BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

La giunta approva il patto per il trasporto pubblico locale

Ok del Pirellone al piano che stanzia 339 milioni di euro per migliorare il trasporto su autobus e treni

Più informazioni su

La Giunta regionale ha approvato, su proposta dell’assessore alle Infrastrutture e Mobilità, Raffaele Cattaneo, il Patto per il Trasporto pubblico locale (Tpl) sottoscritto nei giorni scorsi dopo un lungo lavoro fra Regione Lombardia, Province, Comuni capoluogo, ANCI Lombardia, Associazioni e imprese di Tpl, imprese ferroviarie (Rfi,
Trenitalia e Ferrovie Nord), sindacati confederali del settore
dei trasporti, associazioni di utenti, consumatori e pendolari.

Con la delibera di approvazione vengono così garantiti 339
milioni di euro di risorse aggiuntive per il trasporto così
suddivisi:
– 120 milioni per il rinnovo del parco autobus, dando priorità
alla eliminazione di tutti i veicoli Euro 0 ed Euro 1, con
l’obiettivo dunque anche di ridurre le emissioni inquinanti;
– 30 milioni per nuovi treni che si aggiungono ai 750 milioni
già spesi. Regione Lombardia conferma il programma di acquisto
di materiale rotabile: 78 treni Tsr per i servizi di LeNord e
della linea S5; 6 treni aeroportuali; 8 treni per la
Brescia-Iseo-Edolo e 6 treni per la Milano-Molteno-Lecco
– 189 milioni entro il 2015 per lo sviluppo di nuovi servizi,
prioritariamente per le linee ferroviarie suburbane e regionali.

All’intero sistema di gestione del Trasporto pubblico locale
viene dato anche un nuovo assetto che prevede la definizione di
bacini territoriali adeguati ad articolare l’offerta dei
servizio e la nascita di 7 Agenzie provinciali o
sovraprovinciali, con i compiti di programmazione integrata e
intermodale di tutti i servizi di trasporto automobilistici e
metropolitani, che dialogheranno con la Regione per garantire il
coordinamento di reti e tariffe

Già nel 2009 infine, i viaggiatori lombardi potranno usufruire
di nuovi biglietti integrati (ferrovia + mobilità urbana)
nell’area milanese servita dalle linee S e dall’anno successivo
in tutto il territorio regionale. Gli adeguamenti tariffari
saranno legati non solo al recupero dell’inflazione ma anche a
un effettivo miglioramento della qualità del servizio. Questo
sarà scientificamente misurato attraverso un algoritmo
matematico sulla base di indicatori ben definiti (puntualità,
velocità commerciale, frequenza, età media dei mezzi,
regolarità, sicurezza, qualità percepita, customer
satisfaction).

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.