BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Vera Carrara chiude la bici in cantina “Troppe cattiverie, non mi divertivo pi??”

La campionessa orobica non torner?? sulla decisione di smettere: "Ho lavorato a testa bassa per dieci anni, pu?? bastare. Sono stanca, anche perch?? questo ambiente non ?? pi?? quello di prima. Per questo ho voluto uscirne rifiutando anche una carica da direttore sportivo". Le resta il rammarico per la gara di Pechino: "Mi sono tagliata le gambe da sola".

Più informazioni su

Vera Carrara non risalirà sulla bici. Il 2008 è stato il suo ultimo anno da professionista. "L’annuncio che ho dato dopo la gara olimpica non era una battuta a caldo, avevo deciso già un anno fa. L’ambiente non è più quello di prima e io non mi diverto più" spiega la campionessa orobica.
Dalle parole traspare amarezza, anche se Vera non scende nei particolari si capisce che qualcosa si è rotto:
"E’ un mondo in cui ci sono troppe invidie e cattiverie, meglio uscirne. Mi avevano proposto di diventare direttore sportivo, ma avrebbe significato restare nel giro. Meglio staccare. Ma chiudo da vincente, visto che ho pur sempre conquistato un bronzo ai Mondiali. Lo spirito di sacrificio in questi anni non mi è mai mancato, posso ritenermi soddisfatta della carriera che ho fatto. Per dieci anni ho lavorato a testa bassa, inutile andare avanti se non si hanno più gli stimoli giusti".
Ma cosa farà Vera da grande?
"Per ora resto in Polizia, poi vedremo".
Resta il rammarico per l’occasione sprecata alle Olimpiadi di Pechino.
"Ho sbagliato io, mi sono tagliata le gambe da sola. Puntavo tutto sulla seconda metà di gara e invece la fuga dell’americana mi ha sorpreso: tutto si è deciso all’inizio".
Pensiero finale e inevitabile sul Giro che torna per il terzo anno consecutivo a Bergamo.
"E’ sempre bello avere la corsa rosa in casa nostra. Poi si sa che noi bergamaschi siamo campanilisti…Il percorso mi sembra particolarmente bello: attraverserà la Valtaleggio, uno dei panorami alpini più suggestivi. Poi c’è il Colle Gallo con il Santuario dei ciclisti: ci siamo passati tutti, sarà una bella emozione".

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.