BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Social Card, 40 euro al mese per più di un milione di italiani

Il Consiglio dei Ministro varerà venerdì il decreto anticrisi. La carta sarà anonima e destinata a pensionati e famigle con bambini piccoli

Più informazioni su

Il Consiglio dei Ministro varerà domani, venerdì 27 novembre,  il decreto anticrisi. Nel pacchetto c’è anche la Social Card che, ancora una volta, divide il mondo politico con il Pd che parla di soldi buttati e la Cgil che che boccia l’iniziativa.
Ma di cosa si tratta? La social card sarà una normale carta di pagamento elettronico, uguale a quelle che sono già in circolazione e ampiamente diffuse nel nostro Paese. Le spese saranno addebitate e saldate direttamente dallo Stato e la carta sarà anonima.

Ad avere diritto alla Social Card saranno due tipologie di utenti: gli anziani e le famiglie con bambini piccoli. Spetterà agli anziani, cittadini e residenti italiani, tra i 65-69 anni con redditi o pensione fino a 6.000 euro l’anno; oltre i 70 anni la soglia di reddito sale fino a 8.000 euro. Andrà poi alle famiglie con figli sotto i 3 anni, con un indicatore Isee di 6.000 euro. Il calcolo del reddito sarà infatti fatto con l’Indicatore di situazione economica equivalente. È già partito l’invio delle lettere agli utenti interessati e l’operazione sarà gestita dalle Poste alle quali ci si dovrà rivolgere per presentare il modello Isee compilato.

Ma a quanto ammonta il valore di ogni carta? Sarà finanziata con 40 euro al mese. Per le domande che saranno fatte prima del 31 dicembre la Carta sarà caricata con l’arretrato di 3 mesi, quindi con 120 euro. Successivamente gli importi saranno caricati ogni due mesi. Potrà essere utilizzata per effettuare i propri acquisti in tutti i negozi alimentari abilitati – per ora è fissato al 5 per cento ma non è detto che possa aumentare -, ma anche per pagare la tariffa sociale dell’Enel. In futuro il suo utilizzo a fini sociali sarà esteso.

Il governo stima che saranno 1.300.000 i beneficiari della carta con una spesa a regime di 450 milioni di euro l’anno.

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.