BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Il ristorante Balicco ricorre al Riesame: “cortile da riaprire”

Il ristorante ?? aperto, ma i titolari sono un po' imbronciati. Accade al noto locale di via Borgo Palazzo, dove il cortile esterno ?? stato sequestrato per rumori molesti segnalati da un vicino. "Impugneremo il provvedimento di fronte al Tribunale del Riesame, per dissequestrare tutto in una decina di giorni" spiega il legale dei titolari.

Più informazioni su

Il ristorante è aperto, ma i titolari sono un po’ imbronciati. Sono in continuo contatto con il loro avvocato, Rita Duzioni, e ripetono che il loro locale, "Il Balicco" di via Borgo Palazzo, con cortile e wine bar adiacenti, è in piena attività. C’è stata però una battuta d’arresto, dovuta al sequestro di tutto il locale notificato dai carabinieri lunedì 24 novembre su mandato del Gip Alberto Viti (e richiesta del pm Giancarlo Mancusi) e poi in parte modificato su richiesta del legale: sotto sequestro, per "il troppo rumore segnalato da un solo vicino" ribadisce l’avvocato, è rimasto infatti il cortile interno del locale (nella foto).
Sequestro che si riferisce esclusivamente all’impossibilità di utilizzare il cortile per la somministrazione di bevande, che sarebbe la causa dei troppi rumori provocati dai clienti. "Vogliamo sottolineare – spiega l’avvocato – che la segnalazione dei rumori è arrivata all’autorità competente da un solo vicino del locale, eppure ci sono diverse famiglie che si affacciano sullo stesso cortile. Secondo noi non sussistono le condizioni per applicare misure cautelari come quella in atto. Quindi impugneremo il provvedimento di fronte al Tribunale del Riesame. Crediamo che entro 10 giorni possa esserci un pronunciamento favorevole".

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da Anonimo

    Ritengo inconcepibile la difesa proposta dal legale dei titolari del locale,in quanto il disturbo alla quiete pubblica è una mancata attinenza del Codice Civile e Penale Italiano da esser punita secondo i criteri stabiliti. A mio parere i legali dovrebbero attenersi alle Nostre leggi, non violarle!
    Anche se la segnalazione è stata fatta da un solo vicino,non vuol dire che il disturbo non vi sia e la noncuranza di questo atto è reato.
    Se nessuno rispettasse le leggi che mondo sarebbe?