BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Bergamo si fa bella e chiede un aiuto al Pirellone

Comune e associazione dei commercianti hanno messo a punto un piano da quasi 7 milioni di euro per partecipare al bando regionale per creare un cosiddetto centro commerciale all'aperto che interessi le principali vie del centro. L'accordo fra le parti interessate ?? stato firmato oggi a Palafrizzoni.

Più informazioni su

Rendere il centro di Bergamo più accogliente e vivibile: è questo l’obiettivo di Palafrizzoni e delle associazioni dei commercianti bergamaschi, che a breve presenteranno la domanda di partecipazione al bando regionale per la “Promozione dei distretti del commercio per la competitività e l’innovazione del sistema distributivo nelle aree urbane della Lombardia”. Tradotto saranno messi in campo quasi 7 milioni di euro per creare un centro commerciale all’aperto che interessi le principali vie del centro (da Borgo San Leonardo alle vie Sant’Alessandro, San Bernardino Quarenghi, Moroni) rilanciando sia l’immagine della città che i negozi. Il primo passo per dare via all’iter è stato compiuto lunedì 22 dicembre con la firma dell’Accordo di distretto fra il Comune di Bergamo (capofila dell’iniziativa che vede coinvolti in particolare gli assessorati al Commercio, alla Mobilità e alla Sicurezza), la Camera di commercio, Ascom e Confesercenti, che rappresenta i commercianti del centro città. Per partecipare al bando regionale era infatti necessario presentare un progetto da 1 milione di euro, ma ne sono stati stanziati oltre il dovuto: quasi 2 milioni 300mila da parte del Comune e quasi 3 milioni 400mila euro da parte delle associazioni dei commercianti. Se il progetto sarà approvato dal Pirellone, questi si impegna a contribuire per 1 milione e 69mila euro, di cui il 40% sarà destinato al Comune e il 60% alle associazioni dei commercianti. Ma che cosa cambierà con il progetto? “Sarà valorizzato il centro di Bergamo, coerentemente con il Piano di progetto del territorio, puntando sulla qualità dell’arredo urbano, il rifacimento della pavimentazione e delle insegne pedonali e la localizzazione di nuove aree di sosta, oltre a un progetto di illuminazione e di installazione di telecamere wireless”, ha spiegato Francesca Balbo, architetto consulente di Palafrizzoni. Ridisegnare lo spazio pubblico all’interno del distretto, puntando poi a un logo di distretto, alla realizzazione e gestione di un portale, al potenziamento della “Guida ai negozi di Bergamo”, supportando la costruzione e la gestione di un sistema informativo di marketing e dando vita a nuovi eventi e manifestazioni. Oltre alla riqualificazione delle strade, degli immobili a uso commerciale e la realizzazione di un servizio pubblico di noleggio di biciclette (bike sharing). Entro il prossimo marzo si dovrebbe conoscere l’esito del responso da parte del Pirellone, che metterebbe così in campo il contributo previsto. Presenti alla firma dell’accordo il sindaco di Bergamo Roberto Bruni, l’assessore comunale al Commercio Ebe Sorti Ravasio, il presidente della Camera di commercio Roberto Sestini, il presidente di Ascom Giovanni Malvestiti, il presidente di Confesercenti Giorgio Ambrosioni.  

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da Morlacchi

    Formigoni non faccia come al solito, non esprima solo preferenze per Varese. Più finanziamenti a Bergamo!