più uomo squadra. Anche nelle giornate di scarsa ispirazione riesce comunque a lasciare il segno con un assist o un’azione importante: tiene sempre in allarme gli avversari, che sanno di poter essere colpiti in qualsiasi momento. Ha battuto il record di gol in maglia nerazzurra e anche in questa stagione è partito bene: tre le reti segnate prima della sosta. Unico difetto, il caratterino. Protesta sempre, protesta troppo. Dovrebbe capirlo, perché le sue squalifiche pesano: senza di lui l’Atalanta non è la stessa cosa.
Thomas Manfredini: da onesto rincalzo a difensore da Nazionale, nel 2008 il suo balzo è stato gigantesco. Merito di Del Neri, che lo ha trasformato da terzino sinistro in centrale, ma soprattutto merito suo: ha saputo emergere in un ruolo delicato grazie a concentrazione, senso dell’anticipo e della posizione. Valore aggiunto, la correttezza. Commette pochi falli e questo significa meno pericoli sui calci piazzati per l’Atalanta. In compenso, proprio su calcio da fermo ha abbattutto il Napoli. Anche lui, di questo passo, sarà un protagonista del mercato estivo. A meno che qualche grande non decida di rapirlo prima.
Fernando Tissone: era la luce e il perno del centrocampo nerazzurro. Perderlo alle buste è stato un vero peccato. Certo, Cigarini è un più che degno sostituto. Ma il dinamismo e la generosità dell’argentino hanno illuminato l’Atalanta versione 2007-2008. Il gol nel recupero con il Milan è una perla che resterà a lungo incastonata nella memoria dei tifosi. Per il 2009 ci auguriamo di rivedere in campo al più presto sia lui che Cigarini: sono due dei centrocampisti più promettenti del campionato italiano.
 

 

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.