BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

“Orso maleducato, orso fucilato” Ad Ardesio parte la caccia a jj5

Doppietta in spalla, i pastori di Ardesio si preparano a vendicare le loro pecore. L???orso jj5, che dall???estate scorsa scorrazza nella valli bergamasche, ha infatti causato moltissimi danni con le sue continue razz??e. Quali soluzioni? Se ne parler?? nel corso dell'incontro dal titolo "Orso maleducato, orso fucilato".

Più informazioni su

“All’orso, all’orso! Via alla caccia”. Doppietta in spalla, i pastori di Ardesio si preparano a vendicare le loro pecore. L’orso jj5 (nella foto sotto, ndr), che dall’estate scorsa scorazza nella valli bergamasche, ha infatti causato moltissimi danni con le sue continue razzìe: si contano a decine decine le pecore, le galline e gli alveari rimasti vittima della fame dell’orso. Tanto che i pastori hanno deciso di interrompere la tregua pacifica e disotterrare l’ascia di guerra. “Io ho sempre raccomandato di mantenere la calma – spiega il sindaco di Ardesio Antonio Delbono – anche se, come in tutti io paesi, qualche testa calda c’è sempre. Sa, quando l’orso si mangia (è proprio nil caso di dirlo) i risparmi di una vita è difficile non fare di testa propria e magari commettere qualche sciocchezza”. A tal proposito il primo cittadino ha organizzato un incontro dal titolo emblematico: “Orso maleducato, orso fucilato”. Durante la serata, che si terrà il prossimo 12 dicembre ad Ardesio, verrà proiettato un servizio mandato in onda dalla televisione svizzera italiana (guarda il filmato). Proprio in Svizzera è stato abbattuto un fratello di jj5 perché secondo le autorità avrebbe potuto mettere a repentaglio la sicurezza delle persone. “Noi ovviamente non diciamo che è giusto abbatterlo – continua il sindaco – ma non è nemmeno accettabile che scorazzi così nel territorio di Ardesio. Anche perché stanno si stanno diffondendo preoccupanti leggende metropolitane: ogni giorno ricevo una chiamata di qualcuno che ha visto l’orso. Poi magari è solo un cane di grossa taglia o qualche altro animale. Lo dico francamente, noi ne abbiamo abbastanza di questa storia”. Memore della brutta fine fatta dal malaugurato burlone protagonista della favola di “Al lupo al lupo” il sindaco di Ardesio invoca l’intervento dei veterinari. “Deve essere spostato nel suo habitat naturale, non certo la Valseriana. O al massimo che venga monitorato con un collare, almeno possiamo verificare i suoi spostamenti”.

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da karajan

    Walter, piantala di arrampicarti sui vetri. Non ti crede nessuno. Vorrei invece sapere come fanno a decidere i risarcimenti delle stragi dell’orso e come fanno ad esere così sicuri che la colpa sia dell’orso.
    La furbizia è dell’uomo e non degli animali!! Per fortuna che ormai i cacciatori rimasti sono da circoscrivere solo in certe zone e sono sicuramente zone dove non nascono premi nobel!!

  2. Scritto da Subiot

    Il Sig. Grossi dice: “Per prima cosa è stato un errore alimentarlo per fotografarlo.”Le specifico che l’orso dopo che è stato fotografato non ha assolutamente cambiato le proprie abitudini perchè l’attività messa in campo non aveva lo scopo di fargliele cambiare.L’orso è semplicemente stato “pizzicato” in un punto del M.Ortighera dove si presumeva potesse passare.Lo stesso tipo di attività è svolta tutt’oggi dal gruppo di ricerca che segue gli Orsi Trentini del progetto”Life Ursus”
    F.to Subiot

  3. Scritto da pescador

    Secondo me starebbe meglio nel parco dello Stelvio.. è vero che poi potrebbe spostarsi di nuovo ma almeno si potrebbe fare un tentativo.. ancora meglio sarebbe la Carinzia o il Tirolo, l’orso ha bisogno di spazio! il fatto che minacci le pecore è sintomo di un disagio, vuol dire che non è inserito bene nel suo ecosistema..

  4. Scritto da giuliano olivati

    questa storia di JJ5 è esilarante. a partire dal nome da rappper dato al plantigrado, passando poi x quell’etologo che spergiurava sui media che JJ si sarebbe diretto ad altri lidi. mettiamoci dentro i fotografi della domenica, il delirio isterico del pueblo preda di arcaici terrori, i pastorelli con la lupara (e il protafogli gonfio di risarcimenti x le povere greggi massacrate dal mostro)…adesso come ciliegina ci si mette pure il borgomastro di ardesio. urge commedia dialettale.

  5. Scritto da Anto

    A 21. Se la cultura prevalente è quella di padroni a casa nostra, allora i soldi per il rilancio del turismo in valle tirateli fuori voi. Vorrà dire che si continerà ad andare in altre valli più ospitali e dove conoscono la cultura dell’accoglienza turistica. Purtroppo siamo rimasti fermi all’età della pietra.

  6. Scritto da Maurizio

    E’ semplicemente questione di cultura e quindi di intelligenza.
    Ma cosa può dare chi ha la fissa dei cartelli in bergamasco ?
    “..fatti non foste…” Se potesse riscriverla oggi non avrebbe fantasia “a basta” neppure lui !

  7. Scritto da carmelo

    Aderisco alla provocazione di Giuseppe n°8 “pastore maleducato pastore fucilato” e chiedo a Walter n°21 se lui mangia i sassi delle sue montagne. Si deve ragionare in modo diverso nel rapporto città-montagna. Io sono un uomo di montagna, amo tenermi il mio orto e le mie piante, ma lavoro in città. Spacciare contadini e cacciatori per benefattori dell’ambiente mi sembra esagerato. I cacciatori puliscono il sentiero e il terreno del loro capanno per la loro caccia. Solo per il loro interesse.

  8. Scritto da Laura

    Capisco la rabbia di chi ha perso le pecore, le galline o gli alveari, ma non possiamo permettere che l’orso venga ucciso!
    Lo Stato o la Regione deve risarcire i danni causati dall’orso, (perchè non devono pagare solo i pochi sfortunati presi di mira: se la spesa viene suddivisa non risulta iniqua) e qualche esperto dovrebbe istruire la popolazione sulle abitudini degli orsi.
    Invece di pensare che la sua presenza sia un fastidio, dovrebbero cominciare a capire che può essere un vantaggio. In Gran Bretagna avrebbero già aperto l'”Hotel dell’orso”, organizzato visite nei boschi alla ricerca di impronte e così via!!!

  9. Scritto da Valter Grossi

    Io non comando in casa d’altri, ho tantissimi amici tra la gente di montagna, ma per me la Repubblica è una e indivisibile.
    I cacciatori sono tra i responsabili della scomparsa dei predatori (“nocivi” e competitori) e spesso immettono fauna esotica che danneggia quella autoctona (vedi ibridi tra la bianca alpina e la lepre magiara, i cinghiali). L’equilibrio si trova solo se c’è buona volontà.

  10. Scritto da CLA

    Walter (14), le leggi vengono fatte per il problema che esiste in quel momento, per cui se oggi il problema è cambiato (jj5), cambiamo la legge.

  11. Scritto da walter

    Xat n 21
    Lei sa l’indotto che crea la caccia?
    Lei blatera molto e a sproposito! classico milanese con la mortadella in tasca!
    X anto n 27
    Ma guarda..fino ad ora siamo sopravissuti senza orsi e con milanesi tirchi..di conseguenza credo che se qualcuno dei famigerati ”verdi” stanno sotto il PONTE DEL COSTONE non moriremo certo! anzi..!
    x carmelo n 28..sinceramente ti invito ad andare in un comprensorio alpino di caccia e chiedere in merito

  12. Scritto da walter

    Io non sono x abbattere l’orso! anzi!
    Voglio solo che se l’animale crea danni siano risarciti tutti!
    DAL GRANDE AGRICOLTORE AL PICCOLO AMATORE ….!

  13. Scritto da walter

    x anto n27
    DIMENTICAVO
    Sai perchè in valle seriane e cresciuta la lega nord?
    Grazie alle persone che ragionano come lei…
    Tenetevi i contributi ma state via da qui…NOI SAREMO PIù FELICI!

  14. Scritto da walter

    3)i cinghiali non sono immessi volontariamente ma sono solo animali troppo prolifici…
    Tra gli animali immessi volontariamente dai cacciatori nel comprensorio alpino che ci sta anche Ardesio ci sono cervi,caprioli,mufloni…oltre naturalmente alla normale immisione a scopo venatorio…starne,lepri (autoctone) fagiani..ecc ecc

  15. Scritto da ale

    Facciamo un po’ di chiarezza:
    1- il sindaco di Ardesio non è ne cacciatore ne allevatore
    2- il titolo ufficale della serata è: “orso maleducato…orso cacciato?”
    “Orso maleducato, orso fucilato” è solamente il titolo del documentario della TV svizzera che verrà proiettato nella serata di domenica in cui documentano la tragica fine dei fratelli di JJ5 in Svizzera e Germania.
    Il sindaco di Ardesio è l’unico che stà facendo qualcosa facendo un primo passo per trovare una soluzione.

  16. Scritto da ale

    Vi ricordo comunque che il dibattito è domani sera!
    Quindi, questa potrebbe essere l’unica possibilità che avete per dire la vostra sulla questione JJ5.
    Incontro ore 20,45 presso l’oratorio Ardesio.

  17. Scritto da walter

    Bravissima ale n38
    Il signor ”del bono” e una persona stimabile!
    e BERGAMONEWS NON DOVREBBE TOGLIERE GLI INTERROGATIVI!
    (MI ERA SFUGGITO) :-(

  18. Scritto da Lory

    Il sindaco di Ardesio è preoccupato perchè le nostre splendide Orobie sono quotidianamente frequentate da tantissime persone, e se ad oggi, gli incontri tra con la gente e l’orso si sono rivelati innocui, nessuno può escludere che un orso affamato possa gravemente nuocere all’incolumità umana…

  19. Scritto da at

    Il sig Walter continua a sparlare a sproposito, senza cognizione di causa, non conosce le leggi che regolano il pascolo in montagna, parla di rimborsi etc etc. Ma poi cosa c’entra la caccia con l’orso?

  20. Scritto da walter

    Sig at
    lei mi conferma una volta di più di essere un provocatore e nulla più!
    Emerito…sig at chi mai a parlato di caccia all’orso?

  21. Scritto da lombardi Vincenzo

    La Val Seriana iindustrilizzata ormai è un ricordo, sempre meno posti di lavoro in fabbrica. Non si potrebbe utilizzare questa risorsa per fare del turismo naturalistico. La Comunità montana non aveva stipulato una assicurazione in caso di danni causati dall’orso? Cercate di sfruttare il caso invece di incitare a sparare, Qualcuno non vede l’ora di mostrare in piazza la carcassa dell’animale, per poi mostrarla impagliata magari nel Museo di Scienze Naturali della Valle Seriana.

  22. Scritto da mauro

    mi sembra una trovata geniale…..anche solo il titolo della serata sarà stato studiato da uno staff di cervelloni…..complimenti all’amministrazione di Ardesio…..si fa notare……
    comunque i capi di bestiame uccisi dall’orso sono stati risarciti (a circa il doppio del valore reale)
    Non capisco questo accanimento….l’orso non si è mai neanche lontanamente avvicinato alle persone….
    ma il sindaco di Ardesio è proprietario di un gregge di pecore?

  23. Scritto da Pb

    E’ meglio rammentare che dopo le scorte di carne e grasso oggi l’orso è in sereno letargo.
    Naturalmente si sveglierà in primavera affamato di pecorelle (più o meno smarrite).
    E’ attivo un c/c in pecore vive per tutti gli Orso-boy che vorranno risarcire gli allevatori e sfamare Yoghi.

  24. Scritto da Ely

    Concordo.
    Paragonare l’istinto animale con la maledcazione mi sembra alquanto maleducato!! Questa è la cultura dei bergamaschi che poi credono che sia sufficiente avere qualche km di pista di sci in più per richiamare i turisti, prima è necessaro imparare che cosa sia l’accoglienza turistica.

  25. Scritto da Valter Grossi

    L’orso può diventare una ricchezza, a patto che ci si attrezzi per conviverci, praticamente e culturalmente.
    Per prima cosa è stato un errore alimentarlo per fotografarlo.
    In secondo luogo la pastorizia e l’allevamento, come si fa da secoli in altre parti d’Italia e più recentemente sulle Alpi, debbono utilizzare sistemi di prevenzione e contrasto. Dalle recinzioni, all’utilizzo dei cani guardiani, è compito del Parco e della Regione incentivare queste misure.

  26. Scritto da Matteo Oriani

    Non si tocchi l’orso JJ5, sia parco che provincia hanno messo a disposizione fondi ed hanno indennizzato tutti i danneggiati! JJ5 è il sintomo di un ecosistema sano delle nostre montagne.

  27. Scritto da Wild

    Nessuno, sindaco compreso, si chiede i perchè. Tutti a correre ai ripari estremi guardando solo le cause, e poi mi sa che questa dell’orso ammazzapecore è l’alibi utile per attingere ad un pò di popolarità e adun po di denaro da risarcimento. Nel letargico periodo l’orso non si farà più vivo e a primavera con un collare (anche se monitorarlo è triste), puà essere utile a preservarlo da pazzi umani. Un orso onnivoro caccia solo se qualcosa nel suo ecosistema salta. chiediamoci cosa

  28. Scritto da Giuseppe

    Organizziamo una controserata dal titolo “pastori maleducati, pastori fucilati”!!!!!

  29. Scritto da Eb

    Domanda per Valter Grossi:
    perché è stato un errore, se il cibo è stato portato in alta montagna e l’orso non è stato fotografato in presenza di persone?

  30. Scritto da Claudio

    Aderisco alla controserata di Giuseppe. Quando si sveglia gli daremo qualche pastore invece delle pecore.

  31. Scritto da ROBY

    Un orso per svolgere il suo ruolo di carnivoro educatamente deve cibarsi di le pecore con forchetta e coltello?? ma per favore , è un’orso ed è una cosa normale che si comporti così. Se si vuole fare un’icontro per trovare una soluzione e lo si intitola “…orso fucilato” credo che si sia già trovata una soluzione. quella sbagliata. che schifo.

  32. Scritto da Eb

    Ardesio vanta già alcuni tristi primati.
    Agli inizi del Novecento (mi sembra nel 1919) nella zona di Valcanale è stato fatto fuori l’ultimo esemplare di Avvoltoio degli agnelli della bergamasca.
    Una quindicina di anni fa sono stati denunciati alcuni “bracconieri” di radici di Genziana sorpresi con un quantitativo superiore al quintale.
    Il ridente paese dell’alta valle sembra deciso a conseguire il tris.

  33. Scritto da F.d.D.

    C’è un romanzo “noir”di Fred Vargas con una storia simile, andatevelo a leggere. E’ istruttivo su pastori, animali feroci (nel testo è un lupo o presunto tale) e varia umanità.

  34. Scritto da walter

    x il 12
    Prima di dire cavolate cerca di essere informato!
    Non erano di ardesio quelli con la genziana!!!!
    I contributi x i danni sono stati elargiti solo a chi aveva un recinto di conseguenza quasi tutti a bocca asciutta
    Ma certo voi gente di città non puo sapere che le pecore pascolano libere in montagna d’estate

  35. Scritto da iva

    giù i fucili da jj5!!!!!!!!!!!

  36. Scritto da tamtam

    ce ne sono di individui che creano danni ma non per questo li ammazziamo tutti…. lasciamolo stare questo orso che è uno dei pochi…

  37. Scritto da Giuseppe

    Ben detto n° 16!!! Se dovessimo adottare il motto “bipedi maleducati, bipedi fucilati”, sai come si ridurrebbe la popolazione della terra!!!!!

  38. Scritto da Farfarello

    Povero jj5. Che male fa? Se i pastori vengono risarciti per ogni pecora sbranata, perchè dovrebbero uccidere il plantigrado? Un orso presente nelle montagne di Ardesio è un elemento positivo, in quanto:
    1) è un’attrazione turistica;
    2) una montagna in cui sono presenti orsi e lupi è una montagna che può vantare un habitat faunistico immacolato.
    Il signor Sindaco, invece di spronare i cacciatori, usi il cervello, occupandosi di recinzioni, risarcimenti e sviluppo turistico

  39. Scritto da valter grossi

    Perchè è opportuno stimolare in tutti modi la predazione di animali selvatici, rendendo più ardua quella verso i domestici e non abituandolo a trovare cibo troppo facilmente. Capisco che le trappole fotografiche sono più efficienti con l’esca, ma quando si può è meglio evitarla.
    Tutto qui, ma resto certamente più preoccupato dall’ostilità, che dalla curiosità.

  40. Scritto da valter grossi

    Al mio omonimo con la W (14) ricordo che il pascolo incustodito è sulle Alpi abitudine recente (un secolo), derivante proprio dallo sterminio dei predatori naturali.
    Credo che il mantenimento della biodiversità valga ben qualche costo in più nella monticazione !

  41. Scritto da walter

    Ricordo al mio onomino con la v n (20)
    che x poter ammirare le montagne la domenica…servono i pastori i contadini serve chi tiene pulito..(usando anche la BCS)
    SERVONO I CACCIATORI, che con le loro tasse recuperano sentieri mulatiere e che immettono fauna autoctona…
    Sicuramente non servono turisti della domenica che vengono qui portando la mortadella aquistata a rho pero…e a sporcare (tanto non e cosa loro)
    Enon serve neppure chi vuole comandare in casa d’altri!

  42. Scritto da Roby

    serviranno si i cacciatori ,ma servono anche per uccidere l’unico esemplare di orso che abbiamo nei NOSTRI boschi? non credo proprio ,purtroppo sarà scontata la decisione di sacrificare l’orso. come è scontato l’atteggiamento generale che si ha di fronte alla scelta “comodi dell’uomo/ preservare la natura”.. ho 20 anni e mi piacerebbe accompagnare un giorno i miei figli sul sentiero delle orobie, spero solo che ci siano ancora le orobie!!!

  43. Scritto da at

    Vorrei cortesemente chiedere al sig sindaco se spiegasse un po’ a tutti quale sarebbe l’habitat naturale dell’orso! Sinceramente sono un po’ ignorante in materia, ero convinto che l’orso vivesse nei boschi, aspettiamo sue delucidazioni, spero che la invitino anche a qualche programma televisivo tipo Geo e Geo, Quark, etc etc.

  44. Scritto da at

    Con i soldi che paga la Regione Lombardia di multa tutti gli anni all’UE per la caccia in deroga sa sig Walter quante strade, mulattiere, si potrebbero sistemare? E quante pecore comperare ? Ma poi lei conosce le leggi che regolano il pascolo in montagna? Da quello che scrive mi sembra proprio di no!