BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Tremaglia bocciato, An si divide

Per un Pietro Macconi, presidente provinciale convinto che la motivazione del diniego ("?? un politico tuttora in attivit??") sia da rispettare, c'?? un Franco Tentorio, capogruppo in Comune, che ritiene quella avanzata dal sindaco Roberto Bruni una "scusa risibile", non conforme al regolamento e un Mario Gandolfi, capogruppo in Provincia, che legge il niet come un'occasione persa

Più informazioni su

All’interno di Alleanza nazionale la bocciatura di Mirko Tremaglia alle benemerenze cittadine evidentemente non è piaciuta anche se a proporre il parlamentare di lungo corso non è stato un esponente del suo partito bensì l’azzurro Giorgio Jannone.
Ma le posizioni all’interno di An sono diverse. In particolare per un Pietro Macconi, presidente provinciale convinto che la motivazione del diniego ("è un politico tuttora in attività") sia da rispettare, c’è un Franco Tentorio, capogruppo in Comune, che ritiene quella avanzata dal sindaco Roberto Bruni una "scusa risibile", peraltro non conforme al regolamento e c’è anche un Mario Gandolfi, capogruppo in Provincia, che legge il niet come un’occasione persa proprio mentre tutti parlano di pacificazione.
Nessun intento polemico, premettono tutti e tre, ma se Macconi smorza davvero ogni retropensiero, Gandolfi e Tentorio evidenziano quella che secondo loro è un’ingiustizia e una discriminazione. "Il regolamento non prevede che non venga premiato il politico in attività e ricordo che nel 2000 venne data la benemerenza a Zaira Cagnoni allora consigliere comunale", commenta Tentorio che sottolinea come peraltro Mirko Tremaglia, oltre a impegnarsi da 40 anni per la città si sia anche distinto per una serie di operazioni volte proprio alla pacificazione, insieme a personaggi come Giorgio Napolitano, Carlo Azeglio Ciampi e Luciano Violante. Di più, spiega il commercialista dalla memoria d’elefante: "Noi abbiamo sempre appoggiato e volentieri persone lodevoli per la comunità, anche se di opinioni politiche diverse: penso al notaio Leidi, ai vari Milani, Traini, Bombardieri, fino a Bruni padre".
"Non venga a dirmi il sindaco che si è seguito il criterio dell’attività politica – rincara Mario Gandolfi – perché mi sembra tanto la storia della volpe e l’uva. Se si voleva dare un segnale d’apertura mentre si parla tanto di dialogo, allora è stata persa un’occasione".
Vede più rosa Pietro Macconi che non reputa automatico che le proposte vengano accettate e che ringrazia Giorgio Jannone per aver lanciato la candidatura di un uomo di An: "Il suo è stato un atto di generosità". Ma aggiunge che forse ci vorrebbe"una maggiore riservatezza per non  ferire le persone. Questo vale per tutti, anche se è capitato altre volte che un nome non approvato un anno, l’anno successivo venisse invece premiato".

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da Paolo Comi

    Sono bergamasco.Ho giocato a calcio nei ragazzi dell’Atalanta visionato e scelto dal Dr.Brolis(chi ama l’Atalanta lo conosce).Ho allenato una squadra di calcio.Misono rotto i legamrnti del gin. giocando a calcio.Non potete tacciarmi di antipatia verso quello sport e forte di tutto ciò ribadisco che è assurdo dare un premio del genere ad un calciatore per di più non nato a Bergamo.Sottolineo poi che il Sig.Doni in campo non mi sembra sia molto corretto viste le squalifiche a lui comminate.

  2. Scritto da vittorio

    Ditemi ,che meriti ha il giocatore Doni ? Quello di guadagnare 1 milione di euro / anno ?

  3. Scritto da simone paganoni

    Per me a Doni non doveva essere data però…
    Costatazione = l’hanno chiesta e fortemente voluta due consiglieri di minoranza (LEGA e AN…si vede che erano a corto di nomi migliori…) e se non si accetta qualche proposta delle minoranze ti attaccano dicendo che si vuole premiare solo gli amici, se accetti ti attaccano cmq..Ogni anno la stessa cosa..Il centro destra rappresenta circa la metà di BG, è giusto ascoltarli e che si prendano le loro responsabilità su chi propongono

  4. Scritto da Gualo

    Azz.. Vittorio sei ancora qui a buttar benzina sul fuoco (giusto per dar contro all’Atalanta come in altri post) meriti, demeriti, candidature, ecc.. èstato tutto uno scempio politico (di dx e sx..senza distinzione) e ci sono più articoli e post che lo confermano ma no tu.. solo li sai sparare!! Cmq giusto per tua informazione all?Atalanta c’è il tetto ingaggi Doni mi pare sia sui 450.000.. (insomma in un mondo milionario o c si adegua all’Atalanta società seria o si cercano altre mete)

  5. Scritto da Michele Andreucci

    Con tutti i problemi che ci sono a Bergamo, a Palazzo Frizzoni destra e sinistra perdono tempo con queste manfrine d’asilo sulle benemerenze. Spettacolo penoso

  6. Scritto da corti-novis

    La vergogna sono questi premi ai vivi e ai morti…… da Milano per l’ambrogino d’oro e tutti le altre forme di premi al merito in tutta Italia …. in una società che chi arriva prima su tutti e merito solo per lui… è un modo laico come fa la chiesa quando fa un santo. Viva quei meriti che nessuno sa ma in silenzio e umilmente fa regolarmente tutti il suo dovere senza luci e platee ……. in silenzio da vivo e….. molto ma molto in silenzio da morto..