BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Dalla Regione Lombardia contributo prima casa per 852 famiglie

Sono 852 le famiglie (giovani coppie, gestanti sole, genitori soli con uno o più figli minori a carico e nuclei famigliari con almeno tre figli) che entro gennaio riceveranno il contributo di 6 mila euro "una tantum" a fondo perduto per l'acquisto della prima casa. Lo ha comunicato l'assessore alla Casa della Regione Lombardia Mario Scotti.

Più informazioni su

Sono 852 le famiglie (giovani coppie, gestanti sole, genitori soli con uno o più figli minori a carico e nuclei famigliari con almeno tre figli) che entro gennaio riceveranno il contributo di 6 mila euro "una tantum" a fondo perduto per l’acquisto della prima casa. Lo ha comunicato l’assessore alla Casa della Regione Lombardia Mario Scotti, annunciando che sul sito www.casa.regione.lombardia.it è possibile consultare la graduatoria in base alla quale sono stati selezionati i primi 852 beneficiari.
"Tutti coloro che hanno fatto richiesta e che hanno dimostrato di possedere i requisiti – ha sottolineato Scotti – riceveranno il contributo, che abbiamo esteso a tutte le tipologie di famiglie previste dalla legge regionale 23/1999, perché sono sempre più e diversificate le persone che necessitano di un aiuto concreto per fare un passo importante come quello dell’acquisto della prima casa. E lo abbiamo fatto – ha aggiunto l’assessore – portando il finanziamento da 5 mila a 6 mila euro così da abbattere le recenti impennate dei mutui e da garantire un po’ più di sicurezza in un momento in cui la crisi sembra farla da padrone". Dal 2001, anno in cui Regione Lombardia ha introdotto questo tipo di sussidio, sono già state finanziate le richieste di oltre 40 mila famiglie per circa 220 milioni di euro.

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da Giuliano&Vanessa

    Io e la mia compagna non abbiamo potuto accedere al contributo perchè non siamo sposati. Non è giusto: anche noi, che stiamo insieme da più di dieci anni, siamo una famiglia, anche noi lavoriamo, paghiamo le tasse e abbiamo dovuto fare sacrifici per comprarci un appartamento. La beffa è doppia: oltre a non ricevere contributi, dobbiamo finanziare (quelli della regione sono infatti anche soldi nostri) l’acquisto della casa di altri.