BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Banconote false per pagare la pizza Minorenni denunciati

Non perde il vizio del furto e delle piccole truffe un 17enne della Bergamo bene che frequenta spesso piazza della Libert?? ed ?? gi?? noto alla polizia per aver rubato alcuni caschi griffati. Lo stesso minorenne ?? stato denunciato per aver speso banconote false raggirando, con altri quattro amici, un ragazzino che gli aveva consegnato una pizza per conto di un locale del centro citt??.

Più informazioni su

Non perde il vizio del furto e delle piccole truffe un 17enne della Bergamo bene che frequenta spesso piazza della Libertà e che già in passato la polizia aveva denunciato per aver rubato alcuni caschi griffati. Lo stesso minorenne è stato denunciato per detenzione e spendita di banconote false dopo aver raggirato, con altri quattro amici, un ragazzino che gli aveva consegnato una pizza per conto di un locale del centro città.
I fatti nella serata del 20 novembre. Il pony-pizza arriva a Porta dipinta, dove il cliente che ha telefonato in pizzeria gli ha dato appuntamento, su un marciapiedi. Il ragazzino arriva, consegna il prodotto e i clienti, che sono cinque giovanissimi, gli consegnano 50 euro. Lui si accorge che qualcosa non va, la banconota falsa è diversa dalle altre, già al tatto. Ma intanto i clienti truffaldini sono già saliti su un’auto e scappano. Il pony pizza torna al locale, dove la titolare chiama immediatamente il 113. E subito dopo la polizia avvia i primi accertamenti: con i tabulati telefonici viene individuato il numero di cellulare utilizzato dai giovanissimi per ordinare la pizza. Ieri, 21 novembre, si risale ad un’abitazione del centro di Bergamo, dove vive un ragazzo di 19 anni che usa il cellulare della madre. Lui si difende e dichiara di non sapere che i suoi amici usavano banconote false. Due amici di 17 anni, anche loro della città, tra i quali il minorenne già noto alle forze dell’ordine, vengono subito individuati e raccontano invece che quei 50 euro erano la mancia settimanale di una nonna.
Se così stessero le cose – secondo la polizia – i ragazzi non avrebbero avuto motivo di dare appuntamento per strada al pony-pizza e soprattutto di allontanarsi velocemente su un’auto. Altre due persone sono in corso di identificazione: si tratterebbe di due ragazzi di 17 e 18 anni, di Lallio e Bergamo.

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.