BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

La Reproscan supera l’esame Pavia

Finisce 20-15 dopo un match combattuto fino alla fine. I giallorossi la spuntano grazie a una ripresa in rimonta. Under 15 sconfitta a Milano, gli over 35 straripano a San Polo.

Più informazioni su

Dopo il turno di riposo la Reproscan Rugby Bergamo è scesa di nuovo in campo, nella sesta partita del campionato di Serie C girone 1 Elite. Contro i XV del CUS Pavia i ragazzi di Paolo Rivola non hanno disatteso le aspettative e hanno vinto, sebbene di misura, con il risultato di 20 a 15 che indica quanto la partita sia stata incerta e combattuta fino alla fine. Dopo tre minuti dal fischio d’inizio il Pavia passa in vantaggio con un tiro piazzato, ma subito dopo i giallorossi rispondono con una splendida meta di Daniele Radaelli. Nonostante il vantaggio la Reproscan nella prima parte di gioco non riesce a esprimere il gioco di cui è capace e così, chiusa nella propria metà campo, incamera due mete, di cui una trasformata. Poco prima che l’arbitro fischi la fine del primo tempo ecco un guizzo dei trequarti bergamaschi che segnano al 40esimo la seconda meta con il trentaduenne Mauro Minetti. Sul risultato parziale di 10 a 15 per il Pavia si chiude la prima parte di gioco e Paolo Rivola chiama a sé i giocatori. “Li ho dovuti strigliare” ha commentato al termine l’allenatore della Reproscan “perché era evidente che non riuscivamo a giocare in modo lucido e ordinato”.
Richiamo che evidentemente ha funzionato perché nel ritorno in campo i bergamaschi non hanno concesso nulla agli “universitari” del Pavia e, dopo quattro minuti del secondo tempo, Alessandro Zambelli buca la difesa avversaria dopo un gioco corale dei trequarti e pareggia il conto. A questo punto la Reproscan attacca con la determinazione di cui è capace e al 35esimo arriva l’agognato obiettivo firmato da Max Guariglia, che sfonda la difesa del Pavia e schiaccia l’ovale nell’area di meta.
Al fischio dell’arbitro scoppia il tripudio bergamasco per una partita sofferta ma che ha messo in luce le qualità non solo tecniche di numerosi giocatori, bensì lo spirito di squadra che fa dire al coach “Oggi abbiamo buttato il cuore oltre l’ostacolo”. Soddisfazione per i 5 punti conquistati (compreso il punto di bonus per aver realizzato quattro mete) ma con qualche lacuna sui cui lavorare: “Abbiamo giocato un buon secondo tempo” commenta Paolo Rivola “ma pesa il fatto di non aver trasformato nessuna meta. I calci piazzati sono il nostro punto debole, ma ci stiamo lavorando”. Commosso più di tutti Corrado Serrati, il nuovo acquisto di questa stagione nel ruolo di giocatore e “allenatore in campo”: per lui, cresciuto nella formazione del Pavia, oggi era una partita decisamente speciale.
GLI ALTRI DELLA RUGBY BERGAMO.
Si ferma invece la corsa della Under15 che sul campo del CUS Milano è stata sconfitta per 17 a 12. Nel mitico campo Giurati è andata in scena la partita di cartello del girone perché si trattava dello scontro al vertice della categoria. Partita combattuta sin dal primo placcaggio ed il Bergamo che passa in vantaggio ed allunga con due mete di mischia che portano la firma di Claudio Minicuci e Andrea Caminada, di cui una trasformata dallo stesso Caminada. Il CUS Milano risponde grazie al maggiore peso dei primi otto giocatori e accorcia le distanze con una mischia prima del riposo. Il secondo tempo vede la Rugby Bergamo difendere il vantaggio con grinta e spirito di sacrificio, ma i meneghini riescono a trovare i varchi giusti e siglano due mete (trasformandone una) e chiudendo la partita con il risultato finale di 17 a 12. Nonostante la sconfitta di oggi per i giallorossi i giochi per conquistare la vittoria del girone restano aperti, perché tra il CUS Milano (primo in classifica) e la Rugby Bergamo restano solo 5 punti di differenza.
Il weekend ovale della Rugby Bergamo si era aperto sabato con il “test match” della formazione Old: i  giocatori over 35 diretti da Giorgio Prussiani hanno sbaragliato il campo bresciano di San Polo battendo la Poderosa per 11 a zero.

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.