BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

“Era un controllo ordinario, ma siamo stati travolti e malmenati”

La testimonianza di uno degli agenti di polizia locale picchiati dai parcheggiatori abusivi, o venditori ambulanti, durante la mattinata del 27 novembre in via Grataroli, vicino all'ospedale. "Stavamo semplicemente facendo il nostro lavoro, abbiamo inseguito una persona che scappava e da quel momento è scoppiato il parapiglia. Calci e pugni da tutte le parti".

Più informazioni su

“Siamo stati travolti da un’ondata di parcheggiatori abusivi, o venditori ambulanti, che ci insultavano, spingevano e strattonavano. Ad un certo punto la situazione è diventata ingestibile e ci sono stati attimi di paura. Ma stavamo semplicemente facendo il nostro lavoro”: con queste parole un agente di polizia locale – che preferisce mantenere l’anonimato – racconta l’aggressione subìta da una trentina di immigrati senegalesi in via Grataroli, mentre eseguiva controlli con alcuni colleghi sulla loro identità e sulla loro presunta attività di parcheggiatori abusivi.
“Il servizio di controllo è iniziato a metà mattina, rigorosamente in borghese – racconta l’agente -. Eravamo io e altri due colleghi. Abbiamo notato questa persona sospetta e abbiamo iniziato a chiedergli i documenti. Ma era un immigrato irregolare. Improvvisamente ha cercato di fuggire e i suoi “colleghi” hanno subito notato un certo movimento nella via. L’abbiamo raggiunto nel giro di pochi minuti”.
Ma a quel punto che si è scatenata l’ira dei venditori ambulanti-parcheggiatori: “Abbiamo visto alcuni di loro che ci venivano incontro, finché non ci siamo accorti che il gruppo cresceva. Da poche persone sono diventate una decina, poi una trentina e c’è stato un parapiglia generale. Per noi non ci sono stati solo insulti e strattoni, ma vere e proprie botte, calci e pugni, al busto e alle gambe. Hanno preso di mira me e un altro collega. Il terzo, più lontano, è stato in parte strattonato”.
Per uscire da una situazione di difficoltà, per allontanarsi dall’aggressione, uno dei vigili ha urlato: “Adesso spariamo in aria”. “Ma nessuno ha estratto la pistola – specifica l’agente -. E’ stato un modo per prendere tempo, per allontanarli tutti. Poi siamo stati costretti a chiamare altri colleghi, non in borghese, che erano pronti a intervenire in caso di difficoltà. E a quel punto siamo riusciti ad allentare la presa degli immigrati. Subito dopo è stato individuato il primo che stavamo controllando. E’ stato processato per direttissima per violazione della legge sull’immigrazione e denunciato per violenza e resistenza a pubblico ufficiale. Stessa denuncia per un altro venditore. Per la prima volta, dopo un lungo servizio, mi sono ritrovato in una situazione del genere. Quelle persone che ci hanno aggredito sono sembrate davvero difficili da gestire. Non volevano sentire ragioni. Io e il mio collega malmenato sentiamo ancora un po’ di dolore: non c’è stato bisogno, per fortuna, di farci refertare in ospedale”.

La cronaca dei fatti, con possibilità di commento

La Lega: solidarietà agli agenti

L’encomio in arrivo

L’ordinanza contro i parcheggiatori

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da attila

    Certo, anche Kappler aveva fatto il suo “dovere”…

  2. Scritto da giuliano olivati

    senza drammatizzare, ma credo sia stata superata la sottile linea rossa tra civiltà e caos. urge ripristino legalità, senza isterismi ma con mano ferma. non può passare il messaggio che chi alza le mani contro la legge ottiene i suoi scopi.

  3. Scritto da NobbisAlfredoAlbertoRobari

    olivati senza drammatizzare ma la linea democratica è stata superata dal falso in bilancio, dalle leggi ad personam, dall’inasprimento verso Sky e il congelamento della rai.

  4. Scritto da giuliano olivati

    hai ragione me ne ero scordato: a qs punto tanto vale picchiare le guardie :-P

  5. Scritto da pinconetc

    x giannicameroun
    Per conoscenza, da quanto si apprende dai giornali locali, al vertice del comando di p.l. attualmente vi è il Dott. Appiani, ex comandate della P.L. provinciale di Bergamo, ex comandante della P.L. di Brescia, ex vice comandante della P.L. di Milano. Quindi presumo che non manchi la competenza allo svolgimento di suddette mansioni. E poi ricodiamoci che i “parcheggiatori arrabbiati” erano in numero superiore agli Agenti….. è un pò dura contrastare…..

  6. Scritto da dubbi

    appunto, funzioni di polizia stradale vuol dire “fare le multe”. Invito i vigili urbani dalle 12.45 alle 13.15 di ogni giorno alla rotonda dei mille (che spesso passano ma non si fermano) a dare decine di multe, facendo incassare bene il Comune e svolgendo una funzione di educazione al senso civico di alcuni cittadini bergamaschi dotati di scarsissimo senso civico e educazione.
    Tornerò più avanti ora non ho tempo, sul resto perchè le informazioni date sulla polizia municipale non sono corrette

  7. Scritto da dubbi

    L’attuale comandante Appiani ha sempre fatto il vigile urbano, ha molta esperienza, e comunque anche il precedente comandante era validissimo e capace, per esperienza personale.
    Non trovo corretto che si prendano i comandanti esterni proveniente dalle Forze di polizia perchè i vigili non sono una forza di polizia e quindi non devono essere governati con quella mentalità e metodi operativi.

  8. Scritto da pinconetc

    x dubbi
    non discuto sulla professionalità dei Comandanti che si sono succeduti negli ultimi anni a Bergamo.
    Non discuto nemmeno sul fatto che la Polizia Locale non sia una forza pubblica.
    Ma il mondo sta cambiando e la Polizia Locale è chiamata a svolgere numerosi altri compiti che, se pur previsti da tempo, mai aveva svolto.
    Certo, tra i compiti di polizia stradale rientra anche quello di sanzionare…concordo… Ma se la gente (compreso io) cominciasse a rispettare le regole?

  9. Scritto da attila

    Mi piacerebbe sentire anche l’altra campana, quella degli “aggressori”. Comunque l’aspetto più triste e squallido di questa vicenda è che, in vista delle elezioni, la coppia Bruni-Guerini ha deciso di usare il pugno di ferro per ramazzare voti a destra.
    Io, di sicuro, Bruni non lo voto più.

  10. Scritto da marco

    adesso la colpa sarebbe dei vigili?? ma per favore, se voi volete pagare IL PIZZO a dei parcheggiatori abusivi fatelo, ma la gente ONESTA non pagherebbe mai

  11. Scritto da Pol.sco.

    I sinistri difendono fannulloni ruba stipendi, contestatori occupa-scuole, clandestini che delinquono: ovvio che sian dalla parte di trenta senegalesi che hanno vigliaccamente aggredito due agenti che stavano solo compiendo il loro dovere

  12. Scritto da Golia

    Ma che ci fanno tre vigili “rigorosamente” in borghese a controllare i parcheggiatori? si credono Serpico a caccia di spacciatori del Bronx? Ma chi li manda in giro in codesto stato? Nell’articolo, inoltre, non si dice se i due si erano qualificati, dato che erano in borghese, e se si sono resi riconoscibili come agenti. Mi lascia perplesso anche il fatto che non si siano fatti refertare. Invece di giocare al piccolo poliziotto perchè Bruni non li manda a dirigere il traffico?

  13. Scritto da Pol.sco.

    Cari vigili: andate a dare una controllatina anche a casa di Golia

  14. Scritto da dubbi

    Non dubtio della buona fede degli aggrediti, ma anche a Parma poi la prima versione dei fatti dei vigili sembrava così e poi invece si è scoperto di tutto…. e nuovamente sta mania delle operazioni in borghese dei vigili! ma lasciatele fare alla polizia, ai carabinieri e alla finanza che sono capaci.
    Invece di fare appostamenti con effetti pressochè nulli, mi sembra che ci sia un grande bisogno di mettere le multe alle ore 13 in prossimità della rotonda dei mille per educare adulti e giovani.

  15. Scritto da Golia

    Consigliabile la lettura dell’outing di Pol.Sco-Invernizzi su bergamoblog.it nei post all’articolo “D’amore non si muore, ma si soffre e ci si ammala”. Ogni cosa va al suo posto.

  16. Scritto da kaci

    Solidarietà ai vigili . Non possiamo applicare “il teorema di Parma “a tutta l’Italia.
    Tutti dobbiamo lavorare perché la convivenza sia nel rispetto delle regole, i vigili sono l’espressione di questo patto per la cittadinanza.

  17. Scritto da Aladin

    I dubbi sulla versione dei vigili sono legittimi. Perchè non pensano prima a fare il loro dovere di base per esempio dando multe alle macchine in divieto di sosta anche quandi si tratta di SUV? La città è piena di zone franche da anni

  18. Scritto da bonsu

    solidarietà ai parcheggiatori!

  19. Scritto da pinconetc

    Evidentemente le funzioni della Polizia Locale oggigiorno sono ancora poco conosciute. La Legge quadro della polizia municipale, ossia la 65/1986 (e altre disposizioni di legge) all’art. 5 parla di funzioni di polizia giudiziaria, di polizia stradale e di pubblica sicurezza. Le attività in borghese sono previste da numerose disposizioni, tra cui spicca la legge regionale… equiparazione di ruoli, quindi, con le altre forze di polizia. Non solo il vigile che “dà le multe”… solidarietà agli Ag.

  20. Scritto da giannicameroun

    Dalla dichiarazione del vigile si evince che c’erano già altri vigili non in borghese pronti a intervenenire, che non sono intervenuti finchè non sono stati chiamati.
    Questo significa che il “raid” è stato mal organizzato e ancor peggio gestito.
    Infatti ultimamente a comandare i vigili si sono messe persone provenienti dagli uffici comunali.
    Ridateci Cargnelli.
    Lui proveniva dalla Questura e sapeva organizzare anche l’ordine pubblico,e soprattutto era un fautore degli interventi interforze.