BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

La storia degli “OhBej OhBej” in mostra

nata tra il XII e il XIII secolo, il classico mercatino natalizio meneghino rivivrà le sue fasi storiche grazie a 40 immagini in mostra al Castello Sforzesco

Più informazioni su

Domani, martedì 2 dicembre, al
Castello Sforzesco aprirà la mostra fotografica dedicata alla Fiera
degli Oh Bej!OhBej!. Le 40 immagini che fanno parte del percorso sono
state sistemate nell’area antistante la Torre del Filarete.

“La Fiera degli
OhBej! OhBej è una tradizione milanese che il Comune intende
valorizzare e preservare – spiega l’assessore alle Attività produttive
Giovanni Terzi -. Per questo abbiamo pensato di ripercorrere attraverso
una galleria di immagini la storia di questa manifestazione. Gli Oh
Bej!Bej! non sono solo un momento commerciale ma raccontano la storia,
la cultura e l’identità milanese. Quest’anno per la fiera è l’inizio
del nuovo: bancarelle bianche per tutti, merceologia tradizionale e
niente abusivi”. Realizzata con materiale proveniente dall’archivio
civico, l’esposizione rievoca la storia della fiera più amata dai
milanesi. Nata tra il XII e il XIII secolo, periodo coincidente con la
costituzione di Milano a libero Comune, uno dei periodi più
significativi della storia del capoluogo lombardo, solo nel 1866 la
fiera trova una sua sede stabile, raccogliendo tutti i suoi ambulanti
nella suggestiva piazza di Sant’Ambrogio.

Nel 2006, la
necessità di effettuare lavori pubblici nella piazza ha indotto
l’Amministrazione comunale a trasferire la fiera nella più idonea ma
sempre molto prestigiosa sede del Castello Sforzesco, migliorando la
fruibilità da parte dei cittadini e la funzionalità commerciale, con un
notevole impegno organizzativo.

Tra le immagini
della mostra anche una stampa del 1847. Le foto, 19 sulla fiera e 21
sugli ambulanti, testimoniano la partecipazione alla fiera di
S’Ambrogio che dai primi del 900’ viene denominata Oh bej!Oh bej!
perché quello era il grido di gioia e meraviglia dei bimbi stregati
dallo spettacolo di colori e dolciumi dell’attesa festa.

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.