BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Più facile lo shopping di Natale in centro: meno divieti e ticket promozionale per il bus

Facilitazioni per chi desidera fare shopping nel centro cittadino con l'istituzione di Zone a traffico limitato provvisorie e agevolazioni per i mezzi di trasporto pubblici e il costo del biglietto. Presepi e installazioni sonore in alcuni negozi della città.

Più informazioni su

Fare shopping in città diventa più facile con il progetto “A Natale vola in centro”, un’iniziativa di Palafrizzoni per migliorare gli spostamenti nel centro cittadino in vista degli acquisti natalizi. Un progetto che si articola in due parti: la prima ha come obiettivo quello di potenziare l’ospitalità e l’attrattività del centro; la seconda, studiata in collaborazione con l’Atb, prevede una migliore accessibilità al centro. Quest’ultimo progetto dal nome “Con Atb al centro del Natale”, prevede un biglietto dell’autobus promozionale giornaliero dal 6 dicembre 2008 al 6 gennaio 2009, al costo di 1.50 euro (anziché 3 euro) per chi desidera spostarsi in città e di 2.50 euro valido sull’intera rete Atb, che comprende i 28 comuni della Grande Bergamo (in entrambi i casi è incluso l’utilizzo delle funicolari). E i biglietti si potranno acquistare, oltre che nelle tradizionali rivendite, anche nei principali esercizi commerciali. Inoltre dal 6 al 24 dicembre sarà istituita la Ztl (Zona a traffico limitato) nella zona del centro e del Borgo San Leonardo dalle 14 alle 19 nei giorni festivi e di sabato, mentre in San Leonardo sarà sospesa dal lunedì a venerdì dalle 16 alle 19 (rimane invece attiva dalle 7 alle 10). Sempre nello stesso periodo entrerà in funzione il trenino turistico gratuito Gulliberg, che dalle 14.30 alle 19.30 di sabato viaggerà in centro e all’interno della Ztl di Borgo San Leonardo, mentre nei giorni festivi “correrà” in Città Alta. Di più: sempre dal 6 al 24 dicembre nei giorni festivi e di sabato, oltre che nei giorni 12, 22, 23 e 24 dicembre, dalle 9.30 alle 20 sarà messo a disposizione un servizio di navette gratuite, il cosiddetto Shopping bus, fra i parcheggi di piazzale Goisis in zona stadio e del piazzale dell’ex mercato in Celadina, e il centro di Bergamo, con frequenza di 15 minuti. Inoltre nei fine settimana dal 6 al 24 dicembre, dalle 14 alle 19, verrà allargata l’isola pedonale anche all’attuale Ztl di Borgo San Leonardo, comprendendo anche largo Cinque Vie, vicolo Bancalegno, vicolo del Consorzio, via Moroni da largo Cinque Vie all’intersezione con via Carrozzai, via Quarenghi da via Zambonate all’intersezione con via Palazzolo, via San Bernardino da largo Cinque Vie all’intersezione con via Greppi, via Zambonate dall’intersezione con via Quarenghi a largo Cinque Vie.  
Per quanto riguarda invece l’intrattenimento dei cittadini, che vede attivi Comune, Camera di Commercio, Ascom, Confesercenti, associazione “Bergamo vive” e Accademia Carrara di Belle Arti, nelle vetrine di alcuni negozi del centro verranno collocati quattro presepi provenienti da musei o collezioni private bergamasche (gli esercizi commerciali interessati sono: Max & co. in viale Papa Giovanni, Riva gioielli in via Spaventa, Babilonia in via Sant’Orsola, Mind in Italy in via Tasso). In un’aiuola del giardino sul lato nord del Teatro Donizetti invece sarà posto un gruppo scultoreo a grandezza naturale composto dalla Natività e dai Re Magi (che a Natale 2009 verrà collocato nella piazza principale di Almenno San Bartolomeo), realizzato dall’architetto Giancarlo Defendi, illuminato anche di notte per rivitalizzare un’area che normalmente viene percepita come insicura. E il coordinamento fra questi due itinerari di presepi sarà curato dall’architetto Cesare Rota Nodari. Ai presepi si aggiunge un progetto sonoro in sei luoghi cittadini, una sorta di caccia al tesoro alla scoperta di sei luoghi: piazza Pontida, piazza Santo Spirito, piazza Dante, via Quarenghi, Urban Center e piazza Mercato delle Scarpe. Le vetrine di alcuni negozi saranno dotate di un dispositivo sonoro che, in corrispondenza con l’orario di chiusura dei negozi, emetterà delle vibrazioni (le "vetrine sonore" saranno quelle dei negozi Marella in via XX Settembre, Recalcati di viale Papa Giovanni, Marika di via Spaventa, Riva gioielli di via Paglia e La Perla sul Sentierone). 
Alla conferenza di presentazione dell’iniziativa hanno preso parte il sindaco Roberto Bruni, gli assessori comunali alla Mobilità Maddalena Cattaneo e alla Cultura Enrico Fusi, il direttore di Atb Gianni Scarfone, Roberto Ghidotti per Ascom, Claudio Re per Confesercenti, e Alessandro Riva di "Bergamo Vive".

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da Lumacorno

    Non è certo colpa del Comune se il Balzer non ha clienti! Chissà come mai altri locali a quell’ora sono strapieni….
    E le iniziative per sopravvivere non gli mancano di certo…basti solo pensare che di fronte ha il teatro più importante della città!

  2. Scritto da Paolo Comi

    Credo che chiudere la stalla quando i buoi sono fuggiti non sia solo un proverbio ma una realtà per la ns città.Avete ucciso il commercio del centro città ed ora ,molto tardivamente,lo volete far rivivere con queste ridicole idee riguardo la mobilità.Il Balzer vuoto alle 19,30 è sinonimo di crollo delle iniziativevolute per far si che i bergamaschi preferiscano fare 25 min di coda per l’Oriocenter piuttosto che non trovare un parcheggio in città.Meditate politici.Io a differenza Vs amo BERGAMO!

  3. Scritto da iva

    Si potrà estenderela promozione-bus, sul modello parigino, anche per il resto dell’anno in futuro.
    W IL TRAM

  4. Scritto da aran

    A me sembra una bella iniziativa che tra l’altro lega cultura e shopping. Se proliferano i centri commerciali non è colpa del comune…(in tutta italia è così). Se non altro questa iniziativa fa capire le differenze tra lo stare in centro città e chiudersi in un centro commerciale. poi, certo, tutto è migliorabile…

  5. Scritto da Tuditanus

    Di fianco a questo articolo avete messo quello relativo a
    La Same tira il freno: mille lavoratori in cassa integrazione
    Un ottimo accostamento.
    Bravi, davvero bravi.