BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Trentasei patenti ritirate Direttore di banca tra gli alticci

Sono state 36 le patenti ritirate per guida in stato di ebbrezza nella sola notte tra il 28 e il 29 novembre. I controlli dei militari nell???hinterland di Bergamo e nella Bassa Bergamasca, con il supporto della polizia locale di Caravaggio, sono stati massicci, e per gli alticci al volante non c????? stato scampo. Tra loro anche due insospettabili, ovvero un insegnante e un direttore di banca, entrambi della Bassa.

Più informazioni su

Sono state 36 le patenti ritirate per guida in stato di ebbrezza nella sola notte tra il 28 e il 29 novembre. I controlli dei militari nell’hinterland di Bergamo e nella Bassa Bergamasca, con il supporto della polizia locale di Caravaggio, sono stati massicci, e per gli alticci al volante non c’è stato scampo. Tra loro anche due insospettabili, ovvero un insegnante e un direttore di banca, entrambi della zona di Treviglio e Caravaggio.
I controlli dei carabinieri della compagnia di Bergamo si sono concentrati soprattutto in città e nei pressi di due discoteche, a Curno e Telgate. I militari non hanno pescato nessuno alla guida con tassi alcolici esorbitanti. Ma le patenti ritirate sono state comunque 14, in quattro casi ai danni di donne. Il tutto nonostante una serata in cui, date le condizioni climatiche, non c’era molta gente per le strade. Complessivamente tra Bergamo e hinterland sono state 250 le persone controllate.
Stillicidio di patenti, invece, lungo l’ex statale Padana Superiore, a Caravaggio, dove hanno operato i militari della compagnia di Treviglio e gli uomini della polizia locale. 22 patenti ritirate, in soli due casi a donne al volante. Anche a Caravaggio, come a Bergamo, non c’è stato alcun sequestro preventivo di auto (che scatta ai danni dei proprietari con tassi alcolici sopra l’1,5), ma le persone alla guida dopo aver alzato il gomito erano comunque molte. E non bisogna sempre immaginarsi i ragazzi che escono dalle discoteche che si mettono al volante da incoscienti. Tra le persone finite nel mirino dell’etilometro ci sono stati anche un direttore di banca e un insegnante, sui quali naturalmente le forze dell’ordine mantengono il massimo riserbo.

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da nick70

    intanto abbiamo ritirato la patente a chi la usa per lavorare…mentre sulle strade ci sono gli assassini veri che non fanno un giorno di galera, dopo aver già ammazzato; un grazie ai vigili per il loro “solito lavoro”….

  2. Scritto da mario59

    Nulla da obbiettare… purtroppo dopo migliaia di incidenti assurdi, lo stato si è visto costretto a porvi rimedio…così per colpa di pochi o forse molti… comunque troppi imbecilli, che non vogliono capire che non si guida in stato di ebrezza, la paghiamo tutti quanti… e non è più possibile neppure una birra tra amici, che non altera minimamente, ma è suffuciente per far scattare l’etilometro.
    Chi sbaglia, se pizzicato paga, e spesso la patente serve per lavoro…MEGLIO RICORDARSELO!!!

  3. Scritto da L. V.

    No, una birra non basta per far superare la soglia dello 0,5. Ce ne vogliono almeno due. La gente a cui è stata ritirata la patente probabilmente non era veramente ubriaca, dato che nessuno ha superato l’1,5. Basta una cena con 3-4 bicchieri e si è abbondantemente oltre. Se uno regge bene l’alcol non rappresenta certo un pericolo. Però la legge è la legge. Andrebbero colpiti i veri ubriachi e i pericolosissimi cocainomani.