BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Vieri non basta, vince la Juve fotogallery video

I nerazzurri sfiorano il vantaggio in avvio con Doni e Floccari, poi la Juve prende il sopravvento e colpisce con Del Piero. E nel finale del primo tempo Legrottaglie raddoppia con un colpo di testa su calcio d'angolo. A inizio ripresa Bobo entra e segna subito di testa. Ma i bianconeri tengono botta e nel finale segnano il 3-1 con Amauri.

Più informazioni su

Doveva essere battaglia e battaglia è stata. Ma alla fine l’ha spuntata la Juve, che prima ha colpito due volte, poi ha resistito agli attacchi atalantini, anche a costo di mettersi l’elmetto e scavare la trincea. Solo Vieri è riuscito a far breccia, ma il suo gol di testa a inizio ripresa non ha scalfito più di tanto il muro di Ranieri, che ha avuto in Chiellini e Legrottaglie una diga insuperabile. L’Atalanta può recriminare per le almento tre nitide occasioni sprecate in avvio, un po’ per errori propri e un po’ per la bravura di Manninger, che ha respinto una botta a colpo sicuro di Floccari. Serve purtroppo a poco lamentarsi per il fuorigioco di Marchionni, che ha innescato il vantaggio di Del Piero: l’Atalanta per una volta è stata battuta con le sue stesse armi, ovvero ritmo, concentrazione e determinazione feroce. Proprio quello che temeva Del Neri alla vigilia, ovvero una Juve "provinciale", illuminata comunque dai lampi di Del Piero e di Amauri, non a caso autori di una rete a testa. A completare il bottino Legrottaglie, ex pupillo di Del Neri ai tempi del Chievo: il suo è stato il gol decisivo, perché ha permesso alla Juve di allungare sul 2-0, un divario che nella ripresa si è dimostrato incolmabile. Restano però i dubbi per l’intervento in area di Marchionni su Floccari, che Farina ha ignorato facendo infuriare Del Neri e non solo. Ma a parte questo episodio, i bianconeri hanno badato al sodo, senza troppi fronzoli, e le iniziative atalantine non hanno prodotto altre occasioni degne di nota.
All’Atalanta stavolta è mancato il genio di Doni, ben imbrigliato dai difensori bianconeri. Ci si aspettava di più anche da Ferreira Pinto e Valdes, ma la loro verve è evaporata dopo la prima mezz’ora. Non c’è però da lamentarsi, nonostante il ko l’Atalanta ha dato tutto, confermando il suo spessore casalingo. La squadra di Del Neri ne esce tutt’altro che ridimensionata, anzi consapevole del suo valore: mettere alla frusta una Juve così è comunque una bella prova di forza.

Del Neri furioso: "I guardalinee mangiano troppi panettoni".

Il tabellino

Risultati e classifica
 

La cronaca in pillole
Secondo tempo
37′ testa di Amauri, 3-1 per la Juve
31′ l’Atalanta tiene la Juve nella sua metàcampo, ma non trova sbocchi
9′ Floccari ade a contatto con Marchionni in area, Farina fa proseguire
3′ testa di Vieri, 2-1!!
Del Neri cambia nel tentativo di dare una scossa. Fuori Talamonti e Valdes, dentro De Ascentis e Vieri. Padoin va a fare il terzino sinistro.

Primo tempo
37′ angolo di Del Piero, colpodi testa di Legrottaglie: 2-0 per la Juve.
29′ Marchionni scatta sul filo del fuorigioco e mette in mezzo per Del Piero,Coppola non ci arriva e il capitano bianconero mette dentro. Juve in vantaggio.
24′ testa di Amauri, palla alta
20′ sinistro di Floccari, Manninger para
3′ Chiellini scivola, palla a Floccari che batte a colpo sicuro:miracolo di Manninger
2′ punizione di Doni di poco alta

Più informazioni su

Video correlati

2 di 2

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.