BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Sospeso lo sciopero dei benzinai Agip

Era in programma per martedì 25 e mercoledì 26 novembre. "Abbiamo ottenuto l’intervento del Governo – afferma Giuseppe Milazzo, presidente dei benzinai bergamaschi aderenti ad Ascom – Ora confidiamo sull’esito positivo di questo incontro e sospendiamo lo sciopero in questa fase di trattativa".

Più informazioni su

E’ stato sospeso lo sciopero dei benzinai Agip previsto per martedì 25 e mercoledì 26 novembre. Accogliendo le richieste inviate lo scorso 30 ottobre e 13 novembre, il ministro dello Sviluppo Economico, Claudio Scajola, ha convocato per il prossimo 3 dicembre le Organizzazioni di categoria dei Gestori ed i rappresentanti di Eni allo scopo di individuare possibili soluzioni per la vertenza in corso.
I benzinai a marchio Agip da alcune settimane hanno iniziato le agitazioni per la mancata firma da parte di Eni del rinnovo degli accordi economici scaduti da due anni. I gestori Agip rivendicano il diritto a vedere rinnovati tali accordi in un momento difficile per il settore, segnato dal calo sensibile degli erogati, dalla contrazione dei redditi, erosi sia dalla diminuzione della vendita “oil” e “non oil” sia dall’inflazione e dall’aumento delle spese di gestione generali e delle promozioni.
A fronte dell’apertura formale del tavolo di mediazione, Faib, Fegica e Figisc, prendono atto che un primo importante risultato è stato raggiunto. "Abbiamo ottenuto l’intervento del Governo, che si è assunto i termini della vicenda – afferma Giuseppe Milazzo, presidente dei benzinai bergamaschi aderenti ad Ascom – Ora confidiamo sull’esito positivo di questo incontro e, cogliendo la richiesta del ministro Scajola, sospendiamo lo sciopero in questa fase di trattativa".
Le Associazioni, quindi, congelano temporaneamente la manifestazione di chiusura degli impianti a marchio Agip, già prevista per le giornate del 25 e 26 novembre.
Tale sospensione temporanea non comporta tuttavia, la cessazione dello stato di agitazione della categoria. «Abbiamo deciso di prorogare, sino a quando non emergeranno sviluppi positivi nella vertenza, la sospensione del prezzo massimo – spiega Milazzo -, lasciando pertanto liberi i gestori Agip di fissare il prezzo al pubblico dei carburanti senza alcuna limitazione derivante dagli accordi interprofessionali, già scaduti il 31 dicembre del 2006, sino a nuove e significative evoluzioni dello scenario».

In Bergamasca i gestori a marchio Agip sono 66, una stazione su quattro del totale provinciale

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.