BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Caravaggio e non solo a Palazzo Reale

Centoventuno opere esposte alla mostra ???Anima dell???Acqua - da Talete a Caravaggio da Segantini a Bill Viola??? a Palazzo Reale di Milano, provenienti da tutti i musei pi?? importanti del mondo: dal British Museum di Londra ai Musei Capitolini di Roma, dal Museo Rodin di Parigi alla Galleria degli Uffizi di Firenze.

Più informazioni su

Centoventuno opere esposte alla mostra “Anima dell’Acqua – da Talete a Caravaggio da Segantini a Bill Viola” a Palazzo Reale di Milano, provenienti da tutti i musei più importanti del mondo: dal British Museum di Londra ai Musei Capitolini di Roma, dal Museo Rodin di Parigi alla Galleria Degli Uffizi di Firenze.
Centoventuno opere che hanno come filo conduttore l’acqua, la sete di sapere e conoscenza. Il percorso di questa mostra è un viaggio tra i diversi significati dell’acqua: bisogni, drammi, paure e tensioni.
Il percorso della mostra è diviso in 6 sezioni: Creazione, Maternità, Bellezza, Viaggio, Trasformazione e Purificazione.
Queste le opere più famose esposte
Caravaggio: Narciso alla fonte (1597-1599). Ammirato, dibattuto e discusso il Narciso è un capolavoro assoluto. Sul Narciso si sono confrontate posizioni discordanti: Caravaggio o Spadarino?
Tintoretto: Ultima Cena (XVI sec). Scena sacra fra le più dense di significato, capolavoro del pittore veneto, tutto giocato sul contrasto fra luci, ombre e vivacissime cromie. Al centro, in primo piano, un’anfora colma d’acqua, simbolo per eccellenza della vita.
Segantini: L’amore alla fonte della vita (1896). Un uomo e una donna abbracciati: l’amore come fonte della vita.
Herbert Draper: Ulisse e le sirene (1909). Il mare, l’acqua, come la vita. Il rischio di perdersi e la tentazione delle sirene: le insidie che la vita può riservare.
Julio Romero de Torres: Samaritana (1920). La donna, assorta nei suoi pensieri, è avvolta da Cristo. Il suo viso è illuminato dalla luce che sbatte sull’anfora di rame ricolma d’acqua.
Bill Viola The reflecting pool (1978, Video Arte dalla durata di 7 minuti). L’acqua è la protagonista di The reflecting pool, una presenza costante in questa video opera, che è in parte spiegabile con l’esperienza dell’artista: da ragazzo stava per annegare.
“Il mondo sottacqua – racconta Bill Viola – mi sembrò meraviglioso, pieno di luce, di quiete, di colore. Solo in un secondo tempo quando ero già in salvo, cominciò lo spavento e mi misi a gridare”. Disperdersi, dissolversi e riemergere dall’acqua: le videoinstallazioni di Bill Viola sono un viaggio interiore, un percorso emotivo che parte dall’annientamento di sé e conduce fino alla rinascita, si torna in vita, si riaffiora da un cratere d’acqua, un utero che purifica e rinnova.
In The Reflecting pool Bill Viola utilizza il riflesso nella piscina come mezzo di percezione del mondo, il tempo è scandito da una serie di accadimenti visibili solo attraverso i riflessi dell’acqua.In una scena profondamente immobile, gli unici movimenti o variazioni sono i riflessi e le ondulazioni della superficie di uno stagno in un bosco. Quest’opera si riferisce all’emersione dell’individuo nel mondo della natura, come in un’immagine battesimale.

INFO BIGLIETTERIA:
Luogo: Palazzo Reale Milano, Piazza Duomo 12 – Milano
Data: 29 novembre 2008 – 29 marzo 2009
Biglietti: 4,50 euro tutti i mercoledì e per le scuole, 9.00 euro intero, 7.00 euro ridotto
Orari: lunedì 14.30-19.30, martedì-domenica 9.30-19.30, giovedì 9.30-22.30, giovedì 25 dicembre 2008 e 1 gennaio 2009 14.30-19.30
La biglietteria chiude un’ora prima della chiusura.
Per prenotazioni di scuole e visite guidate: tel 02 45487400, email:
info@operadartemilano.it
Per info: tel 02 29010404, email:
info@fondazionadnart.it

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.