BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Scossa di terremoto, paura nel Nord Italia

E' avvenuto nel pomeriggio del 23, con scosse di assestamento fino a mezzanotte.Epicentro in Emilia, magnitudo 5.2 gradi Richter. Molta paura, ma nessun danno

Più informazioni su

Un terremoto, intenso ma per fortuna senza conseguenze, si è sentito nella giornata del 23 dicembre in tutto il nord Italia.
Una prima scossa forte e insistente, di magnitudo 5.2 Richter con epicentro in Emilia e avvertita per diversi interminabili secondi alle 16.25 in diverse zone del Nord e Centro Italia, ha provocato apprensione e paura nella popolazione, ma nessun ferito e danni limitati secondo le stime degli accertamenti compiuti fino a sera dalle Prefetture, d’ intesa con la Protezione civile e gli Enti locali.

Dopo la scossa pomeridiana, una seconda e una terza scossa sono avvenute attorno alle 23 e a mezzanotte e mezzo. La loro forza, di assestamento, è stata intorno ai 4,7 gradi e l’epicentro è stato, come nel primo caso, tra le province di Parma e Reggio Emilia, fra Traversetolo, Neviano degli Arduini, Vetto e Canossa.

Il primo terremoto ha spaventato molti abitanti, che hanno preso d’assalto i centralini di vigili del fuoco e forze dell’ ordine.  La scossa più forte (ma in parte anche quella della sera) è stata avvertita anche in Trentino-Alto Adige, a Milano, Genova, Venezia, Firenze. Aveva una profondità di 26-27 km, quella della sera di 31 km. Il presidente dell’Istituto nazionale di Geofisica e Vulcanologia, Enzo Boschi, già nel pomeriggio non aveva escluso il rischio di ulteriori scosse di assestamento nelle ore successive. Prima di quella delle 23, e dopo quella nel pomeriggio, erano state già sedici. Diverse, ma nessuna grave, le segnalazioni giunte alle centrali operative di Parma e Reggio.Oggi quattro squadre di tecnici regionali faranno verifiche prioritariamente sulle chiese, per stabilire altre eventuali inagibilità alla vigilia di Natale. Due anziani sono stati trasferiti per precauzione da una casa protetta nel Parmense, dove sono state notate crepe, all’ abitazione di parenti.

Trenitalia ha temporaneamente interrotto la circolazione ferroviaria sulle linee Bologna-Verona e Bologna-Milano, una precauzione necessaria – ha fatto sapere Rfi – per fare le necessarie verifiche sulle infrastrutture.
L’interruzione è durata poco più di venti minuti e si sono creati ritardi fra 30 e 120 minuti. Danni, comunque, non ce ne sono praticamente stati: nè alle persone nè alle cose.

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.