BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Raid israeliano su Gaza, 120 morti

I bombardamenti aerei rivolti contro le installazioni militari di Hamas. Distrutte le sedi della polizia del movimento islamista. Peres: "Non entreremo nella Striscia"

Le Forze di Difesa Israeliane stanno bombardando dalle prime ore della mattina la striscia di Gaza. Nei diversi raid, che hanno come obiettivo le installazioni militari e i miliziani di Hamas, sarebbero state uccise – secondo fonti mediche – circa 120 persone. Uno dei primi attacchi ha colpito la sede della polizia nel corso della cerimonia di giuramento dei nuovi agenti, mentre nel corso dei successivi attacchi sono state distrutte tutte le stazioni della polizia di Hamas nel territorio della Striscia. Tra i morti ci sarebbe anche il capo della polizia Tawfik Jabber. E’ stato colpite anche le infrastrutture del porto di Gaza, già isolato dal blocco navale.

«Gli obiettivi che sono stati attaccati erano stati individuati dai servizi informazione negli scorsi mesi e comprendono terroristi di Hamas che operavano da basi, comandi, basi di addestramento e arsenali bellici» hanno spiegato fonti militari israeliane. Un attacco preventivo a seguito dell’annuncio del movimento armato palestinese di ritornare a colpire il territorio israeliano al di là della linea di confine stabilita dall’armistizio del 1950.
All’indomani dell’interruzione del blocco terrestre e navale che isolava la Striscia, ha vinto la linea dura di chi, nel governo guidato da Kadima, intendeva colpire da subito il movimento islamista, prima che si intensificassero i lanci di Qassam verso le cittadine israeliane a ridosso della Striscia. In una intervista ad un quotidiano in lingua araba edito a Londra il presidente israeliano Shimon Peres ha specificato però che le operazioni di bombardamento sono volte a colpire Hamas, ma non sono il preludio ad un ritorno dell’occupazione nella Striscia: «non entreremo a Gaza, ci sono altri mezzi. Non ce ne siamo andati da Gaza per tornarci». Hamas ha annunciato immediate azioni in risposta «all’aggressione degli occupanti».

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.