BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Piazzale Alpini da rifare C’?? il rischio che i lavori slittino a dopo l’adunata fotogallery

Il possibile slittamento del cantiere al monumento del centro citt?? preoccupa il presidente dell'Ana bergamasca Antonio Sarti soprattutto perch?? c'?? attesa per l'appuntamento del maggio 2010. "Bergamo non pu?? fare brutta figura".

Più informazioni su

Nel maggio 2010 mezzo milione di alpini, le più alte cariche dello Stato, sindaci e presidenti delle Province di tutta Italia arriveranno a Bergamo per l’adunata nazionale. Un appuntamento storico per gli alpini orobici, che attendono questo evento dal lontano 1986. Proprio per questo motivo il possibile slittamento del rifacimento del piazzale degli Alpini (leggi) preoccupa, e non poco, il presidente dell’Ana bergamasca Antonio Sarti. "La ristrutturazione del monumento è necessaria – spiega – non solo per l’adunata, ma anche per motivi di sicurezza. Le infiltrazioni di acqua hanno rovinato la struttura, tanto che alcune formelle stanno cedendo. Se accidentalmente cadessero potrebbe farsi male qualcuno. Bisogna intervenire anche radicalmente sulle vasche, basta guardarle per capire che serve un intervento di ristrutturazione".

Guarda la galleria fotografica

Il presidente Sarti incontrerà il sindaco Bruni proprio per discutere della questione piazzale degli Alpini. "Martedì ho appuntamento con il sindaco, sono certo che la discussione sarà pacifica. Noi stiamo lavorando molto e devo dire che anche le istituzioni stanno facendo la loro parte. Da parte di Regione, Provincia e Comune finora c’è stata grande disponibilità. Speriamo che anche per il monumento degli Alpini si riesca a trovare una soluzione. Anche perché quello sarà un punto saliente della sfilata. Bergamo non può fare brutta figura".

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da penna nera

    A pochi mesi dalle elezioni, la Giunta Bruni si prende una bella responsabilità. Spero che il sindaco tolga presto tutti i dubbi. Io da alpino, se mi fa una cosa del genere, non lo voto più.

  2. Scritto da bocia Alpino

    scommettiamo che alla fine quest’opera la sistemiamo ancora noi (alpini) scavalcando burocrazie, chiacchiere, riunioni di facciata e finte promesse (per le rielezioni)..

  3. Scritto da carlo saffioti

    mi sembra che la giunta sia incorsa in una gaffe terribile. non si puo’ nella maniera piu’ assoluta correre anche solo il piu’ piccolo rischio che il piazzale alpini non sia splendidamente risistemato per l’adunata del 2010. il rischio, invece, dopo la dissennata decisione della giunta c’è tutto. un appello alla giunta: rimediare subito !!! se no, altro che brutta figura farebbe non la giunta (poco male) ma per colpa della giunta. tutta la città.

  4. Scritto da Michele Forchini

    Per Piazzale degli Alpini questa amministrazione ha fatto molto. Prima era terra di nessuno, da qualche anno sta venendo rilanciata, vuoi con i mercatini, vuoi con altre iniziative più o meno grandi. Quest’anno ha pure aperto il secondo lotto del complesso autolinee, che ha aumentato non poco la qualità dell’area. Senza un recupero sociale non avrebbe senso un recupero strutturale!!!

  5. Scritto da Pb

    Per gli Alpini (permettetemi il maiuscolo) non sarebbe una gran differenza: che Alpini sarebbero altrimenti!
    Ho un ricordo bellissimo dell’ultima adunata nazionale a Bergamo: in quella piazza c’era una tendopoli autosufficente, l’ingegneria idraulica faceva fluire ettolitri di vino dalle damigiane, una caraffa di ceramica con un becco falloide di rispettabilissime dimensioni stillava il nettare di Bacco fra le labbra di donne compiacenti.
    Ricordi, di uno sfigatissimo caporale degli autieri..

  6. Scritto da iva

    W LE ALPINE
    Solo in rispetto agli Alpini, e a dirla tutta anche delle Alpine immortalate nella foto, mi permetto di correggere Pb: autosufficienti non autosufficenti.
    Mi scuso per l’eccezionale mancanza di modestia. z

  7. Scritto da Marco Cimmino

    Dici bene, Pb: agli Alpini importa poco delle apparenze: quelle, semmai servono ai politici per menare acqua al proprio mulino. Ben altre iniziative sono in preparazione per l’adunata del 2010: non le dico perchè saranno una sorpresa, ma garantisco del livello. D’altronde, a noi Alpini la politica non interessa per statuto. Il vero problema è che, così come stanno le cose, tra un po’ ci estingueremo o ci chiameremo tutti Ciro e Salvatore: altro che monumenti, ci serve linfa vitale…

  8. Scritto da ureidacan

    Sono d’accordo con Marco Cimmino, via i nomi terroni, Ciro, Salvatore, lo stesso Marco (che ha un’origine ancora più meridionale, addirittura palestinese, da dove proveniva l’evangelista) e avanti con nomi nuovi, un pò celtici, chessò, Muiris, Daron, Caalum…. Il piazzale degli Alpini? Ma non è nel programma delle opere pubbliche per il 2009?

  9. Scritto da carlo saffioti

    forse a qualcuno sfugge il fatto che al monumento agli alpini verrà reso omaggio dalle autorità civili e militari e la piazza sarà il riferimento logistico e simbolico nel centro città. potrà il monumento essere transennato e la piazza ospitare il cantiere ? bisognerebbe fare di tutto per risistemare monumento e piazza per il 2010 e non correre il rischio di non farcela. questa è stata per altro l’unica richiesta avanzata dall’ANA al Comune. nn ci voleva poi molto x soddisfarla.