BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Bresciani: “Sbagliato occupare i binari”

Il segretario della Camera del lavoro di Bergamo ha condannato l'occupazione dei binari della stazione ferroviaria da parte di circa 300 persone, studenti ma anche persone che sventolavano bandiere della Cgil, della Fiom e di Rifondazione Comunista.

Più informazioni su

"Non approvo questi atti, perché non sono queste le azioni da mettere in campo per far riconoscere le nostre ragioni". Parola di Luigi Bresciani, segretario provinciale della Cgil, a proposito dell’occupazione dei binari della stazione ferroviaria da parte di circa 300 persone aderenti alla manifestazione indetta dalla Camera del lavoro. Secondo il segretario della Cgil si trattava più che altro di studenti "ma se così non fosse mi sentirei comunque di condannare questi comportamenti: se c’era qualcuno della nostra organizzazione ha sbagliato". Per quanto riguarda invece l’esito dello sciopero generale , Bresciani si è detto molto soddisfatto, affermando che alla protesta hanno preso parte fra le 7mila e le 8mila persone: "Lavoratori determinati ma anche preoccupati per la crisi economica in atto". E buona adesione sembrerebbe esserci stata anche nelle aziende, attestandosi intorno al 50-60%. 

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da Teo

    E’ una forma di protesta come un altra, non ci vedo niente di male.
    Certo se stiamo sempre buonini e “democratici” come vorrebbe certa gente non si otterà mai nulla!

  2. Scritto da marina

    L’argomento è serio. Si sta parlando del futuro del paese e dei grossi problemi ai quali molti lavoratori andranno incontro. I commenti letti fin’ora sono penosi. La CGIL ha indetto uno sciopero che ha trovato il consenso di molti e a questi molti va mostrato rispetto. Purtroppo tra i molti c’è sempre qualcuno che esagera e che farebbe bene darsi una calmata.

  3. Scritto da Un Operaio

    Caro Bresciani,
    ho 31 anni e faccio l’operaio da sempre.
    Da sempre ho partecipato alle iniziative sindacali, sono cresciuto in una famiglia che mi ha donato dei validi ideali e io li ho accettati, fatti miei e sviluppati.
    Dal mio punto di vista, le persone come lei dovrebbero tornare indietro con la mente, agli anni delle lotte sociali che hanno portato alle conquiste atte a tutelare i posti di lavoro della gente, quelle grandi lotte di cui mio padre è sempre andato fiero e per cui ora si

  4. Scritto da Un Operaio

    si strugge, vedendo che e stesse persone che probabilmente anni fa erano in prima linea, ora gioca a fare i democratici, terrorizzati da quello che l’opinione pubblica potrebbe dire di loro.
    Io c’ero su quei binari, sono stato tra i primi a scendere e mi sembra assurdo polemizzare su un disagio di mezz’ora mentre dall’altra parte il governo crea disagi che mettono in ginocchio intere famiglie.
    Svegliatevi e respirate la vera rabbia della gente, perchè quando partirà la vera risposta sociale

  5. Scritto da Un Operaio

    voi , continuando per questa strada fatta solo di parole poco ascoltate da chi comanda e da chi rappresentate, resterete indietro, o nel peggiore dei casi farete la fine dei vari Danton e Robespierre.
    Ritrovate una reale dimensione sociale, le gente non ha più bisogno degli scioperi fatti di Venerdì per allungare lo week-end.
    Bisognerebbe bloccarla quest’italia e obbligare quegli infami a destituirsi.
    Per favore sindacati, tornate sulla terra, c’è bisogno di voi..

  6. Scritto da delegato stanco

    Sono uno dei condannati da bresciani, son rsu fiom ormai da qualche anno e sottoscrivo appieno il commento di “un operaio”.
    attenzione bresciani perchè lo sfogo dei lavoratori, rsu e studenti che l’hanno abbandonata al suo comizio per andare sulle rotaie è emblematico, rifletta sulla sua rappresentatività e organizzi proteste piu’ di fatti che di propaganda sul palco !!!

  7. Scritto da Carlino

    La trovata della stazione bloccata è stata una stupidaggine che ha offerto a chi non aveva nulla da dire rispetto alla bella manifestazione, parole contro la CGIL. Quando si fanno le cose serve non solo la bandiera e le gambe ma soprattutto la testa.

  8. Scritto da corti-novis

    Al prossimo sciopero generale deve essere politico e non solo i binari …. il corteo farlo partire da Dalmine e fermare l’autostrada.,,,,, I nodi verranno al pettine e la risposta è uguale al sfida che abbiamo di fronte al capitalismo…coi i pescicani non si deve andare con la bandierina della pace.

  9. Scritto da Rosso di Sera

    perchè non occupiamo invece la casa di cortinovis, comunista con le cose degli altri.
    C’è gente che deve lavorare, studiare, ha urgenze familiari, e voi per farvi belli occupate autostrada e binari?!?
    Queste azioni gasano una minoranza di facinorosi ma rendono antipatico il movimento dei lavoratori alla maggioranza.

  10. Scritto da corti.novis

    SEi il benvenuto rosso di sera in casa mia, ti aspetto. Porta anche qualche amica. il mio appartamento è di 77 metri quadri in quattro ci viviamo… aggiungo un posti ….. però se vuoi andare da Berlusconi..lui è più largo e poi ai anche la scelta delle sue ville.

  11. Scritto da un cittadino

    Perch’ questi signori della CGIL e simpatizzanti non si sono mai visti e sentiti quando Prodi ha aumentato le tasse? Nella prossima manifestazione andate tutti ad occupare i locali della CGIL e le case dei dirigenti rossi.

  12. Scritto da Chicco

    No casa Berlusconi non si può disturbare. Lui invita già Bonanni e Angeletti poi li fa uscire dalla porta di servizio….

  13. Scritto da Leo

    Portare l’occupazione della stazione ad essere il culmine di una manifestazione di disagio sociale, a mio parere ben riuscita, è stato un regalo a chi è pronto a criticare qualsiasi tipo d’azione, ne è la prova che gli stessi partecipanti al corteo hanno condannato l’atto.
    Io personalmente non condanno il metodo, affatto, ma il luogo in cui si è svolta l’azione ed il disagio creato a chi la frequenta.
    Politici, industriali e banche ci hanno portato a questa crisi, non i pendolari.