BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

La Statale 36 avrà la terza corsia

L'Anas ha acconsentito ad ampliare la strada tra Giussano e Suello. Si allunga, dunque, il tratto scorrevole che inizia a Monza

Più informazioni su

L’ANAS ha formalmente condiviso con la Provincia di Lecco l’ipotesi di avviare la verifica per riqualificare la SS 36 nel tratto Giussano-Suello con la creazione della terza corsia continuando quanto già fatto negli anni passati tra Monza e Desio e tra Desio e Giussano.

«La 36 – commenta il Presidente della Provincia Virginio Brivio che con l’Assessore ai Lavori Pubblici Armando Volontè sta seguendo questa importante trattativa con ANAS – rappresenta la principale infrastruttura viaria che attraversa la nostra provincia da nord a sud, collegando Milano a Lecco, a Sondrio e alla Svizzera. Questo intervento si integra positivamente con i lavori avviati a Monza per l’eliminazione degli incroci regolati da semaforo e con gli importanti interventi programmati da Colico verso la Valtellina per il potenziamento della Strada Statale 38».        

Per poter inserire questa importante nuova riqualificazione nel proprio piano decennale, l’ ANAS deve effettuare preventivamente uno studio approfondito e nei giorni scorsi ha formalmente chiesto alla Provincia di Lecco di farsi carico economicamente e tecnicamente dell’esecuzione . L’opera è peraltro uno dei progetti di riqualificazione urbana e innovazione contenute nel Piano Territoriale di Coordinamento Provinciale (PTCP).

Allo stato attuale, provenendo da Milano, la SS 36 è a tre corsie per senso di marcia fino a Giussano; da qui prosegue fino a Colico con due corsie per senso di marcia. Nel tratto che collega Nibionno a Civate, la SS 36 presenta un susseguirsi di attività commerciali, industriali e logistiche, che determinano un continuo urbanizzato e una eccessiva frammentazione del territorio. La strategia prevede l’attivazione anche di azioni di qualificazione e di tutela in grado di garantire la sicurezza e il rispetto paesaggistico, con un’attenzione particolare anche alla mobilità “dolce”.   

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.