BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Delusione social card: pi?? no che s?? agli anziani bergamaschi

Lucia Cometti del Caf Cisl: tra quelli che arrivano qui con la lettera, la met?? non ne ha diritto e ci resta molto male. Gianni Peracchi, dei pensionati Cgil: molti vengono in sede (ieri 54) anche solo per chiedere informazioni, senza lettera, e tra questi il 90% non pu?? ottenerla.

Più informazioni su

Che delusione. Che delusione per molti di coloro a cui è arrivata la lettera che li avvisa di poter richiedere la social card da 40 euro al mese arrivare al Caf e scoprire che invece non ne hanno diritto. Qualcuno ci resta male davvero, spiega Lucia Cometti responabile del Caf Cisl “anche perché è convinto di rientrare nei parametri”. E di fatto rientra nei seimila euro di reddito previsti per gli ultrasessantacinquenni o negli ottomila per ultrasettantenni. Ma poi a questo reddito “in chiaro” che peraltro va ricostruito attraverso l’Isee, si devono aggiungere altri canoni, per esempio per ottenere la carta acquisti stanziata dal Governo Berlusconi, non si devono avere depositi in banca superiori ai quindicimila euro, oppure al reddito, anche alla pensione sociale, va sommato l’accompagnamento… Insomma una vera montagna da scalare che ha comportato, in questi primi giorni un ritorno a casa senza chance e senza card per circa la metà di coloro che si presentano al Caf. “Il cinquanta per cento non ne ha diritto anche se ha ricevuto la lettera e quindi arriva qui straconvinto. Noi abbiamo pensato, anche per non deprimerli ulteriormente di verificare in contemporanea se potranno accedere al bonus che è una tantum e più facile da ottenere”.
Ma, tra coloro che hanno ricevuto la lettera (ne arriveranno 12.000 in tutto a Bergamo) c’è anche chi non vuole la carta: “Non sono pochi: vengono qui e annunciano che la rifiutano perché ricorda loro le vecchie tessere del pane di stampo fascista”.
Una reazione di rifiuto l’ha colta anche
Gianni Peracchi, segretario dei pensionati della Cgil (Spi): “Almeno due su dieci non la vogliono, molti anche perché hanno vergogna di passare per poveri”. I pensionati Cgil fanno una sorta di “scrematura” prima del Caf: “In questi giorni arrivano decine di persone, ieri ne abbiamo contate 54, che magari non hanno ancora ricevuto la lettera, ma si muovono per sapere cosa devono fare. Tra l’altro gli anziani, si sa, vanno in ansia quando hanno a che fare con carte bollate e documenti e quindi noi svolgiamo anche un’azione di accoglienza”. Anche per il fatto che lo Spi riceve genere senza la lettere i dinieghi sono molti di più rispetto al Caf della Cgil: “Dobbiamo dire che non hanno diritto alla social card al novanta per cento delle persone che arrivano qui. Non è sempre facile sa? C’è anche chi protesta e dice: ma come, il Governo dice che ce la dà e voi sindacati no?”.
Fatevi poche illusioni, suggeriscono in pratica dal sindacato: la card c’è ma portarsela a casa è complicato.

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da Giuliano Bertolazzi

    Io penso che se IVA o Karajan fossero meno inclinati a sinistra e si togliessero il paraocchi e la faziosità o il saputello del Giopì guardasse bene a cosa aveva fatto il suo Visco ,e se sono così i ” Poveri con solo 15000E in banca” allora beh sicuramente si starebbe meglio tutti.
    Domanda ma perchè andare dai CAF specialmente di CGIL che notoriamente non sono gratis ,almeno la tessera occorre pagarla e quella non costa niente vero a un pensionato al minimo?
    Per una volta dite solo la verità

  2. Scritto da karajan

    Quando, gli italiani poveri, si renderanno conto della continua presa per il c…… da parte di berlusconi? (ho scritto berlusc…. in minuscolo; non è un errore).

  3. Scritto da Gino '33

    In questo benedetto paese non va mai bene niente. Anche quando si mettono a disposizione dei quattrini, c’è chi spacca il capello in quattro. Ai miei tempi si diceva: pochi, maledetti, subito.

  4. Scritto da iva

    Qua bisogna cominciare a spaccare i bilanci al secondo.
    Nel senso che con la sola RIpenalizzazione del falso in bilancio a spaccarsi la schiena a forza di fare i conti sarebbero i 33% del 33% degli evasori.
    @Gualo: guarda che karajan diceva anche a te, sai?

  5. Scritto da Gualo

    scusa.. la prossima volta che andrò a votare chiederò all’oracolo iva (che tutto sa e vede..peggio prorpio del berlusc..)
    aspetterò che un giorno commenti l’articolo di per se..invece che divagare come al solito x tirar acqua al mulino..

  6. Scritto da iva

    Ascolta bene Gualo: quando le cose non vanno bene e c’è un partito al Governo da molto, troppo tempo, non solo politicamente ma anche finanziariamente qualcuno deve pur fare opposizione, o no?
    Oppure per te le responsabiltà sono da suddividere al 50% tra Bruni e berlusconi?

  7. Scritto da Gualo

    scusa, credevo questo fosse un sito di informazione, dove si danno notizie e si commentano le stesse ..non un luogo dove ognuno parla solo di politica, fa comizi e campagna elettorale..
    su questa notizia (come in altre) io ho detto la mia in modo oggettivo, forse sbagliando ma di certo non volendo esser fazioso..
    libera di continuare così, ma che palle (ehehe e fatti una risata)
    dimenticavo prossimamente nn risponderò più alle tue innumerevoli provocazioni politiche.. saluti

  8. Scritto da ol Giopì castigamacc

    Quindi,oltre all’umiliazione della card anche la beffa di ricevere la lettera e di non prendere un quattrino!
    Usque tandem abuteris patientia nostra Berlusconi?

  9. Scritto da Pol.sco.

    Sentite. Non prendete pure sti soldi ma non andate poi a pianger miseria

  10. Scritto da iva

    Pol.sco. Invernizzi lei è senza Dio, anzi la parodia di un credente.