BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Rifondazione: “Il premio a Testa è uno schiaffo a chi subisce i disagi di Orio”

Anche Rifondazione comunista vuole dire la sua sull'assegnazione delle benemerenze civiche. E lo criticando pesantemente non solo le scelte riguardanti il calciatore atalantino Doni e il deputato di An Mirko Tremaglia. Nel mirino c'è anche Ilario Testa, già presidente di quella Sacbo (società di gestione dell'aeroporto).

Più informazioni su

Anche Rifondazione comunista vuole dire la sua sull’assegnazione delle benemerenze civiche. E lo fa criticando pesantemente non solo le scelte riguardanti il calciatore atalantino Doni e il deputato di An Mirko Tremaglia. Nel mirino c’è anche Ilario Testa, già presidente di quella Sacbo (società di gestione dell’aeroporto) che a dire di Ezio Locatelli e Maurizio Morgano non dà risposte in materia di inquinamento e rumorosità ambientale dello scalo.

“La questione delle benemerenze e delle medaglie d’oro di fine anno ci ha sempre appassionato poco perché troppo spesso inficiata da forti elementi di parzialità politica. Questa parzialità ci sembra, in alcuni casi, avere ispirato alcune scelte anche di quest’anno.
E’ il caso della candidatura di Doni che noi riconosciamo essere un bravo calciatore dell’Atalanta. Ma non vi sembra che ci siano tanti bravi cittadini o lavoratori che fanno il loro dovere per molto, molto meno, spesso con salari di fame, che meriterebbero di essere riconosciuti in ben altro modo?
Anche la scelta di Ilario Testa (ex presidente Sacbo) a medaglia d’oro ci sembra il frutto di una visione strabica. Anche qui, al di là dei meriti strettamente manageriali, come la mettiamo con le migliaia di cittadini che da anni giustamente protestano per l’assenza di risposte in materia di inquinamento e rumorosità ambientale dell’aeroporto? Come la mettiamo con le centinaia di persone che lavorano in condizioni di precarietà presso lo scalo di Orio?
Ultima annotazione riguarda il mancato riconoscimento della medaglia d’oro a Mirko Tremaglia per il voto contrario nostro e della maggioranza. Voto contrario della maggioranza tranne che dei Verdi e dell’Italia dei Valori che si sono astenuti, forse dimentichi che in questa nostra Repubblica vige ancora la discriminante antifascista. Francamente anche questa astensione è a dir poco inqualificabile”.

 
                                                   Maurizio Morgano (cons. al Comune di Bergamo)
                                                            Ezio Locatelli (segretario prov. Prc)

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da Il Bergamotto

    Ezio Locatelli si vanta di aver frequentato la stessa facoltà universitaria di Renato Curcio. Probabilmente assegnerebbe la medaglietta agli anni di piombo in toto.

  2. Scritto da l.ferrari

    La medaglia – all’ex Presidente della Sacbo – gli è stata riconosciuta, in quanto si è dovuto dimettere, per passare la mano in una questione di equilibri di potere. ll rischio e il disturbo che i cittadini devono subire, per l’usurpazione del territorio creata dallo sviluppo dell’aeroporto, poco interessa ai politici.

  3. Scritto da Pol.sco.

    “(…) forse dimentichi che in questa nostra Repubblica vige ancora la discriminante antifascista”
    A Morganooo, ripigliati.
    Si dà il caso che Tremaglia è nostro deputato della Repubblica da sempre
    Può governare l’Italia, può legiferare, può portare grandi benefici a Bergamo ma non può avere una medaglietta?
    Voglio la pregiudiziale antikomunista!