BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Bossi: “Abolire le province? A Bergamo sarebbe guerra civile”

"Se chiudessimo la Provincia di Bergamo scoppierebbe la guerra civile": con questa battuta, prendendo Bergamo come esempio, il Senatur si ?? detto sostanzialmente contrario all'abolizione delle Province: "E' un problema di identit??, di realt?? forti che non si possono toccare". Ma l'esempio su Bergamo non sembra del tutto casuale: la Lega vuole assolutamente la candidatura di Pirovano in Via Tasso.

Più informazioni su

Una sparata alla Bossi, non c’è dubbio. Stavolta lo storico Senatur ha usato la battuta ad effetto per dire, in buona sostanza, che lui le Province non le abolirebbe. E ha parlato di Bergamo per fare un esempio. "Chiudi la Provincia a Bergamo? Ci fanno la guerra civile", ha risposto il ministro e segretario della Lega Nord ad un cronista. Bossi usciva dal convegno "Padani nel mondo a Ternate", in provincia di Varese, e ha spiegato come quello delle Province sia per molti "un problema di identità, indispensabile per l’esistenza di molte province perchè ci sono alcune realtà con un’identità talmente forte che non si possono toccare". Realtà che per la Lega, quasi scontato dirlo, sono roccaforti: Brescia, Varese, Bergamo, Lecco.
Non sono tutte Province dove la Lega amministra direttamente le istituzioni provinciali, ma dove alle Politiche di aprile le percentuali per il Carroccio hanno raggiunto e anche superato il 30 per cento. L’esempio giocato su Bergamo, inoltre, non sembra del tutto casuale. La Provincia di Bergamo è stata l’unica dove la Lega abbia amministrato tornando però all’opposizione dopo un solo mandato. Ed è noto che dopo 9 anni di amministrazione Bettoni con il sostegno del centrodestra senza il Carroccio, a Bergamo siano iniziati giochi ai quali la Lega è parecchio interessata. Già prima di aprile Bossi aveva parlato di Roberto Castelli come candidato sindaco e di Ettore Pirovano come candidato presidente della Provincia. Concetto che il Senatur ha ribadito di recente.
Al di là dei giochi politici in vista delle amministrative 2009 Bossi non è comunque nuovo ad uscite "celoduriste" con uno sguardo attento a Bergamo e alla Bergamasca. Storica l’uscita sui 300 mila valligiani bergamaschi pronti ad imbracciare il fucile (era il lontano 1987), oppure quella dello stesso tenore nell’agosto 2007 a Ca’ San Marco: "Non abbiamo mai imbracciato i fucili, ma c’è sempre una prima volta". Sono solo alcune uscite senza freni per un ministro che non si ferma mai e che proprio di recente è tornato al centro delle polemiche per il "dito medio" ostentato durante l’Inno di Mameli. Secondo la magistratura fu "vilipendio da semplice cittadino, non da ministro", quindi non si tratterebbe di un reato giudicabile dal tribunale dei ministri.

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da karajan

    Anche gli asini sanno che le poltroncine della provincia sono inutili,ma vanno bene anche alla Lega, ora che ci hanno messo il c…. Ma non erano loro che avevano iniziato la guerra agli enti inutili?
    La bugia più grossa dell’Umberto e quella che i bergamaschi non sono d’accordo per la loro abolizione.

  2. Scritto da iva

    D’accordo con 32.

  3. Scritto da mario59

    Purtroppo sono molti i miei conterranei (bergamaschi) che continuano a pensare di essere superiori in italia e nel mondo..si culturalmente abbiamo qualche punto a nostro favore..come la raccolta differenziata o la fama di lavoratori assidui…ecc. ecc. ma vedo purtroppo che con il passare degli anni anche queste positività, si stanno sempre di più affievolendo.
    Sulla terra siamo in 7 miliardi siamo noi che dobbiamo aprirci al mondo se vogliamo lavorare..altro che chiudere e fare muri. SVEGLIA!!

  4. Scritto da Bergamasca

    A 13.Qui si parlava di costi della politica non proprio di economia questa volta.Stiamo tirando tutti la cinghia per un motivo o per l’altro e gli unici che non fanno proprio niente, sono proprio i politici come i leghisti che parlano parlano ma alla fine non ho ancora capito cosa han tirato insieme da 10anni di governo in Lombardia e 8 in quello nazionale a parte sprecare soldi.Si dicono di “lotta” ma sono i corresponsabili di sprechi enormi.

  5. Scritto da Marcello

    Berlusconi aveva promesso con nettezza in campagna elettorale l’abolizione delle province: era una delle poche proposte condivisibili per il sottoscritto, adesso passi dalle parole ai fatti!
    Bossi non vuole abolirle semplicemente perchè le considera come poltrone a disposizione per il suo partito…
    I bergamaschi sarebbero ben lieti di ridurre la spesa pubblica abolendo enti pubblici non così fondamentali… anche perchè è semplice: meno spesa pubblica significa meno tasse in prospettiva

  6. Scritto da Mill

    Se non le si vogliono abolire (sarebbe comunque preferibile) almeno alleggeriamole nei compiti e nelle dotazioni, e soprattutto non aumentiamone il numero !
    Intanto però “Via i Prefetti !” come diceva Luigi Einaudi.

  7. Scritto da aldo masseni

    aboliamo i comuni! scendendo dalla valle impossibile non notare la sterminata distesa di case, palazzi e zone industriali che ormai sono diventate un unica grande città.. non ci sono più i confini tra paese e paese. e sapete quanto costa alle casse statali il mantentimento di un piccolo comune di circa 3000 abitanti? sindaco, giunta, impiegati, vigili urbani, bibiloteche…tanti,tanti soldi, in italia i comuni sotto i 5000 abitanti sono più della metà del totale.. altro che abolire provincie!

  8. Scritto da Dumbo

    Il movimento rivoluzionario della lega si esairisce come il suo leader, la questione delle province vale per tutti Bergamo compresa…Capelluzzo che parlava di scuola bergamasca conuna cadenza del sud..con Bettoni che parla in dialett di scuola italiana…forse varrebbe la pena di parlare in inglese di una scuola internazionale aperta al mondo e chiusa ai provincialismi?

  9. Scritto da nick70

    continuando così la lega finisce come il partito di bertinotti…in lacrime!! bossi lascia stare le poltrone, se continui così i tuoi bergamaschi si infuriano!!! abbiamo bisogno di meno tasse ergo via le provincie!!! capesela!!!

  10. Scritto da feldvon

    Provate ad assistere a qualche seduta delle commissioni consiliari o del consiglio provinciale (quelle della giunta provinciale sono segrete sic !) dove ciascun si becca un gettone di 150 euro, e poi voglio vedere se siete ancora dell’ avviso di non abolire l’ ente provincia. Il problema non è la provincia quale entità territoriale ma l’ istituzione che le rappresenta. Così com’ è (36 consiglieri.12 assessori, presidente, segretario g., direttore, dirigenti incaricati,consulenti) è indifendibile

  11. Scritto da Zagor

    Ma come prima si dice di abolire le Provincie e poi si minaccia la Rivoluzione? Povero Bossi, sarà che il suo Delfino è diventato Trota ma non vedrete che il padre gli troverà un posticino, magari come Assessore o nelle prossime liste per le europee, e i celoduristi voteranno, voteranno, voteranno poveri..

  12. Scritto da Maurizio

    Provincia o no, se ancora un pò di gente rimane senza lavoro la guerra civile scoppierà davvero, e partirà proprio da Bergamo. Per cui ci starei attento prima di fare battute; qui non si vuole capire che da febbraio o si prendono decisioni molto drastiche su redistribuzione delle risorse e tagli di sprechi enormi che si perpetuano da anni oppure finirà malissimo. Qui invece si continua a fare finta di nulla, possibile che la storia non insegni???

  13. Scritto da abolizione

    bisogna abolire non solo le province, ma anche le comunità montane che sono degli indegni posti in cui vengono spediti i trombati a occupare poltrone,coltivare le loro piccoli corti locali!
    D’accordo con il n. 19, aboliamo i comuni più piccoli, o meglio imponiamo ai comuni piccoli limitrofi (magari 3/4 comuni) di avere un’unica struttura che gestisca tutti i comuni consorziati/associati. Tanto il lavoro è talmente poco in comuni così piccoli che è fattibile.
    Risparmiare! basta tasse!

  14. Scritto da F.Dolcino

    Le province sono inutili, servono soltanto ad un esercito di parassiti politici che li trovano un grasso stipendio, basta con questi politicanti inutili CHE VADANO A LAVORARE e basta con lo stuolo di BUROCRATI che vivono con i soldi delle nostre tasse ed in cambio ci complicano la vita. Le province vanno abolite, i prefetti vanno aboliti, la troppa burocrazia va abolita e gli statali vanno licenziati, solo così avremo meno tasse, le tasse servono per pagare gli stipendi ai burocrati statali

  15. Scritto da Vittorio

    Io proporrei di creare lo stato Orobico, con capitale Bergamo,Presidente della repubblica Orobica il Dott.Bettoni.Ministro della difesa Rustico,

  16. Scritto da Igor

    E dei consiglieri regionali?Lega in primis…Bene pensiamo alle loro indennità da parlamentari, rimborsi, autostrada pagata, cellulare pagato ma quando facciamo i veri tagli alla politica? Concorso su Comunità Montane inutile come le Provincie, soldi soldi e il lavoro che manca chi lo difende? Basta sparare cazzate tipo rivoluzione!! Delfino o Trota Bossi non ha mai lavorato in vita sua ha capito in anticipo come si campa bene facendo politica.

  17. Scritto da nicola

    Gli eccessi verbali sono una costante nel linguaggio leghista e di Bossi in particolare, per cui non c’è nulla di cui sorprendersi. Ma credere che i bergamaschi siano pronti al sangue per difendere una l’istituzione provinciale è surreale.

  18. Scritto da iva

    Quindi Bossi si dimetterà dal Governo non rispettando più il programma sull’abolizione delle Province?

  19. Scritto da Felice

    ok aboliamo le province anzi Bergamo potrebbe diventare provincia di Milano, o provincia di Brescia liberiamoci dal provincialismo, eliminiamo anche le troppe squadre di calcio fondiamo l’Atalanta con il Brescia o la Cremonese

  20. Scritto da abolizione

    come ho detto sono favorevole all’abolizione della provincia e delle comunità montante (ma qualcuno di voi sa cosa fanno per tutti noi le comunità montane??) e anche a che i comuni più piccoli siano costretti a unificare i loro uffici per spendere meno, ma sono assolutamente contrario all’abolizione della Prefettura (che manco si chiama più così peraltro). E’ l’unica forma di coordinamente delle forze di polizia, quindi ne sareste tutti contrari in termini di azione meno efficace contro i reati

  21. Scritto da Bergamasca

    Abolire le province? I Leghisti ne hanno fatto creare due nuove solo in Lombardia per avere più poltrone da occupare.Dei bergamaschi in sè non gliene frega molto, come è evidente, Bossi tira in ballo sta storia solo perchè vuole occupare la poltrona di Bettoni che è l’unico che è riuscito a tenerli a bada.Il caso Bettoni è da studiare per capirne le dinamiche e punti di forza.In questa tornata,però, sarà difficile contenere la Lega.PS: Bossi Jr mi fa un pò pena si capisce è un caproespiatorio

  22. Scritto da proposta

    Si potrebbe anche istituirne un altra : Provincia della Val Camonica

  23. Scritto da R. A. R.

    x walter: per farsi bocciare tre volte ci vuole davvero tutta
    x Carlino: hai scritto “qualche anno” con l’H, forse meglio non parlare del figlio di Bossi
    Al di là di questo la sparata di Bossi dimostra quanto la Lega sia la prima forza politica a non poter cambiare un certo stato di cose. Ha costruito la sua forza e il suo radicamento sulle istituzioni locali, figuriamoci se si mette a cancellarle

  24. Scritto da cuìn

    propongo la provincia della val di scalve!

  25. Scritto da lello da nese

    mah, la guerra civile l’abbiamo già provata e ne portiamo ancora le conseguenze… come al solito si procede per slogan. cmq la mia bandiera è quella tricolore, se c’è da schierarsi io sono pronto.

  26. Scritto da wka

    abolirei la provincia di Bergamo perchè Bergamo deve diventare NAZIONE,e sono convinto anchio come lui che i veri bergamaschi sono sempre pronti a lottare per la loro terra e per i loro ideali.
    MAI MOLA TEGN DUR.

  27. Scritto da Felice

    Ma quali sono i valori “bergamaschi” ? vorrei proprio saperlo, Siamo una provincia in crisi economica e siamo ancora qui a difendere che cosa ? Il “mola mia” di Bettoni ? o piuttosto la necessità di internazionalizzazione di cui hanno bisogno le imprese non solo quelle grandi ma anche le medie e le piccole per esportare i loro prodotti, per delocalizzare per aprirsi la mondo esterno , al turismo grazie ad Orio …

  28. Scritto da alberto ti

    wka (12) una domanda: cosa significa “anchio”?

  29. Scritto da scognamiglio giuseppe

    sono stufo della politica di Bossi!, e voi?

  30. Scritto da Umberto

    Umbè, ti hanno bocciato il rampollo!!!

  31. Scritto da walter

    Solidarietà al rampollo..evidentemente non tiene agganci politici degni di nota!
    ps: vedi mastella, berlusca e altri…

  32. Scritto da abolizione

    ABOLIRE TUTTE LE PROVINCE!
    Lo aveva detto Berlusconi in campagna elettorale!

  33. Scritto da Carlino

    Bocciato per la terza volta. Che somaro. triplosomaro leghista. Farà il parlamentare tra qualche hanno, con Calderoli, Maroni, Borghezio ecc….

  34. Scritto da alberto ti

    Tranquillo. Il prossimo anno va in una classe ponte.