BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

“Non sapete accogliere gli stranieri” E la culla del presepe resta vuota fotogallery

I sacerdoti della parrocchia di Santa Lucia hanno voluto sferzare gli uomini (e le donne) di poca volontà con un gesto forte e provocatorio: "Questa notte non è Natale. Non siete pronti. Se non sapete accogliere lo straniero, il diverso, non potete accogliere il Bambin Gesù". E la culla del presepe resta senza il Bambinello

Più informazioni su

Le sue prediche sono spesso dure, con l’attenzione rivolta ai problemi della società del terzo millennio. Durante le messe nella chiesa di Santa Lucia a Bergamo monsignor Attilio Bianchi invita a curarsi dei più poveri, dei più deboli, degli emarginati. Ogni domenica il parroco del Tempio Votivo ricorda ai fedeli che Gesù Cristo amava gli ultimi e non quei benestanti che spendono e spandono senza pensare che qualcuno non mangia, ha freddo, soffre.
Ma stavolta don Attilio con i sacerdoti della parrocchia della zona dell’ospedale han fatto qualcosa di più che riprendere, sgridare, sollecitare a seguire il Vangelo: stavolta han deciso che il Bambin Gesù lì non sarebbe venuto al mondo. Già, hanno voluto sferzare gli uomini (e le donne) di poca volontà con un gesto forte e provocatorio: "Questa notte non è Natale. Non siete pronti. Se non sapete accogliere lo straniero, il diverso, non potete accogliere il Bambin Gesù. Perciò Gesù non nasce".
Così è stato: la tradizione del Bambinello che viene posto al centro del presepe la notte del 25 dicembre è stata infranta per dare un chiaro e deciso messaggio.
Spiega il parroco: "Sull’altare la statua del Bambino c’era. Ma in parrocchia abbiamo costruito un presepe basandoci su un racconto di Ezio del Favero ‘Al chiaro delle stelle’. In questo racconto Gesù Bambino esce dalla culla per andare da un bimbo povero che non osava stargli vicino. Ecco, il messaggio che abbiamo voluto dare è proprio questo: Gesù non  ha paura di avvicinarsi agli emarginati, agli ultimi. E’ ora che chi si dice cattolico metta in pratica gli insegnamenti di Cristo".
Così nel presepe di Santa Lucia, tra i protagonisti della natività la culla resta vuota.

Il testo integrale dell’omelia di monsignor Bianchi

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da Terry

    Il Bambinello, farebbe molta fatica anche a riconoscere ed accettare cosa è diventata oggi la Chiesa e i suoi ministri, inversamente ai suoi insegnamenti di 2000 anni fa… Si sono ammantati di ori e di lusso, di possedimenti e di potere. Fate un giro in Città Alta e vedete se la Chiesa è per gli umili, per gli ultimi della società.
    Possiede le parti più “in” ed esclusive della città.
    Forse anche per questi, Gesù Bambino potrebbe disertare il presepe…

  2. Scritto da walter

    Il prete doveva fare il ginecologo..visto che si permette di far nascere gesù….! La chiesa è allo sbando…

  3. Scritto da gg

    News : Il bambino ritornerà nel presepio di S.Lucia con Caspar, Melchior, Balthasar il giorno 6 Gennaio 2009

  4. Scritto da MaurizioVero

    99 non si innervosisca ognuno la paensa come la pensa. Se lei è leghista_forzista mica è colpa degli altri.
    Saluti e auguri.

  5. Scritto da Maurizio

    Mauriziovero io esprimo le mie OPINIONI, Lei esprima le SUE e punto.Sono vero quanto LEI.I fatti, purtroppo per Lei, mi danno ampiamente ragione, caro il mio masochista; e so bene quello che scrivo, sig.cittadino del mondo.

  6. Scritto da MaurizioVero

    97 mi pare che lei non sa quello che scrive. Oltre ad esser masochista è pure leghista_forzista?

  7. Scritto da teo

    -i parrocchiani di santa lucia non hanno mai fatto mancare il loro aiuto! si vedano tutti i progetti realizzati in questi anni.
    -il bergamasco non ama apparire quando fa beneficenza
    – bergamo e provincia contano il maggior numero di associazioni di volontariato in italia
    – gli stranieri qui son trattati benissimo-ah, non pensiamo solo ai nomadi: caro don attilio sono straniere anche le numerose badanti, gli operai ecc tutte persone che credo apprezzino la nostra generosità

  8. Scritto da mat

    onestamente mi sono stufato di sentirmi dire che sono il solito bergamasco razzista ecc ecc….andate a chiedere come si vive a bergamo, che accoglienza c’è qui, ecc.
    poi sicuramente non saremo degni di ricevere il bambinello, ma non certo per il motivo sbandierato (con la bandiera rossa) da don attilio (che però ricordo sempre con piacere: anni fa una sua predica, quella sì splendida, mi convinse a fare una scelta di volontariato per me fondamentale).

  9. Scritto da Pol.sco.

    Ripeto per l’ennesima volta a ureidacan (nonostante sia avv. iccardi uigi dalla Lucania) quanto già scritto a correzion della sua disinformazione

    79. Scritto da: Pol.sco. 29/12/2008
    E’ illecito e sanzionabile dall’amministrazione pubblica dare ospitalità, anche temporanea, ad un clandestino
    State attenti agli errati consigli di certi legulei

    Illecito amministrativo sanzionato con una forte multa: chi ha mai parlato di reato?
    Ureidacan, non ciurlare nel manico

  10. Scritto da Pol.sco.

    Io conosco bene Don Attilio Bianchi
    Quando ero leader dei Collettivi Studenti Socialisti della città l’avevamo eletto nostro “padre spirituale”
    Per le sue posizioni eterodosse, da insegnante all’Esperia l’avevano spedito a Frerola, un minuscolo paesino montano della Valle Brembana, perchè non facesse più danni
    A noi minorenni esagitati un prete quasi spretato mandato in esilio e che votava Partito di Unità Proletaria (PDUP) faceva un certo effetto e fummo irretiti dalla sua teologia della liberazione
    Passati decenni ed espiata la sua colpa di predicatore quasi eretico lo perdonano, pensandolo pentito, e lo mettono proprio nella parrocchia più ricca e fighetta della città, pensando che lì avrebbe avuto poche occasioni per fare il rivoluzionario contro l’insegnamento della Chiesa madre
    Si sbagliavano: rimandiamolo a Frerola, ma in pensione!
    E come hanno obbligato quell’altro a togliere la moschea dal presepio, che s’intervenga ponendo finalmente Gesù Cristo nella mangiatoia per la gioia degli incolpevoli bambini traumatizzati dallo stigma di abitanti del quartiere più egoista della nazione

  11. Scritto da ureidacan

    Pol.sco frequenta più i blog che i Tribunali,sfoglia più Libero che la Guida al Diritto. Dare ospitalità ad uno straniero non è reato e neppure è sanzionabile con una multa o ammenda. Se ospito uno straniero l’unico mio compito non è quello di chiedergli il permesso di soggiorno ma il passaporto e comunicare i suoi dati come per trutti gli altri inquilini.

  12. Scritto da mauro

    Ad ognuno il suo Gesù!
    Per i benestanti e’ sopratutto lo specialista delle remissioni dei peccati. Per i poerecc e’ la salvezza: tra i due lo stato del diritto quello che potrebbe creare le condizioni obbiettive perché s’incrementino le nascite.
    Sia i laici-socialisti e comunisti- che i cosidetti liberali oppure conservatori, corrono dietro ai preti per qualche manciata di voti in più
    Cosicché la questione sociale e’ priggioniera delle varie case spirituale.

  13. Scritto da L.R.

    …premesso che sono cattolico credente,non posso accettare la posizione assunta da Don Attilio e company, in quanto non si può giudicare un’intera assemblea liturgica sull’accoglienza degli altri.Sicuramente tra tutti i presenti la maggior parte di essi,pratica l’accoglienza con i propri mezzi a disposizione (beneficenza-sostegno morale e materiale etc),non si può fare di ogni erba tutto un fascio.La chiesa è l’insieme di tutti i battezzati e non si possono prendere posizioni unilaterali.

  14. Scritto da silvietta

    Pol.sco: Lei se n’è andato, liberando il Consiglio comunale della Sua inutile presenza. Ora, per piacere lasci anche questo giornale. Chissenefrega del fatto che quando era un giovane socialista (socialista con un padre spirituale?) conosceva e apprezzava il parroco di S. Lucia? Se Lei ha cambiato idea nel corso degli anni, se da socialista è passatoa baciapile di tutti i potenti cattolici sono problemi Suoi, non nostri. E meno male che il suddetto parroco va avanti con coerenza

  15. Scritto da L.R.

    Caro Don Attilio, dopo aver tolto i crocifissi dalle aule delle scuole perchè andavano contro i principi dei nostri “fratelli” mussulmani,adesso togliamo anche il bambinello dal presepe e ci adoperiamo alla costruzione di numerose moschee per i nostri “fratelli”mussulmani.Poi vedremo se nei paesi mussulmani ci faranno costruire delle chiese per farci professare liberamente la nostra fede cristiana.

  16. Scritto da wow

    “Coerenza” silvietta? Parola che polsco non conosce. Ma dà lo stesso lezioni a tutti

  17. Scritto da L.R.

    Caro Don Attilio e company, vi invito a leggere la rivista “Tempi” n.39, pagina 10 del 12 ottobre 2006 che potete trovare benissimo su internet alla seguente voce: “grazie alle vostre leggi democratiche vi invaderemo” – “grazie alle nostre leggi religiose vi domineremo”

  18. Scritto da Maurizio

    Questo è tafazzismo al massimo livello. Beh, se li accolga tutti lui allora visto che li vuole tanto, in Chiesa posto ce n’è…certo che con la crisi che c’è bisogna proprio essere masochisti per creare un minestrone di razze e culture qui in itaglia.

  19. Scritto da ingegnere

    Ma caro il mio Pol.sco, suvvia…
    La sovraesposizione mediatica non è cercata dai religiosi, è creata da chi su questo fatto vuole alimentare la polemica.
    Da chi ne fa una bandiera politica, da un lato, come da chi dall’altro lato si sente messo in mezzo e si lancia ad attaccare le persone, anziché ad esaminare le loro parole.
    Era un’omelia, rivolta a un pubblico di fedeli. Ciascuno di essi sarà uscito dalla chiesa e ne avrà portato a casa un senso, in accordo o in disaccordo.

  20. Scritto da ingegnere

    L’omelia è poi diventata un evento nel gossippetto politico provinciale. Va bene, se ne discuta. Ma si discuta dell’omelia, non di
    – chi siano i sacerdoti che l’hanno pronunciata
    – chi abiti in quel quartiere
    – cosa votassero i sacerdoti 30 anni fa
    – se la Chiesa faccia o non faccia comodo, e quando
    – chi debba prendersi in casa chi
    – quali parrocchie facciano quali attività
    – varie ed eventuali.
    La polemica su questi argomenti può essere ricchissima, ma è totalmente fine a se stessa.

  21. Scritto da ingegnere

    I sacerdoti hanno fatto un discorso centrato sulla carità e l’accoglienza: sono doti molto cristiane, così, a pelle. Più che dire “accolgano loro, brutti cattocomunisti” – ché tutto sommato, a rispondere così si corre il rischio di venire male interpretati – forse vale la pena di entrare nel merito delle loro parole. Si potrà dire “hanno ragione” oppure “hanno torto, per questo e questo motivo”. Auspicabile sarebbe che i motivi del torto fossero un po’ più elaborati di “sono catto comunisti”.

  22. Scritto da giorgio secchi

    vedo che molti commenti insistono su una lettura “politica”, i “cattocomunisti” ecc., è desolante la incapacità di leggere la realtà. Il sacerdote ha semplicemente applicato il Vangelo e loro, i farisei, sono infastiditi che gli si ricordi il loro egoismo e la loro ottusità. la maggior parte di quelli che criticano hanno in casa badanti rumene, baby sitter filippine, usano operai di colore, magari senza contratto. Siamo un paese rozzo, incivile, egoista e malsano, i giovani si mettano in salvo

  23. Scritto da Il Bergamotto

    Se Secchi mi permette, a mettersi in salvo dovrebbe essere la società intera. Ma da preti come questi, capaci di spargere il seme della demagogia in salsa globalista perfino durante i sermoni.

  24. Scritto da Pol.sco.

    Io non ho commentato l’omelia
    Nemmeno una parola
    Non mi sarei mai permesso
    I miei strali vanno e sono andati solo all’insano gesto concreto di non porre Gesù nella mangiatoia!
    Questo è sacrilego
    E’ impedire di festeggiare il Natale, specialmente agli innocenti bambini che frequentano il Tempio Votivo, questa enorme Chiesa rilucente d’oro
    Che i tre stipendiati dalla Curia (e quindi dal mio 8 x 1000) pongano subito rimedio ed espongano il bambinello
    E poi facciano le prediche che credano!!!

  25. Scritto da Pol.sco.

    Puniscano con penitenze appropriate chi in confessione ammette di non far nulla per i più poveri
    Ma lascino stare le generalizzazioni
    Sappiano che i loro fedeli non possono per legge ospitare i clandestini, nè dar loro lavoro, nè possono acquistare la loro mercanzia taroccata per non commettere reati
    Hanno fatto solo demagogia: non ho certo bisogno di tre cattocomunisti in tonaca per rendermi conto delle miserie che mi circondano

  26. Scritto da ureidacan

    Intanto essere clandestini (cioè privi o con il permesso di soggiorno scaduto) non è reato. Ospitare un clandestino non è reato. Le leggi speciali (Bossi Fini e il decreto Maroni), che dicono cose opposte rispetto al Vangelo,considerano reato fittare un immobile o dare un lavoro ad un clandestino.

  27. Scritto da giorgio secchi

    caro bergamotto, continua a pensarla così, io aspetto il giorno in cui, come in altri Paesi più civili del nostro, gli stranieri che vivono qui facciano un giorno di astensione dal lavoro per avere i diritti che gli neghiamo. Quel giorno, caro Bergamotto, le toccherà scoprire quanto della sua vita comoda, grassa e benestante dipenda dalla fatica di chi è qui in cerca di un futuro, noi siamo un popolo vecchio, destinato a morire, per fortuna

  28. Scritto da silvietta

    Mamma mia! Qualcuno ci liberi dagli strali di pol.sco. Unto e straunto da non so quale “signore”, arciconvinto di essere depositario di tutte le verità in cielo in terra e in ognidove. La preghiamo, La invochiamo: ci liberi dalle Sue omelie di uomo inascoltato e inascoltabile. Viva il parroco di Santa Lucia che ha chiesto ai cristiani di seguire Cristo e quindi di fare i cristiani. Null’altro.

  29. Scritto da un passante

    Forse trae in inganno il personaggio un pò ideologizzato di don Attilio. Ma per chi si sente cristiano e cattolico le parole dell’omelia non potrebbero essere più profonde e problematiche. Probabilmente ci sono sempre meno cristiani e cattolici e sempre più realisti e disincantati. Se sia un male o un bene non è dato a sapere.

  30. Scritto da Francesco

    questo Don vul far nascere Gesù Bambino quando lui vuole e si permette di giudicare un quartiere a suo insindacabile giudizio a “danno” anche di quelle persone capaci di ricevere il prossimo.
    E’ sicuramente un atto di arroganza

  31. Scritto da ingegnere

    Sacrilego? Non mettere una statua in un presepe è sacrilego?
    Capperi.
    Mi sembra che la sintesi proposta da silvietta sia molto azzeccata: il parroco ha chiesto ai suoi cristiani di comportarsi da cristiani, tutto qui. Senza messaggi politici. Basta leggere l’omelia… Ma c’è chi non si azzarderebbe neanche a commentarla. Insolentirne i redattori, sì: entrare nel merito, mai.

  32. Scritto da un cattolico

    Prima di invitare a raccogliere gli stranieri, cari sacerdoti, cercate di mantenere nelle chiese quei pochi fedeli che ancora le frequentano! Forse, in previsione che i bergamaschi lasceranno le chiese visto i sacerdoti che si ritrovano, Vi state portando avanti puntando sugli stranieri?

  33. Scritto da Pol.sco.

    Forse è il caso di ripetersi. Il prete può fare l’omelia che vuole. Può richiamarci tutti ai nostri doveri di cristiani. Può criticarci perchè non facciamo mai abbastanza per il nostro prossimo
    Può anche gridare “fuori dalla mia chiesa le impellicciate” come fece a Fontanella Don Turoldo in una messa del mezzanottenatalizio a cui partecipai tanti anni fa
    E può rifiutare la comunione a chi non ritiene ne sia degno o negare l’assoluzione a chi non dimostra d’essersi pentito
    MA NON PUO’ NEGARE A GESU’ BAMBINO IL SUO POSTO NEL PRESEPIO, per finire sui giornali ed in Tv
    Quello mi fa s… e spero venga richiamato ai suoi doveri dai suoi superiori
    Le sole vittime dell’insano gesto sono i bambini innocenti a cui non si può dire: “Sai, nel nostro quartiere, Gesù Cristo non è venuto a salvarci, perchè noi di Santa Lucia ne siamo indegni, mentre nei bassi di Napoli o nei quartieri mafiosi di Palermo son meglio di noi: lì Gesù è nato, com’è nato in tutto il mondo. Noi invece siamo Sodoma e Gomorra, meritiamo l’inferno in terra, per fortuna che abbiamo i tre vendicatori dell’Ave Maria a ricordarcelo!”

  34. Scritto da Pol.sco.

    E’ illecito e sanzionabile dall’amministrazione pubblica dare ospitalità, anche temporanea, ad un clandestino
    State attenti agli errati consigli di certi legulei

  35. Scritto da stellina

    Mi auguro che il Vescovo metta freno al desiderio di onnipotenza e superiorità che spesso anima i preti di S.Lucia.
    Se tra gli abitanti del quartiere ci fosse una persona giovane, che per sua sfortuna deve farsi carico della famiglia xè ha perso i genitori, fare i sacrifici più impensabili, la quale cerca nella preghiera conforto e forza…anche questa persona è indegna di accogliere gesù?!
    Gli italiani sanno accogliere molto bene tutti, forse però alcuni stranieri non fanno lo stesso con noi!

  36. Scritto da andrea

    Cari preti di S.Lucia xè non fate un bel giro nel terzo mondo come missionari per qualche anno, poi forse sarete degni di fare quello che avete fatto e detto!!!
    La cosa peggiore…i preti che sposano la fede comunista come voi!
    Si sentono intoccabili e guai a contraddirli…chissà xè l’oratorio da qualche anno è sempre vuoto!

  37. Scritto da alberto ti

    Pol.sco. piantala con ‘sta storia dei bambini. I nostri bambini sono fortunati e non si scompensano mentalmente per un gesto del genere (si scompensano di più guardando la tv te l’assicuro) tanto più che nel loro presepio (proprio per darti corda) Gesù è nato. Ok?
    Comunque… Monsignor Bianchi ha CITATO, non interpretato, Matteo al capitolo 25. Quindi gli autori di idiozie qui sotto e qui sopra abbiano la coerenza di aggiungerne un’altra bella grossa: che anche Gesù Cristo era cattocomunista.

  38. Scritto da ingegnere

    Ma di quale rito fa parte, la deposizione del Bambinello nel presepe?
    Quale parte del messale la prevede? Dove, nel magistero, delle indicazioni sulla presenza del presepe in chiesa?
    Il presepe è una tradizione, non un rito normato. A quale dovere dovrebbero richiamare i superiori?
    Fa sorridere che, in mezzo a tanti scandali, il giornale della curia placidamente ospiti nella sua edizione online l’omelia dei sacerdoti

    Che poi volessero finire in TV, è una cosa che pensa Pol.sco. Prove?

  39. Scritto da ureidacan

    No, non è esatto.Dare ospitalità ad uno straniero, anche se irregolare non è un reato. Invece commette reato solo chi, al fine di trarne ingiusto profitto, cede in locazione dietro corrispettivo un immobile ad un irregolare. La legge Maroni (art.5) non si è spinta tanto, in quanto ha lasciato spazio ancora all’accoglienza, così come insegna il Vangelo e come ha ribadito anche il parroco di Santa Lucia. La sua omelia è stata una parola coerente con l’insegnamento cristiano.

  40. Scritto da Pol.sco.

    Tutti cristiani, quando fa comodo
    Non esiste ingerenza, non esiste sovaesposizione mediatica: w i sacerdoti,quando fa comodo.

  41. Scritto da Fritz

    Non me ne frega niente se anch’io sono sbagliato, spiacere è il mio piacere, io amo essere odiato, dei furbi e dei potenti da sempre mi balocco ma al fin della licenza io non perdono e tocco!

  42. Scritto da alessandro penna

    Marx è morto. Gesù non lo fanno nascere. Godiamoci questo momento. Sono le convulsioni terminali del cattocomunismo.

  43. Scritto da Giuseppe Fumagalli

    I simboli sono dispositivi precisi e delicati da maneggiare con la massima cura. Così li tratta don Manuel (autore del secondo commento), quando dal pulpito del Tempio Votivo si addentra nell’analisi delle Scritture. Mi sorprende vederlo avallare un’operazione che studiata meglio avrebbe potuto riverberare la pienezza di un significato, ma imprecisa, indelicata e grossolana com’è potrà solo prestarsi a essere fraintesa e a sollevare il solito sterile polverone.

  44. Scritto da vasco bretone

    Re Erode può tirare un sospiro di sollievo. La sua opera è stata completata

  45. Scritto da Farfarello

    Mia supposizione: se il vescovo non fosse stato dimissionario, credo che i tre sacerdoti si sarebbero risparmiati una provocazione così forte. Quando il timoniere dorme, i marinai decidono autonomamente la direzione della nave. Le reazioni negative suscitate mi fanno comunque pensare che i tre hanno colpito nel segno. Diciamoci la verità: con uno Stato corrotto e disorganizzato come quello italiano, la Chiesa resta l’istituzione ancora più affidabile. Ma certo non può accollarsi il welfare statale.

  46. Scritto da Pol.sco.

    Don Martino Lanfranchi, parroco per oltre un decennio a Longuelo (appena trasferito a Serina) senza fare il parolaio ha ospitato per anni in casa sua numerosi extracomunitari mussulmani dando loro vitto, alloggio e somme di danaro per le loro spese quotidiane prendendo i soldi solo dal suo già misero stipendio
    Queelo sì che è un sacerdote da imitare: fatti e testimonanze, non parole e articoli di giornale

  47. Scritto da carletto

    quanto sono censurabili quelli che giudicano senza conoscere o credono di conoscere (vedi Polaresco)!
    come potranno salvarsi se non sanno liberare l’animo dalla propria cattiveria? leggendo questo blog sono giunto ad una sola comnclusione: gli uomini, purtroppo, possono essere cattovi. E non accidentalmente, ma per scelta.

  48. Scritto da lello da nese

    x farfarello (50) secondo eurispes, nel 2008 la fiducia nelle istituzioni ha visto al primo posto le associazioni di volontariato (71,6% di gradimento), poi carabinieri (57,4%), polizia (50,7%) e solo al quarto posto la Chiesa (49,7%), mentre all’ultimo posto sono i partiti politici con solo il 14,1% di gradimento. Insomma, meno della metà degli italiani (o degli intervistati) ha fiducia nella Chiesa… un segno dei tempi… siamo nell’era postcristiana?

  49. Scritto da Giorgio R.

    A. B., i fumi dello spumante ti fanno delirare? :)

  50. Scritto da Pol.sco.

    50% crede nella Chiesa Cattolica: non è male
    E’ soprattutto sufficiente per non portare a derive zapateriste
    Tenuto conto che la maggioranza del volontariato in Italia (gradimeno 71,6%) è cattolico

  51. Scritto da ingegnere

    Bah.
    Tanto fumo e tanta caciara sull’interpretazione dell’omelia data dai media. Perché, come già rilevato, nelle parole pronunciate non c’era nessun atto d’accusa particolarmente “politico”.
    Il significato scomodo viene creato, gli strali e gli attacchi personali si sprecano.
    Così, in perfetto stile italiota, anziché discutere delle loro parole, si discute dei tre sacerdoti, di cosa facciano, di cosa votassero.
    Un perfetto esempio di discussione sul nulla.

  52. Scritto da stefano62

    Un caro saluto a Don Bianchi, indimenticato maestro di vita sui banchi dell’Esperia di tanti anni fa e ancora oggi capace di strappare le comode certezze che ci avvolgono come calde soffocanti coperte, per ricordare a tutti che essere uomini costa fatica ma è anche tremendamente bello quando si riesce a gettare lo sguardo oltre il muro dei conformismi di moda e ad agire di conseguenza. Auguri Don Attlio con affetto e stima. Stefano

  53. Scritto da Tullia

    Se guardiamo ai meriti, chi si salverà? Se Gesù bambino, per nascere, avesse guardato al merito, miei cari… Non sarebbe proprio venuto. Invece Gesù viene proprio per i peccatori: per chi emargina il diverso, così per chi pecca di presunzione…

  54. Scritto da don Manuel Clivati

    Sono un prete di Santa Lucia. Primo non abbiamo usato la seconda persona plurale “voi non sapete, voi non siete pronti”, ma la prima plurale, non chiamandoci fuori neppure noi. Secondo, il tema dell’accoglienza non riguarda solo lo straniero ma ogni uomo che ci passa accanto. Terzo, la nostra provocazione è posta sotto il segno del punto interrogativo, non di quello esclamativo. Dunque nessun giudizio su nessuno, ma un invito ad interrogarsi perchè fare Natale non sia una “prassi” scontata.

  55. Scritto da walter

    Si…perchè i magrebini e i rumeni sono come gesù bambino…Ma andate a lavorare!

  56. Scritto da Franco Pansera LNP

    Ma come abbiamo il più alto tasso di extracomunitari in Lombardia e questi preti non mi mostrano il bambinello??? Diventeremo tutti musulmani così imparano !!!!!

  57. Scritto da Marco

    E’ VERO ! ACCOGLIAMO BEN VOLENTIERI LE PROSTITUTE PER TRADIRE TRANQUILLAMENTE LE NOSTRE DONNE, LE BADANTI PER SBOLOGNARE I NOSTRI PARENTI ANZIANI E GLI SPACCIATORI STRANIERI PER ASSUMERE DROGA !!IL RESTO NON E’ BENVOLUTO SALVO GLI IMPRENDITORI CHE HANNO LA POSSIBILITA’ DI SFRUTTARE I CLANDESTINI NEI CANTIERI !! POVERO GESU’ !!

  58. Scritto da gio4

    “E’ ora che chi si dice cattolico metta in pratica gli insegnamenti di Cristo” Parole sagge e una grande verità ma…….. la durezza del cuore è troppo elevata ……..ad esempio quando si ha il potere di fare un opera meritevole ed invece si nega un posto di lavoro ad un disabile……. Comunque Buon 2009 a tutti !

  59. Scritto da Giuseppe

    Devono sempre curarli gli altri, mai loro con le immense ricchezze del loro Vaticano!!!!!

  60. Scritto da Parsifal

    Ottimo articolo. Ottima iniziativa. Qundo i bergamaschi dimenticano che ricchezza diventa opulenza e indifferenza per chi ci sta a fianco o ci chiede una mano, quando dimenticano che leghismo (o “sicurezza”) può far rima con razzismo che senso ha festeggiare (?) il Natale di Nazaret?
    Non c’è natale, c’è solo la festa…fine a se stessa.

  61. Scritto da Felice Motta

    Ha fatto sicuramente bene soprattutto in una zona di Bergamo “ricca” e dove abitano quei giovani della “bergamo bene” di cui tanto si parla. come sempre la Chiesa si mostra “avanti” rispetto alle istituzioni.

    Felice

  62. Scritto da Pol.sco.

    Trovo la provocazione di Don Attilio Bianchi (che conosco dal 78 quando ci faceva da padre spirituale a noi del Collettivo Studenti Socialisti) assai demagogica, ingenerosa e sbagliata.
    Colpisce i bambini innocenti, i primi ad essere sensibili e quindi puniti dal gesto eclatante del gruppetto di preti, servitori di Dio, nella parrocchia più ricca della città
    Gesù nasce proprio per convertire i cuori dei peccatori: se avesse deciso di nascere dove non ci sono peccatori, non sarebbe mai nato

  63. Scritto da roberto

    don Attilio ancora una volta ha dimostrato coerenza e profezia,oltre le vuote parole e i gesti stanchi di natali delle consuetudini lontane dal messaggio di cristo.
    bergamo una terra di ex-emigranti che ha perso la memoria dentro l’egoismo e la paura dell’irrazionale.

  64. Scritto da Pol.sco.

    Di immigrati in Santa Lucia ce ne sono pochi: le case costano troppo care
    Evidentemente d. Attilio si riferiva ai clandestini dei parcheggi dell’Ospedale Maggiore
    La sua è stata quindi un’azione prettamente politica contro chi ha emanato l’ordinanza per ripristinare la legalità
    Sentiamo ora se i soliti protesteranno per l’ingerenza della Chiesa negli affari pubblici
    E vediamo se i frequentatori del Tempio Votivo avranno il coraggio di rispondere alla provocazione di chi becca le loro offerte

  65. Scritto da karajan

    Che sia finalmente l’inizio, da parte di questi sacerdoti coraggiosi, che stanno tentando di mettere i cattolici di fronte alle loro responsabilità. Cattolici bergamaschi, la grande parte razzisti, che votano lega lombarda in gran massa e che si dovrebbero vergognare!! Io non sono religioso ma i cattolici (non tutti per fortuna) mi fanno veramente schifo e il colpevole di tutto ciò è il vaticano.

  66. Scritto da Maurizio

    Ma se andiamo avanti così lo straniero ed il diverso siamo noi che,per avere ciò loro ci cercano e ci distruggeranno, abbiamo impiegato secoli di lavoro e guerre intestine. Nulla ci è caduto dalla pianta !

  67. Scritto da Bertocchi Pietro

    Finchè esisterete voi falsi cattolici, falsi buonisti con la pancia piena,fino a quando non spariranno tutte le religioni,dalla faccia della terra,Sicuramente il mondo sarà migliore. Sono troppo educato per esternare il mio disprezzo,la vergogna di essere stato obbligato ad essere battezzato contro la mia volontà
    (per forza ero un neonato incapace di intendere e di volere). Perchè non aprite le vostre chiese,mettete letti e cucine e li ospitati voi? è facile predicare e razzolare male.

  68. Scritto da Il Bergamotto

    Ora anche i preti si mettono a sbraitare sul villaggio globale. Che ci vadano, dai poveri veri, senza appoggiare vergognose e criminali politiche di ingegneria sociale applicata.

  69. Scritto da GianpietroC

    Vabbè, intanto accogliamoli. Poi fra 25 anni ne riparliamo. Quando butteranno il Crocifisso nel cestino. Quando licenzieranno la centralinista perchè risponde “Buon Natale”. Quando non si faranno più i presepi. Quando le chiese dei nostri padri saranno trasformate in Moschee, perchè la Curia le svenderà ai graditi ospiti dato che non ci saranno più sacerdoti e sagrestani a tenerle. Quando le nostre santelle saranno imbiancate o abbattute.Quando i nostri nipoti non sapranno più chi era SantaLucia

  70. Scritto da GianpietroC

    Roma è crollata non per grandi tracolli militari, ma per l’invasione pacifica di masse e perchè gli antichi culti (instrumentum regni) entrarono in crisi davanti alla forza del Cristianesimo. Ora la forza è cessata. Emerge, invece, la forza dei popoli che hanno fame e delle loro usanze e fedi, che vengono imposte nelle scuole ai nostri figli senza che si possano rifiutare, rischiando di essere tacciati di razzismo. Invece è il contrario: guai alla nostra identità e storia, sì al bongo e Maometto

  71. Scritto da Pol.sco.

    I preti cattocomunisti della Parrocchia di Santa Lucia (a partire da Don Attilio Bianchi che ai tempi votava Pdup) vadano in missione in mezzo ai morti di fame del terzo mondo, invece di crogiolarsi nel quartiere più ricco di una delle città più ricche di uno dei Paesi più ricchi del mondo.
    E non si permettano di non esporre il Bambin Gesù, loro -stipendiati dal Vaticano con l’8 per 1000 dei fedeli- colpendo i bambini innocenti, quelli che ci saran restati più male dall’omissione sacrilega

  72. Scritto da Pol.sco.

    In Santa Lucia i pochi immigrati che vi abitano (visto il prezzo delle case) sono ben integrati
    Il trio degli spretabili che si permette di giudicare in modo così generico il prossimo si riferiva evidentemente all’ordinanza che ripristina la legalità al parcheggio dell’Ospedale Maggiore: la Parrocchia è comunità dei fedeli, non il regno dispotico di tre chierici che non rifiutano le laute somme che i cattolici praticanti offrono loro
    Che Don Attilio Bianchi (& c) venga rispedito a Frerola!!!

  73. Scritto da mauro

    sinceramente trovo “patetico” il colpo da teatro di Don Attilio and company….altre parrocchie cittadine in materia (vedasi Longuelo, Loreto, Celadina) lavorano concretamente senza fare proclami e denuncie…inviterei i sacerdoti di Santa Lucia a non stare immobili nel ricco ed opulento quartiere ma bensi ‘ a confrontarsi con le altre realta’ cittadine…grato per l’attenzione

  74. Scritto da domenico g

    lo straneiro non è solo la persona che viene da lontano lo straniero è anche colui che in questo mondo non ha abbastanza soldi … che non è conforme al modo di pensare … il male della società è l’ipocrisia… noi siamo quelli che siamo non solo perchè i nostri padri hanno combattutto ma perchè anche hanno saputo convivere con lo straniero imparando da loro e dando loro … chi ha paura di chi viene da lontano sotto ogni aspetto è destinato a diventare arido

  75. Scritto da ilaria

    Complimenti a Pol.Sco detto Polaresco per i suoi toni sobri e misurati. Lui sì che è un vero cristiano!

  76. Scritto da lello da nese

    vero che don attilio è un sinistrorso mica da scherzo ( ai tempi l’ho sentito affermare che lo studente di destra Mikis Mantakas era stato ucciso dai suoi stessi camerati!), però non mi scandalizzo di fronte a queste iniziative… cmq la religione dei nostri padri (avi) era il paganesimo non certo il cristianesimo! Non ho letto nulla sull’Eco di questa iniziativa. Imbarazzo?

  77. Scritto da chevron

    la chiesa rimarra’ sempre piu’ sola , con le sue idee preistoriche , soprattutto riguardo il sesso e gli anticoncezionali . SVEGLIA !!!!!!!!!

  78. Scritto da matteo bg

    tra breve anche la stessa Chiesa restera’ vuota .
    NO VAT !

  79. Scritto da un cristiano deluso

    ma a Betlemme 2000 anni fa ,la culla non e’ rimasta vuota…se Dio
    ragionasse come i preti cattolici povera umanita’!!!!!! il messaggio cristiano parla di amore , tolleranza e misericordia… o sbaglio?
    buon anno a tutti comunque

  80. Scritto da corti-novis

    Finalmente qualcuno della chiesa ha scomunicato Bruni dicendogli che nel suo cuore non esiste gesu’…Bruni forse è laico e religioso a convenienza… una bella bacchettata…ho dato 15 euro ad un posteggiattore abusivo… spero che li adoperi per i suoi figli che vivono lontano

  81. Scritto da Bergamasca

    Pensa se qualcuno è andato a messa la prima volta dopo tanto tempo la notte di Natale e non s’è visto nascere Gesù.Bei momenti.

  82. Scritto da corti-novis

    C’è una vera emergenza di intolleranza… se la crisi mordera tutti ..l’unica risposta sarà la lotta di unità fra lavoratori immigrati e nativi per battere tutt le ingiustzie e capitalismo per una società mondiale piu’ giusta…. . OBAMA dovrebbe essere l’inizio… bene questa sferzata da parte di un prete.

  83. Scritto da carletto

    Io c’ero in chiesa la notte di Natale.
    Invito di cuore tutti quelli che scrivono, a leggere prima per intero il testo dell’omelia di don Attilio riportato qui sopra. Poi semmai potranno dare giudizi! Altrimenti si da la stura ai propri pregiudizi, si parla a vanvera, si insulta con imperdonabile cattiveria e non si serve la verità. E di fandomie in questo blog, lasciatemelo dire, ne sono già state dette molte.
    au revoir

  84. Scritto da giuseppe

    Eih Carletto, ci saranno anche scritte un sacco di fandonie, come dici tu (magari sono solo opinioni non condivisibili), ma chiunque voglia farsi un’idea ha a disposizione l’omelia integrale. Di quella si può discutere grazie a Bergamonews che l’ha pubblicata. da altre parti è arrivata con molte ore di ritardo. Tu che c’eri la notte di Natale, mi sai spiegare perchè?

  85. Scritto da marefil

    Premesso che il pulpito non è la sede da cui fare politica – e la Curia non può sempre ignorare questa caratteristica dei tre di S. Lucia – chiedo: come mai hanno sentito subito il bisogno di dare alla stampa una sorta di giustificazione? Coda di paglia? In tanti anni di parole non sono riusciti ad ammorbidire i cuori duri dei loro parrocchiani? E così il Bambino Gesù paga il loro fallimento! Meno parole e più testimonianza rimboccando per primi le maniche sull’esempio delle parrocchie vicine!

  86. Scritto da danilo

    A Loreto la Parrocchia da decenni ha sempre aiutato le famiglie con situazioni di disagio. Ora svolge un servizio quotidiano e concreto di accoglienza, contribuendo materialmente all’integrazione con i residenti.
    A Natale il Parroco ha esposto il bambino Gesù per la gioia dei piccoli e delle famiglie. A Santa Lucia preferiscono predicare e non praticare. Comoda la vita!

  87. Scritto da Marco

    Gli stranieri se si comportassero con piu rispetto verso gli italiani, e la nazione dove sono ospitati, verrebbero accettati sicuramente meglio anche da noi, senza venire a dettare legge o a imporre i loro credo. POI PASSIAMO NOI ITALIANI PER I RAZZISTI………LA COLPA E’ SEMPRE NOSTRA, MA SMETTIAMOLAAAA. Stà a loro farsi ben accogliere da una nazione
    Sarà possibile che dobbiamo sempre noi portare rispetto agli stranieri privandoci delle nostre culture?
    E’ ORA DI FINIRLA.

  88. Scritto da Aladin

    Un gesto eclatante che spero trovi riscontri nel quotidiano. Anche Gesù è stato molto chiaro contro il perbenismo fariseo. Intanto i preti di s.Lucia hanno suscitato simpatie tra i cattolici (e non) che sono preoccupati per l’involuzione della chiesa romana su posizioni dogmatiche in contrasto con lo slancio verso il mondo del Cristo nascente.

  89. Scritto da A.R

    allora ai fedeli della chiesa di santa lucia dico di non fare piu offerte di nessun tipo visto che anche voi siete diversi rispetto alla chiesa poi voglio vedere il caro don dove fa a parare.in italia lo straniero ONESTO e LAVORATORE è accolto lo straniero DISONESTO e SFATICATO è cacciato.provate voi a dare un panino ai mendicanti ai semafori o ai parcheggiatori dell ospedale non lo vogliono, loro vogliono solo i soldi.allora don visto che lei abita in una gran casa xchè non li ospita tutti lei?

  90. Scritto da Pol.sco.

    Magari i tre sono anche d’accordo nel mettere una moscha nel presepio
    Son contento di essere della Parrocchia di Longuelo, che pensa al fare e non al declamare ed a usare i mass media per attirare l’attenzione
    Mettete il Bambin Gesù nella magiatoia: è venuto al mondo in una terra razzista come poche e proprio lì c’era bisogno della sua presenza.
    Fosse stato per D. Attilio saremmo ancora in attesa del Salvatore e non esisterebbe quindi la cristianità (e don Attilio)!

  91. Scritto da andrea

    ma lei è il don attilio bianchi che molti anni fa era parroco di un paese dell isola bergamasca?se è lei allora capisco da che pulpito viene la predica,da un prete che dice una cosa e ne mette in pratica un altra,ma mi dica quante persone senza fissa dimora ospita nel suo appartamento in queste giornate di festa e di freddo?ma,secondo il suo umile parere,se uno prende i soldi dell elemosina dalla sua chiesa perchè ha fame commette peccato?ma lei ha cominciato come missionario aiutando i deboli?

  92. Scritto da wka

    don attilio bianchi lei fino a ieri ha fatto il missionario aiutando il povero oppure ha sempre vissuto in grandi appartamenti della curia tutto solo senza ospitare mai nessuno che ne aveva bisogno?
    Gesu si sarebbe arrabbiato anche con lei perchè il buon esempio dovrebbe partire da lei e dai suoi colleghi e le avrebbe detto “chi è senza peccato scagli la prima pietra”,se tutti noi fossimo giusti non dovremmo cercare ogni volta il perdono

  93. Scritto da cuìn

    sicuro che in s.lucia predicano e non praticano? sicuro-sicuro?

  94. Scritto da carmelo

    Notizia inventata, gabbata caro giornalista autore di questo articolo. Ho letto 2 volte il testo della predica: Il titolo: “non sapete accogliere lo straniero… non potete accogliere il bambino Gesù” non c’è. Sul falso le polemiche “politiche” della sinistra incallita contro la chiesa e leghisti incalliti contro gli immigrati. Tutto qui? Il messaggio è un quasi normale ragionamento sul valore umano dell’apertura agli altri… che ognuno vive come crede, anche con commenti più equilibrati.

  95. Scritto da Vittorio

    Una volta la Chiesa aveva uomini di coraggio, adesso è pervasa da timorosi e tremebondi Don Abbondio come questo Bianchi. Forse è per questo che in Chiesa non ci va più nessuno o quasi.

  96. Scritto da Chicco

    …basta guardarsi in giro per Bergamo e rendersi conto se noi Bergamaschi siamo razzisti o no!