BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Bettoni va all’attacco della Lega: pensa solo a spartire il potere

Un attacco frontale alla Lega, chiaro e deciso come quando, nella contesa elettorale del 2004, disse che di quei voti non sapeva che farsene (e infatti vinse comunque). Valerio Bettoni ha approfittato della relazione al bilancio preventivo della Provincia per scagliare parole di fuoco nei confronti del Carroccio che ha gi?? "prenotato" la poltrona pi?? importante del palazzo di via Tasso per Ettore Pirovano.

Più informazioni su

Un attacco frontale alla Lega, chiaro e deciso come quando, nella contesa elettorale del 2004, disse che di quei voti non sapeva che farsene (e infatti vinse comunque). Valerio Bettoni ha approfittato della relazione al bilancio preventivo della Provincia, l’ultimo della sua gestione decennale, per scagliare parole di fuoco nei confronti del Carroccio che, come noto, ha già "prenotato" la poltrona più importante del palazzo di via Tasso per Ettore Pirovano.
Già la premessa dice tutto, anche se in politichese: "E’ davvero singolare che, rispetto alla condivisione che c’è stata e c’è su un così lungo cammino, già si avanzino pretese egemoniche da parte di chi non ha saputo tenere il passo su un originale progetto di autonomia del territorio, appellandosi invece a intese spartitorie di vertice per poter guidare e completare un progetto sin qui non compreso ed osteggiato". Sembra un chiaro altolà, non sorprendente peraltro da parte di chi ha già annunciato di voler schierare una lista civica alle elezioni della primavera prossima proprio allo scopo di piazzarsi di traverso alla altrimenti scontata vittoria della coalizione Forza Italia-An-Lega.
Bettoni scende sul terreno caro alla Lega, quello del federalismo, per denunciare l’immobilismo di chi governa a Roma: "Si fa stridente contraddizione il federalismo a parole di quanti operano sul territorio come "forza di lotta" e l’accomodarsi di fatto su nuovi crescenti centralismi quando si è "forza di governo", lasciando inevase le richieste di Bergamo perché non si vuol comprendere l’organicità di un progetto di crescita locale che dà concretezza all’autonomia e alla responsabilità della società bergamasca". Poi entra nel merito dell’azione del governo Berlusconi: "E’ forte il disagio a Bergamo tra le micro aziende e le partite Iva che dovevano essere l’interlocutore naturale di questo governo e che ora rischiano di rimanere per strada perchè il lavoro flessibile è il più a rischio, senza cassa integrazione, sussidi di disoccupazione o sostegni al reddito". Ancora: "Anche gli interventi tampone alla crisi dei consumi dei più disagiati – come la social card e i bonus, definiti da alcuni carità di Stato – si sono determinati su una via statalista e centralista".
La relazione bettoniana, ben 74 pagine, spazia su tanti altri argomenti. Non manca una difesa accorata dell’istituzione Provincia. "Senza la Provincia di Bergamo il federalismo sarebbe una finzione per riproporre un nuovo centralismo, statale o regionale, che non è in grado di comprendere i reali bisogni di un milione di abitanti, distribuiti su un territorio grande come una regione". L’ultima stoccata, indiretta, è al direttore di Libero Vittorio Feltri, promotore di una raccolta di firme per l’abolizione delle province e destinatario di un contributo pubblico di 8 milioni di euro "questi sì inutili e discutibili nel libero mercato dell’informazione".  

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da iva

    La LegaNord ricomincia a produrre maroni puzzolenti. Ha paura che il burattinaio la rimetta nell’angolino, dove è sempre stata grazie ai rospi ‘Catanesi’. Nel caso di soppressione delle province, anticipato dal ‘gran lavoro’ Feltriniano, ha già in mente di candidare Castelli a Bergamo. In quel caso si potrebbe pensare Bruni candidato della Regione Lombardia.

  2. Scritto da ape maya

    Senti chi parla di spartire poltrone… Bettoni è un personaggio della vecchia politica che è sempre rimasto in terza fila (vista la mediocre statura del personaggio), ma il vuoto post-mani pulite lo ha premiato come tanti altri illustri sconosciuti della politica nazionale. Comunque chi tradisce gli amici fidati ha il destino segnato: perdente!

  3. Scritto da il gipeto

    Bettoni in 10 anni non ha fatto che parlare di Patti ma non si capisce cosa abbiano sortito se non tavoli e tavoli. In 10 anni ha governato la provincia come un monarca, riempiendo le società e la provincia di amici fidati scaricando uno dopo l’altro chi lo ha candidato e fatto eleggere. Lui è davvero ancora convinto che i voti li ha presi tutti per le sue doti di infaticabile statista. Certo è uno che parla al popolo con la pancia ma anche il popolo dopo 2 fette capirà se è polenta !

  4. Scritto da walter

    Betùùùù to sè u comunista boscevico!

  5. Scritto da milo

    bettoni molla la cadrega con onore senza patetici richiami agli altri. avrai tempo per studiare un po’ l’italiano e persino il bergamasco!

  6. Scritto da ureidacan

    La Lega ha già deciso: la provincia di Bergamo deve essere sua ed ha già spostato i suoi pezzi, Pirovano da Roma a via Tasso. Magari si potrebbe fare a meno anche delle elezioni, anche per non correre il rischio di finire come nel 1999, quando il leghista Cappelluzzo, presidente sicuro, dovette cedere il passo al buon Valerio. E Forza Italia conquisterà poi il Comune di Bergamo? Per fortuna che ci saranno le urne.

  7. Scritto da Bonanomi marino

    Bettoni,ex DC,Ex forza italia,speriamo ex , anche in provincia.Sulla LEGA ha ragioni da vendere.Lui,però,rappresenta bene i Bergamaschi.!.pregi e difetti.!La lega predica bene e razzola male..!
    X Anna voig.La metto assieme all “dott.pipia “Pol.Sco.Essendo senza argomenti attaccate la gente sull’ORTOGRAFIA.Il concetto di Ermanno è SACROSANTO. Smettetela di fare i saccenti e portate argomenti.Per esportare nel mondo,lavoro,politica,ecc. bisogna parlare e leggere l’Inglese..Iva hai ragione.!.ciao

  8. Scritto da mario de cene

    Betù stà coi pe in tera e gula mia, perchè se no ta et fo de co.

  9. Scritto da ol Giopì castigamacc

    Brao Betù, te ghet résù,la Lega è la disgrassia de noter bergamasc!

  10. Scritto da scannabisce

    betù tires insèma che te set pio ù scetì!!!

  11. Scritto da un bergamasco

    ma perchè, bettoni non è forse attaccato alla POLTRONA?

  12. Scritto da mauro

    L’uomo di tutte le stagioni!

  13. Scritto da Maurizio

    Quest’uomo segue il vento come una bandierina,ieri democristiano, poi forzista, ora alternativa alla Lega, infatti il federalismo….l’ha chiesto lui prima!!! E poi non ha mai pensato al potere,no no no!!!

  14. Scritto da acido

    A Bergamo e prov. la situazione potrebbe essere noiosamente già decisa: riconferma di Bruni in comune e Pirovano (o Stucchi) presidente della provincia con la destra. Evviva Bettoni che promette scintille e almeno ci farà divertire.

  15. Scritto da marco

    come tutti gli ex dc bettoni pensa solo alla sua poltrona. avewndola finalmente persa è nervosetto. con la pensione di geometra compri un bel dizionario !!!

  16. Scritto da iva

    Ricapitolando: chiusura delle province e soppressione della Lega?
    Come fece la spagna con l’eta?

  17. Scritto da cheschifo

    Bettoni da buon democristiano (non ex perchè i dc restano tali tutta la vita purtroppo), creerà la sua bella lista civica per diventare l’ago della bilancia, pronto ad allearsi al secondo turno con il miglior offerente, dopo le nebulose trattative sotto banco che si fanno nella settimana dopo il primo turno per fare gli apparentamenti. E tutto questo per cosa? ovviamente si parlerà di numero di poltrone di governo, sottogoverno e soprattutto nelle aziende partecipate.

  18. Scritto da anna voig

    @Ermanno: prima di sollecitare ad imparare l’inglese, sarebbe opportuno che tu imparassi l’italiano. Province si scrive senza “i”!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!

  19. Scritto da Dott.ssa L. Agazzi

    Umiltà, dignità, rispetto. Valori che ormai il Bettoni non ricorda più. Il suo straripante protagonismo lo ha ormai portato a vivere in un mondo tutto suo. “Dopo di me, il nulla” pare voglia dirci il geometra del Genio Civile. Per fortuna che la nostra gente è saggia e guarda al futuro senza minimamente pensare di affidarsi ai buoni consigli di chi ha dato solo cattivi esempi. La filosofia del “chi vusa pussé la vaca l’è sua” non porta da nessuna parte. Buona pensione ormai expresidente Bettoni.

  20. Scritto da vittorio

    La solita lotta per la poltrona.Destra ,Sinistra,Centro….che tristezza.

  21. Scritto da Parsifal

    Fancamente non condivido la tristezza di Vittorio. Bettoni su certe questioni ha parlato chiaro, col suo stile diretto. Che la Lega abbia spesso il vizio delle poltrone lo dimostra, ahinoi, il caso di Catania…con un silenzio agghiacciante alla faccia delle realtà “virtuose” nel settore pubblico del nord. Illivello dei politici della lega. purtroppo, lascia molto a desiderare. Che qualcuno lo denunci non mi sembra triste. Avrebbe dovuto farlo se mai l’opposizione…questo, si, è triste…

  22. Scritto da matteo

    Le politiche del Betù somigliano ad una insalata russa.

  23. Scritto da Ermanno

    Il candidato alla poltrona DI PRESIDENTE alla provincia, considerato che siamo in Europa e le provincie stesse devono andare a contatto con l’Europa, andando in giro; che sappiano parlare almeno L ‘ INGLESE a ruota libera, non solo un italiano misto a dialetto. Se non predispongono di una base culturale, con i requisiti di una laurea, della lingua inglese, di una base solida di italiano e storia-politica dell’Italia, che non vengano assolutamente CANDIDATI DA PARTE DEI PARTITI.

  24. Scritto da SubbuteoGroup

    Bettoni tanto per cominciare, è un ex democristiano, e questo già di per se, si commenta da solo. Ovvero sa bene come si spartisce gestisce il potere.
    In tal senso, ha studiato nella scuola migliore.
    Ora , rappresenta Forza Italia, altra fabbrica di fenomeni.
    In più, non è un modello da imitare in fatto di comunicazione, in quanto il suo lessico, lascia molto a desiderare.
    Per cui guardi in casa propria e ai risultati (scarsi) della propria amministrazione, prima di giudicare altri.

  25. Scritto da marco

    voto forza italia , ma le carenze culturali di bettoni sono davvero inaccettabili. se poi si aggiungono una assoluta inapacità di dialogare con gli altri e la costituzione di società poco trasparenti e produttive … le dimissioni sarebbero auspicabili !!!

  26. Scritto da riccardo

    bravo bettoni,( personalmente non ti ho votato)
    penso che ormai la lega faccia di tutto per restare attaccata alle poltrone di montecitorio svendendo quella che è l’idea della lombardia.
    bravo e magari la prossima volta ti voto pure