BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Laner, la regola del trasformista: “Gioco ovunque, basta vincere”

Il duttile centrocampista spiega: "Sono una mezz'ala destra, ma all'occorrenza posso anche fare il centrale". A Brescia Madonna l'ha impiegato da trequartista: "Mi sono trovato bene, ho potuto inserirmi in attacco. Ruolo a parte, l'importante adesso è darci dentro e mettere altri punti sotto l'albero". Venerdì con il Frosinone rientreranno Carobbio e Cellini, fuori l'infortunato Narciso e lo squalificato Gabionetta.

Più informazioni su

Ci risiamo. Reduce dal colpaccio di Bari e con il quinto posto in tasca, l’AlbinoLeffe ha arrestato la propria marcia alle soglie della grandezza dopo due vittorie consecutive. La sconfitta di sabato a Brescia costringe i seriani ad accodarsi nuovamente alla zona che conta della classifica cadetta, scavalcati da Livorno, Triestina e Vicenza. Il sesto posto, utile per agganciare i playoff, è tornato ad essere un miraggio distante tre punticini: quelli che separano la Celeste dai labronici, avversari dello scontro diretto all’”Atleti Azzurri d’Italia” previsto fra tre giornate.
E sì che contro le rondinelle di Sonetti gli uomini di Madonna non hanno affatto sfigurato: “Direi che abbiamo interpretato la partita nel modo giusto – esordisce Simon Laner, tra i più convincenti al “Rigamonti” -, specialmente nel primo tempo. Siamo subito partiti forte, senza concedere nulla al Brescia. Peccato per l’errore di Serafini, ma nel calcio ci sta e non dobbiamo infierire su chi l’ha commesso: è stata l’unica palla gol per loro dell’intera gara”. L’inedita linea centrale a quattro, schierata davanti a tre difensori alti e con lo stesso Laner impiegato sulla trequarti in appoggio a Ruopolo, nonostante la battuta d’arresto pare avere convinto anche i protagonisti in campo: “L’impostazione tattica del mister ci ha consentito comunque di mettere in difficoltà una squadra ostica – prosegue il centrocampista altoatesino -. Personalmente mi sono trovato bene: ho tenuto a bada Baronio, la fonte di idee del Brescia, e ho avuto la possibilità di inserirmi nei giochi d’attacco. Le due occasioni che mi sono capitate nel primo tempo dimostrano che è un modulo che funziona: prima ho calciato fuori su sponda di Ruopolo, poi la difesa mi ha chiuso in angolo”.
Del resto il 24enne di Merano, ligio agli ordini di servizio del suo allenatore, non ha mai avuto problemi ad adattarsi alle consegne tattiche più disparate: i primi sei incontri di campionato li ha vissuti da ficcante ala destra, e dopo l’infortunio che gli ha fatto perdere quattro partite si è riciclato in pugnace interno. E ora il nuovo ruolo come perno avanzato dietro l’unica punta. Con gli alti e bassi dei suoi – infortuni compresi – e con un Madonna sempre pronto a stupire mescolando le carte, però, c’è da chiedersi fino a quando: “Io sarei una mezz’ala destra, ma sono anche in grado di giocare da centrale in un eventuale centrocampo a tre – conclude Laner -. La mia caratteristica principale è che so sfruttare gli spazi per attaccare (2 gol finora, ndr), anche partendo da dietro. Per il resto mi applico, com’è giusto che sia, rispettando alla lettera le indicazioni del mister. Ma l’importante, adesso, è darci dentro, serrare le file e magari trovare qualche bel punto sotto l’albero di Natale: abbiamo patito parecchi infortuni, ecco perché siamo un po’ discontinui. E non dimentichiamoci che siamo una squadra giovane”.
NOTIZIARIO – Antonio Narciso, che ha rimediato una distorsione alla caviglia a Brescia e cammina con le stampelle, venerdì contro il Frosinone non ci sarà. Al suo posto in porta giocherà Coser. Pronti al rientro, invece, capitan Carobbio e Cellini, che probabilmente partirà dalla panchina. Non ci sarà però Gabionetta, squalificato dal Giudice sportivo.

 

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.