BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

I presidi: porte aperte al dialogo per prevenire occupazioni

Il giorno dopo l'occupazione e lo sgombero forzato al liceo scientifico Lussana, mentre non si placa la protesta studentesca contro la riforma del ministro Mariastella Gelmini, i presidi degli istituti superiori di Bergamo citt?? non sembrano temere azioni cos?? forti nei licei che dirigono, anche se, ammettono, non si possono escludere al cento per cento.

Più informazioni su

Mentre non si placa la protesta studentesca contro la riforma del ministro Mariastella Gelmini, il giorno dopo l’occupazione e lo sgombero forzato al liceo scientifico Lussana, i presidi degli istituti superiori di Bergamo città non sembrano temere azioni così forti nei licei che dirigono, anche se, ammettono, non si possono escludere al cento per cento.
"Vado ripetendo da tempo che la cura migliore è la prevenzione – spiega Paolo Catini dirigente del liceo scientifico Mascheroni -. I ragazzi cercano dialogo e confronto, tra loro e anche coi professori. E’ questo che bisogna promuovere. Qui hanno chiesto un’assemblea e non appena si saranno accordati si farà". Peraltro il professor Catini sottolinea che vanno coinvolti tutti gli studenti: la discussione non dev’essere appannaggio di gruppetti ristretti. "Se poi succedesse, cosa che ritengo difficile ma non impossibile, un’occupazione qui al Mascheroni, certo dovrei avvisare la Questura, sono obbligato a farlo. Poi molto dipende da come si sviluppa l’occupazione, se c’è disponibilità di interazione oppure se c’è una prevaricazione di pochi sui tanti".
Più o meno le stesse opinioni della dirigente del liceo classico Sarpi Giovanna Govoni: "In caso di occupazione sono tenuta a far denuncia. Io devo garantire lo svolgimento regolare delle lezioni. Certo, differenti sarebbero le azioni (repressive o di dialogo) se a tener in scacco la scuola fosse un gruppetto sparuto che impedisce alla maggioranza di entrare in aula oppure una bella fetta di studenti. Mi pare di aver capito che al Lussana sia stata una piccola minoranza a prevaricare la volontà dei tanti".
La professoressa Govoni punta, come il collega Catini, alla prevenzione: "Proprio martedì scorso c’è stata una assemblea in cui si è discusso della riforma Gelmini, alla presenza tra l’altro del provveditore Luigi Roffia, del preside di Lettere Ivo Lizzola. Un’assemblea nata dopo precedenti riunioni tra gruppi di studenti. Insomma un  percorso di dibattito e approfondimento che dovrebbe scongiurare azioni forti come l’occupazione".  

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da corti-novis

    Polsco se aspettavo i crumiri che si muovevano quando lavoravo in fabbrica… i diritti che tu godi oggi non li avresti… non per niente la storia è fatta di avanguardie … appunto allora militavo in Avanguardia operaia… tu eri retroguardia?

  2. Scritto da Giorgio R.

    Mha. Studiare no eh?

  3. Scritto da Giuseppe

    Per il n° 1, purtroppo è un verbo che conosco in pochi, ma proprio in pochi!!!!!

  4. Scritto da corti-novis

    Al Mascheroni non vedo nessun dialogo….. saporifero è l’ambiente

  5. Scritto da corti-novis

    ALLA faccia del dialogo…. dice Il signor Catini se occupano li denuncio alla polizia….. ma che chiami pure l’esercito….. tutti uguali questi funzionari di stato….. ha ragione il Prof. DE RITA non esiste più il conflitto e l’opposizione tutto dentro in un “MELLIFLUO CONSENSO”

  6. Scritto da iva

    Soporifero o meno pare che a causa della Gelmini non si possa nemmeno più studiare sulla carta igienica: MANCA!!!!!

  7. Scritto da Antonio

    1 e 2, invece di scrivere banalità gratuite, perchè non andate a lavorare?
    Da giovane ho partecipato ad alcune occupazioni, ma non per questo non ho studiato a dovere. Le occupazioni sono anche un’occasione di crescita e di confronto sul futuro dei giovani e quindi sul futuro del paese. A me, tra l’altro, sono servite anche per capire che molti, tra quelli che protestano, lo fanno solo per ignoranza, pigrizia, esibizionismo. Per fortuna non tutti.
    L’iniziativa dei 2 presidi mi sembra ottima.

  8. Scritto da gau

    Corti-novis, ma sai leggere? Il preside del Mascheroni non ha affatto detto che denuncerà gli studenti alla polizia!

  9. Scritto da Giuseppe

    N° 6 ho sempre studiato con profitto come ho poi lavorato e tuttora lavoro sodo. Le occupazioni le conosco benissimo anch’io e ricordo che erano solo un modo per saltare le lezioni, altro che occasioni di crescita e soprattutto confronto (eran sempre quelli che le facevano e sempre con le solite motivazioni sinistrose)!!!!!

  10. Scritto da per il n.8

    forse si dice sinistrorse…
    Ecco una volta erano occupazioni inutili (concordo), una volta tanto sono occupazioni intelligenti contro politici assai poco intelligenti

  11. Scritto da Giuseppe

    La r mi è rimasta nella tastiera ma per favore smettetela di dire che sono occupazioni utili (anzi mi correggo sono utili solo a chi non ha voglia di studiare)!!!!!

  12. Scritto da Antonio

    Giuseppe, indubbiamente per molti è stato così. Non per me, e non credo di essere il solo. Io protestavo perchè ci credevo e, se fossi ancora uno studente, continuerei a farlo. Non mi sembra che protestare contro i tagli e contro il depauperamento della scuola pubblica sia di sinistra, infatti anche molti giovani di destra protestano. Mi preoccuperei, se gli studenti non protestassero.

  13. Scritto da corti-novis

    Sono molto miope gau ma con gli occhiali sta scritto DOVREI AVVISARE LA QUESTURA….. in questura non credo che ci siano preti…ultimamente ci sono i poliziotti …o sbaglio?

  14. Scritto da Pol.sco.

    Nessuno è contro la libertà di protestare
    Ma pare che la maggioranza sia contro l’occupazione di un intero istituto scolastico da parte di un pugno di mosche rosse contro il volere di tutti gli altri studenti che vogliono invece studiare e non perdere tempo

  15. Scritto da pare che

    Perchè, è stato fatto un referendum che dimostra che la maggioranza degli studenti è contraria?

  16. Scritto da Pol.sco.

    Contano gli occupanti, non chi è contento di saltare l’interrogazione di latino
    E gli occupanti sono stati quindici, più qualche esterno