BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Conferenza sulle incisioni rupestri di Carona

Gli Amici del Museo Archeologico, di cui Nadia Ghisalberti ?? presidente, al fine di divulgare a un pi?? vasto pubblico le attivit?? del Civico Museo Archeologico di Bergamo, organizzano per luned?? 24 novembre "Le parole dei Celti scritte sulla roccia. Le incisioni rupestri di Carona", conferenza con videoproiezioni a cura di Stefania Casini

Più informazioni su

Gli Amici del Museo Archeologico, di cui Nadia Ghisalberti è presidente, al fine di divulgare a un più vasto pubblico le attività di ricerca e documentazione e gli studi sul territorio del Civico Museo Archeologico di Bergamo, organizzano per lunedì 24 novembre alle 18.30 nella sala ex consiliare di Via Tasso 4, a Bergamo "Le parole dei Celti scritte sulla roccia. Le incisioni rupestri di Carona", conferenza con videoproiezioni a cura di Stefania Casini
La dottoressa Casini presenterà i primi risultati della ricerca condotta in località Val Camisana di Carona, Alta Val Brembana, dove sono state individuate nel 2005 dai membri del Centro Storico Culturale Valle Brembana alcune rocce recanti incisioni rupestri di età storica.
Nelle incisioni compaiono elementi simbolici, come le croci, il nodo di Salomone, le stelle a cinque punte; spiccano alcune figure di armati di cui uno databile al 1200 e uno al 1600 circa, figure umane di vario tipo, sia femminili sia maschili, figure di animali ed elementi fitomorfi. Sono state individuate anche iscrizioni in alfabeto leponzio del III-II sec. a.C., su una roccia che si può considerare un vero e proprio monumento archeologico, di grandi dimensioni e con un palinsesto figurativo di assoluta unicità.
L’area delle rocce incise si trova al limite settentrionale della Val Brembana, là dove alcune sorgenti danno vita ad un ramo secondario del Brembo. Confina a nord con la Valtellina, a est con la Valseriana e ha sempre rappresentato un punto di passaggio per chi transitava verso il settore alpino settentrionale; è, inoltre, dislocata nelle vicinanze di importanti miniere, il cui sfruttamento risale ad epoca rinascimentale. Le tradizioni locali riportano la memoria di percorsi in quota frequentemente utilizzati, da e per la Val Seriana.
Perciò le incisioni di Carona rivestono un grande interesse, da un lato per essere circoscritte entro una zona di varco verso il settore alpino settentrionale dall’altro per la continuità della pratica di incisione attraverso numerosi secoli; questo è il motivo per cui il Civico Museo Archeologico di Bergamo ha organizzato alcune campagne di ricerca, ottenendo per l’anno 2007 la concessione ministeriale, al fine di georeferenziare, fotografare e rilevare graficamente le rocce le incisioni rupestri. La fase del progetto di ricerca, documentazione, studio iconografico e linguistico continua ed è sostenuta dai fondi della Regione Lombardia (ex l.r. 12 luglio 1974, n. 39), dai fondi correnti del Civico Museo Archeologico di Bergamo e dal supporto logistico del Comune di Carona.
La partecipazione è aperta a tutti ed è gratuita.

 

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.