Solidarietà agli agenti aggrediti - BergamoNews
Lega nord

Solidarietà agli agenti aggrediti

Le Lega Nord esprime la sua piena solidarietà agli agenti della polizia locale aggrediti ieri mattina da alcuni parcheggiatori abusivi in via Grataroli. "Perché né dal sindaco, né adll’assessore alla Sicurezza è arrivato un messaggio pubblico (ma forse anche privato) di solidarietà al corpo di Polizia Locale?"

La Lega Nord esprime la sua piena solidarietà agli agenti della polizia locale aggrediti ieri mattina da un folto gruppo di parcheggiatori abusivi della zona dell’ospedale. "Come volevasi dimostrare l’ordinanza del sindaco antiparcheggiatori ha rappresentato solamente del fumo negli occhi dei cittadini, onesti (!) – scrive la Lega -, visto che dopo le forti proteste sollevate da una rilevante parte della sua stessa maggioranza (Verdi, Rifondazione, Sinistra Democratica, due consiglieri della sua stessa lista, due del Pd), il promesso giro di vite nella zona dell’ospedale e negli altri parcheggi “sotto il protettorato” degli abusivi è caduto nel dimenticatoio. Tutto è rimasto come prima, anzi peggio. Parcheggiatori abusivi che minacciano e rigano le auto in viale Giovanni XXIII; parcheggiatori abusivi sempre più arroganti e sfacciati al piazzale della Malpensata; parcheggiatori abusivi che indisturbati continuano a importunare gli automobilisti in via Sora e dintorni. Per non parlare, ovviamente, della zona dell’ospedale.
E non poteva essere altrimenti. Bruni più che il sindaco, fa l’equilibrista tra le mille anime della sua coalizione e quando non riesce a equilibrare il bilancino, sceglie la via dell’immobilismo. Ormai questo atteggiamento l’hanno capito i bergamaschi, ma anche gli stessi parcheggiatori abusivi, tant’è che ora si dimostrano ancora più arroganti, strafottenti e minacciosi perché sanno di avere le spalle politicamente coperte. Infatti, grazie alla politica buonista della maggioranza di centrosinistra, che continua a proteggere i clandestini, questi ultimi ora si sentono talmente forti da minacciare e aggredire le forze dell’ordine. Non è un caso che né dal sindaco, né dall’assessore alla Sicurezza sia arrivato un messaggio pubblico (ma forse anche privato) di solidarietà al corpo di Polizia Locale. Sono forse preoccupati di non urtare la suscettibilità di qualche prezioso alleato?"
 

Più informazioni
commenta

NEWSLETTER

Notizie e approfondimenti quotidiani sulla tua città.

ISCRIVITI

Per favore, disabilita AdBlock per continuare a leggere.

Bergamonews è un quotidiano online gratuito che non riceve finanziamenti pubblici: l’unica fonte di sostegno del nostro lavoro è rappresentata dalle inserzioni pubblicitarie, che ci permettono di esistere e di coprire i costi di gestione e del personale.
Per visualizzare i nostri contenuti, scritti e prodotti da giornalisti a tempo pieno, non chiediamo e non chiederemo mai un pagamento: in cambio, però, vi preghiamo di accettare la presenza dei banner, per consentire a Bergamonews di restare un giornale gratuito.
Vuoi continuare a leggere BergamoNews senza pubblicità? Scopri come su bergamonewsfriends.it