BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Pdl e Lega, basta guerra agli islamici: la loro cultura è moderata, voteranno per voi

Chi critica il sindaco di Bergamo Roberto Bruni per le "concessioni" alla Comunità musulmana sbaglia perchè non capisce che "il corpo sociale musulmano è assolutamente moderata". Ecco le ragioni per le quali le forze di centrodestra dovrebbero modificare la loro politica nei confronti dell'immigrazione.

Più informazioni su

Buongiorno direttore.
Sono rimasto perplesso da una circolare evidentemente speculativo-elettorale che le opposizioni di palazzo Frizzoni (PDL – Lega) hanno diffuso contro il sindaco Bruni e la maggioranza, in quanto a loro avviso sarebbero stati troppo accondiscendenti verso il movimento e i cittadini islamici bergamaschi: licenze facili per le moschee, via libera al cimitero islamico ed imputazioni di altro genere. 
Non comprendo l’accanimento della destra bergamasca contro l’Islam residente: la politica matura non cerca la soppressione dell’altro in un’ottica distruttiva amico/nemico che determina conflittualità. Bravo e saggio dunque Bruni ad avviare una politica di riconoscimento, collaborazione e costruzione con gli islamici bergamaschi, che nelle loro rappresentanze sono di una gentilezza disarmante.
Abbiamo concesso un’area per le sepolture? E’ sacrosanto dovere, poi pensate la bontà del luogo: immediatamente sotto la quarta corsia dell’autostrada; mentre si prega i propri cari la colonna sonora dei bestioni da 500 CV inebria il pathos…

Concederemo aree edificabili per una moschea idonea al numero di fedeli? Mi sorprenderei del contrario. Le destre non possono esaurire la propaganda elettorale verso un sentiment basso: quando in bergamasca si parla di Islam la deduzione più ricorrente é: avanti così e domani comanderanno loro!
La popolazione va informata, i musulmani non sono il lupo cattivo che li si vuole far sembrare, anzi a mio avviso sono una risorsa ed in particolare modo proprio per i ceti più moderati e tradizionali
Il paradosso di tutto questo è che le sinistre inconsapevolmente e masochisticamente favorendoli si auto-determinano un handicap elettorale prossimo venturo: difatti un buon islamico difficilmente potrebbe votare Partito Democratico o peggio comunista se non per breve e calcolata speculazione.
Mentre le destre che osteggiano apertamente l’Islam in funzione sindacale cristiana, col medesimo autolesionismo non comprendono che il corpo sociale musulmano è assolutamente moderato.
Valori imprescindibili come quelli del matrimonio e della famiglia in ambito islamico sono considerati divini. Allàh prescrive il matrimonio poichè esso si fonda sulla famiglia, che è la sede nella quale egli ha reso lecito l’esercizio dell’attività sessuale. Difende la famiglia perchè promuove la solidarietà e la pace sociale, l’educazione dei figli, la protezione socio-economica dell’acerba e della vecchia generazione.
Sono inconcepibili per gli islamici le riforme, i cosidetti "diritti" rivendicati dai "progressisti" occidentali. Negli Stati islamici è arduo trovare partiti socialisti perchè è la Sciari’ah (codice di vita islamico) che comanda la redistribuzione della ricchezza, il dovere all’elemosina (Zakat) e quant’altro..
Altro che insultare la dignità degli islamici con volantini elettorali: destra e lega bergamasche è bene che riflettano sulla china di un cattolicesimo secolarizzato, che non riesce non tanto ad imporsi ma neppure più a farsi rispettare e a fare rispettare pilastri morali della società storica.
In questa ottica l’Islam può fornire un’assist prezioso ed insperato ai ceti moderati, anche per riscoprire quella devozione in Dio smarrita da tempo, come aveva già correttamente intuito Pasolini.
Che Allà’h/Dio, sia gloria a Lui l’Altissimo, protegga i propositi politici dagli eccessi, e a noi cittadini dalle loro conseguenze.

 
Principebianco

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da iva

    Quello che devo provare non devi dirlo tu caro Pol.sco.
    Edonismo e religione, realtà e percezione.

  2. Scritto da iva

    Edonismo e religione, realtà e percezione.
    quoto anche il 38 per lo più.

  3. Scritto da Pol.sco.

    Se quoti il 38 prova a dirlo a Bruni che ha cercato ed ottenuto l’appoggio di Curia, Eco e Compagnia delle Opere per farsi eleggere

  4. Scritto da Pb

    Dispiaciuto di deluderti, davvero..
    Se ci tieni tanto e mi carichi la Poste Pay scriverò quello che più ti aggrada ;-)

  5. Scritto da iva

    Come volevasi:
    Edonismo e religione, realtà e percezione.

  6. Scritto da mauro

    NON voto più a sinistra a Bergamo:
    a leggere cosa scrive PB, vuol dire che hanno già deciso di proporci ancora la minestra del multiculturalismo, dialogo delle religioni…Perché oramai non hanno più seguaci nelle fabbriche hanno trovato i poveri immigrati da usare come scudo.
    Il PD vive di immaginette: và in Africa per farsi eleggere in Italia, poi compera una casa in America del Nord..lo stessofanno al livello locale un imametto fà tendenza”
    Piuttosto voto il meno peggio ma mai più PD.

  7. Scritto da Pb

    Mauro si calmi.
    Anche il cristianesimo era multiculturalismo, è arrivato dal vicino oriente.
    Nulla rimane immutabile, neppure il suo voto. Buona giornata.

  8. Scritto da Pol.sco.

    Pb in realtà è di destra
    Chiunque lo conosca lo sa
    Solo che è invaghito dell’islam
    Cosa assolutamente non disdicevole, per carità
    Anke lo storico Cardini ed il giornalista Buttafuoco sono come lui (o meglio, lui è come loro)
    Ma c’è islam ed islam: magari tutti i mussulmani fossero compatibili coi valori liberali e di dignità umana necessari x costruire una convivenza fruttuosa e pacifica.
    Il fatto è che anch’io ero come lui: ero per il multietnico a tutti i costi, per la società arcobaleno

  9. Scritto da Pol.sco.

    Poi, l’11 settembre 2001 dopo le 15.00, traumatizzato come tutti gli uomini di buona volontà, ricevetti in studio cinque clienti tunisini e marocchini che avevano previamente preso appuntamento. Li conoscevo già abbastanza bene (credevo). Tutti e cinque, ricevuti in distinti orari e che non si conoscevano tra di loro, entrarono nel mio ufficio esultando. Erano al settimo cielo per ciò che aveva fatto Bin Laden.
    E così con tutti gli altri maghrebini (ne ho 500 circa) ricevuti nei giorni seguenti

  10. Scritto da Pol.sco.

    Non ce n’e’ stto uno che avesse una parola di comprensione per le vittime innocenti
    Tutti si dicevano orgogliosi di stare dalla parte della “iniziata rivoluzione del mondo mussulmano per la riconquista dell’egemonia sul corrotto e libertino mondo occidentale”
    E ilbello ch’eran convinti che anch’io (noto avvocato amico dei nordafricani) dovessi essere d’accordo con loro, perchè li difendevo nei processi ed accettavo la loro ospitalità, aiutandoli anche nella loro vita privata.

  11. Scritto da Pol.sco.

    Da allora ho approfondito leggendo centinaia di libri sull’argomento, parlando più approfonditamente con i mussulmani, praticanti o meno, confrontando le politiche integrative di Francia, Gran Bretagna, Germania e così via
    Attualmente mi trovo d’accordo con le analisi di Magdi Allam, egiziano, vicedirettore del Corriere della Sera ed invito tutti a comprare i suoi libri o a leggere i suoi servizi, molto più articolati di un semplice “multiculturalismo sì, multiculturalismo no”
    Piedi di piombo!

  12. Scritto da Pb

    Ciao Pol.sco.
    Non potrei mai invaghirmi ne tanto meno convertirmi all’Islam perchè è un credo monoteista, iconoclasta ed una ierofania per lo più di segno maschile: l’esatto contrario del mio senso religioso.
    D’altra parte è una religione assolutamente razionale (in senso cultuale), semplificatrice, fortemente etica e morale: i profughi del cattolicesimo secolarizzato potrebbero esserne attratti; gli intellettuali che citi sono un primo segnale.

  13. Scritto da Pb

    Hai portato un’esperienza diretta: la frustrazione dei tuoi clienti musulmani contro Stati Uniti ed Israele, sicuramente è così.
    Io te ne porto un’altra: dai miei viaggi nel Maghreb, dai rapporti diretti in quel di Bergamo qui dico senza remore che considero i musulmani le persone più generose e caritatevoli, nel senso “nostro” squisitamente evengelico.
    Ci vuole un trade union: ragionevolezza. Comprendo Allam, la Fallaci o gli iman “sputaodio”, ma ci sono già stati crociati e saladini …

  14. Scritto da mauro

    Anch’io ho tanti amici marocchini algerini tunisini, ma tutti mi dicono che SE DATE PIU’ SPAZIO AGLI IMAMS IN OCCIDENTE CI LI TROVIAMO SUBITO AL POTERE CUI-DA LORO-.
    Quindi non è una questione di razzismo, ma di scelte di campo!

  15. Scritto da mauro

    @pb
    Mi deludi!
    Ecco perché il tuo sindaco perdera le elezioni! Perché il populismo di sinistra e’ assai il peggiore!

  16. Scritto da Pb

    Diciamo che i cattolici ne hanno ammazzato di fratelli cristiani nella storia ! Le scuse di Wojtila non erano infatti un atto formale e non penso che Gesù Cristo capirebbe tale differenza e sottigliezza..

    Servono persone di buona volontà sia da parte islamica che cattolica, perchè se la parola è consegnata alle recriminazioni ed agli integralisti dei due schieramenti oltre a chi politicamente sfrutta l’odio e l’ignoranza, di strada non se ne fa molta.
    L’iman di Bergamo lavora per la pace

  17. Scritto da michele

    Lavorare per una società laica e aperta alle istanze della libertà. Questo non vuol dire contrattare con le diverse fedi. Lo stato liberale veglia perché le condizioni di libertà siano salvaguardate. Perché le mie scelte religiose non devono essere messe nella condizione di influire sulla libertà altruì. Quindi i religiosi s’incontrano pure tra loro, ma policamente e’ una forzatura fare degli imams dei rapprentanti politici numerosa che sia! E’ un commercio reditizio quello delle rappresenta

  18. Scritto da mauro

    @PB
    Chi se frega che lavori per la pace il tuo imam!
    Non c’è bisogno di lavorare per la pace, perche la pace c’è già. E’ ora che lo stato si riprenda le sue prerogative!
    Moschea? se non dà fastidio và bene, ma non si usi la moschea per farsi riconoscere politicamente!
    Avete mai sentito parlare dei Buddhisti?? certamente no, perché pacifici silensiosi quindi pesano di meno!
    Ma valà!!!!!!!!!

  19. Scritto da wka

    scusate ma l articolo parla di “valori imprescindibili come il matrimonio e famiglia”significa trattare le MOLTE mogli da schiave e dare le proprie figlie in sposa da bambine? e poi” la sciariah che comanda la redistribuzione della ricchezza,il dovere dello zakat …”significa che gli imam hanno tutto quello che desiderano e il resto della popolazione muore di fame,e viene istruita per ignorare tutto quello che succede nel mondo?almeno il cristianesimo da piu liberta.

  20. Scritto da A.1

    sono stato in viaggio in terra santa e ho scoperto come è la convivenza tra le diverse religioni soprattutto tra ebrei-cattolici-mussulmani e tra le 3 religioni la piu tartassata è la cattolica.gli ebrei credono che il salvatore entri da gerusalemme da una delle porte in particolare ed i mussulmani hanno costruito al esterno della porta un loro cimitero perimpedire il passaggio,gli ebrei non permettono ai cattolici di celebrare la via crucis in tranquillita perche irrompono nella processione …

  21. Scritto da A.2

    … urlando e spingendo,i mussulmani hanno comprato il luogo dell ultima cena (importante per i cattolici)e lo utilizzano come sosta per animali vari,gli ebrei sono i “padroni”di tutti gli alberghi di gerusalamme e impongono le loro regole (nei ristoranti prima mangiano loro e poi quando tutti loro se ne sono andati tu cattolico puoi accomadarti,questo perche il cattolico è una persona impura)con il cattolico non ho mai visto problemi ne in italia ne altrove,chiamateli moderati! MAH!

  22. Scritto da Pb

    Da tante prese di posizione, alcune con uno spigolo di fondamento altre preconcette mi pare che ci sia molto da lavorare per una pacifica convivenza fra le religioni, al di qua e al di là del Mediterraneo e nei territori a denisità migratoria.
    Non sono cose che avvengono dall’oggi al domani, ci vorrà tempo, nel frattempo alcune voci cercheranno di fare disinformazione ai danni dell’una o dell’altra fede.
    Nel nostro caso l’amministrazione Bruni è stata lungimirante e ha agito con buon senso.

  23. Scritto da Pb

    Obiettivamente questa sorta di dittatura laica che propone (imporrebbe) il sig. bg con tanto di “basta” e “no” categorici la trovo ugualmente integralista e più di ciò che egli stesso vorrebbe combattere.
    Non credibile.

  24. Scritto da Pol.sco.

    Populista del menga sei tu, bg, visto ke confondi gli integralisti riformati (cosiddetti protestanti, divisi in mille rivoli) coi cattolici, che sono uniti e non hanno mai ucciso nessun medico abortista.
    Affermare che la Chiesa Cattolica è divisa quanto l’Islam è affermare una castroneria grande come una moschea con minareto annesso.
    I cattolici non si son mai ammazzati tra loro, come avviene invece nel mondo mussulmano.
    Tendenze + progressive e + conservatrici non mettono in dubbio la verità

  25. Scritto da Pb

    Diciamo Pol.sco. che il cattolicesimo ha già avuto modo di espiare le sue violenze (da record) nei due millenni scorsi presentanto le scuse ufficiali con Giovanni Paolo II in “memoria e riconciliazione”.
    Questo per quanto riguarda la violenza nuda.
    Per interpretazioni e letture dei testi nonostante il primato teologico di Roma le differenze sono enormi: basti citare l’ecumenismo nella differenza fra il priorato di Bose la fraternità San Pio x…

  26. Scritto da iva

    Continuo a dubitare fino a prova contraria.

  27. Scritto da Pol.sco.

    Voler salvare la vita non è integralismo: quindi essere contro eutanasia ed aborto non è integralismo.
    E’ solo seguire con normalità l’insegnamento di Gesù Cristo
    Ripeto, visto ke parliamo del qui ed ora e non di fatti avvenuti centinaia di anni fa: il cattolicesimo non produce integralisti e violenti, ma solo inviti a non uccidere vite nascenti ed ammalati
    I cattolici sono solo vittime nel mondo dell’integralismo altrui.
    Gli eretici sono fuori dalla Chiesa: la teologia è sana discusione

  28. Scritto da Pb

    Senz’altro i cattolici sono oggi meno violenti rispetto ad alcuni integralisti indù o islamici: d’altronde come abbiamo detto il lavoro “sporco” era già stato fatto, sino a fare divenire se non sbaglio, quella cattolica la religione più estesa e frequentata sulla faccia della Terra. Il richiamo a Dio per mano di Bush per giustificare alcune guerre ed il semi-silenzio di Woitjla nel conflitto croato-serbo/bosniaco (cattolico-ortodosso) lasciano alcuni dubbi…

  29. Scritto da Pb

    La fraternità San Pio x non è fuori dalla Chiesa, non è scomunicata, i sacerdoti che ivi celebrano messa sono soltanto “sospesi”.
    Tanto che il fedele cattolico partecipando a queste messe assolve il proprio dovere domenicale.
    Il cattolicesimo è ricco, eterogeneo e contrastato come e più dell’universo musulmano: fra Opus Dei e frati minori o focolarini esistono differenze molto importanti nell’unità riconosciuta a Dio ed al papa. Questo è un bene per la ricchezza del cattolicesimo e dell’Islam

  30. Scritto da iva

    Entriamo sempre più nel vivo delle dinamiche edonistiche della ‘contraddizione religiosa’ traslata sull’umanità. Quali le differenze tra islam, cristianità e altri culti (non cattolicesimo)?

  31. Scritto da bg

    I cattolici integralisti esistono e, ad esempio, negli Stati Uniti commettono omicidi dei medici che praticano l’aborto. Tanto per dirla a qualche populista del menga!

    Sono (ovviamente personalmente) contrario a ogni religione, dovrebbe essere un fatto privato e di coscienza e invece è solo una moda di sbandierare di essere mussulmani, buddisti o cattolici! Basta favoritismi a questa o quella religione, no campanili e no moschee!

  32. Scritto da iva

    C’è un aspetto economico da trattare, insieme agli aspetti religiosi, o se si preferisce edonistico.
    Dubito che Pb lo tratterà, la moderazione implica moderatori.

  33. Scritto da Pol.sco.

    Nella Chiesa Cattolica l’interpretazione della Bibbia non è libera ed individualista: è per questo che non ci sono nè integralisti nè violenti cattolici come in tutte le altre religioni

  34. Scritto da Stefano

    Non ci sono integralisti cattolici?Mio caro Pol.sco la campagna Bagnaschiana e dei Media vaticani verso il caso Englaro è integralismo. Le campagne anti-abortismo sono integraliste…e se non sbaglio in Africa ci sono pure delle milizie cristiane…
    Mi dica se può bastare Pol.sco…ma prima mi permetta di dire che se vuole posso continuare ad elencare altri comportamenti simili…ma credo che mi abbasserei a ragionare proprio come lei, a pregiudizi
    Saluti

  35. Scritto da principessanera

    “Grazie alle vostre leggi democratiche,vi invaderemo,grazie alle nostre leggi religiose vi domineremo”

    Ilpricipebianco si vada a leggere il Corano

  36. Scritto da Pb

    Sono convinto che il 20 sia un ateo o un osservante una-tantum.
    Le ricordo che per l’Islam la preghiera è OBBLIGATORIA cinque volte al giorno: la spaventa un’eventualità del genere?
    Leggiamo il Corano insieme? Va bene. 49:10 “In verità, i credenti sono fratelli: ristabilite la concordia tra i vostri fratelli e temete Dio. Forse vi sarà usata misericordia”

    E Maometto ha affermato: “Un arabo non è diverso da un non arabo, un bianco non è diverso da un nero, se non nel timor di Dio”.

  37. Scritto da iva

    Nessun dubbio, la parata del nick ‘terrorista’ è a casablanca.

  38. Scritto da Pol.sco.

    Nel Corano c’e’ scritto tutto e il contrario di tutto
    Tanto è vero che la miriade di gruppi islamici si fanno la guerra tra di loro ed ognuno si basa su quanto scritto nel Corano

  39. Scritto da iva

    Quindi Principebianco è contrario a se stesso?

  40. Scritto da Pb

    Esattamente come nella Bibbia e nei Veda induisti: il cattivo cristiano, il cattivo musulmano, il cattivo induista semina discordia laddove le sagge parole invitano alla concordia.
    Nei grandi libri vi sono alcune parole di guerra immerse da infinite parole di pace. Alcuni uomini sono più interessati alle prime da sempre..

  41. Scritto da iva

    Pol.sco. il buon Pb ti sta dicendo che non sei più il suo mito, il suo genio. Non arriverà a chiederti di convertirti, fosse anche per la vita.
    Di cose se ne dicono ma poi farne..

  42. Scritto da michele

    @Pb

    Anche se non e’ scritto da nessuna parte tuttavia e’ l’unica religione che obbliga-per consuetudine- a utilizzare l’unica lingua : l’arabo, assimilando all’arabita tutte le altre culture! Quindi non si puo pregare in Italiano da cui la perdita dell’identita: vedi il caso della sepoltura: un musulmano deve distinguersi!

  43. Scritto da Pb

    Assolutamente si Michele lei ha ragione. L’Islam vive una contraddizione perenne e questa è la su forza ed il suo limite: l’arabo (sino agli anni ’60 per noi era il latino); l’assoluta democraticità (non ci sono vere e proprie gerarchie del sacro fra gli officianti ed i fedeli) e dall’altro lato l’assimilalazione culturale; la razionalità semplificatrice per sottomissione (Islam= sottomissione-pace) ad un’unico Dio, Allah senza intermediazioni femminine (mariane) o intermedie (santi)..

  44. Scritto da kaci

    @polsco

    D’accordo!

  45. Scritto da Pb

    Quella che poni Pol.sco. è un’enorme questione etica, filosofica: diritti nell’ugualianza (la strada che secondo ha percorso in maniera intransigente l’occidente) o diritti nella diversità, la strada che suggerisce con impareggiabile saggezza (sempre opinione personale) il Corano ad esempio nei diritti-doveri del maschile-femminile?

  46. Scritto da Stefano

    Chapeaux Pb se in altri commenti l’avevo criticata…devo proprio ammettere che la sua lettera è piena di buonsenso e riflessioni approfondite.MI trova molto d’accordo sul tema, con una sola distinzione…Questo discorso andrebbe propagandato almeno quanto viene quotidianamente urlato lo stereotipo dell’islamico cattivo,spacciatore e violento.Inoltre lei dice che dx e Lega dovrebbero adeguarsi, ma secondo me non sono le sole forze politiche a cui farebbe bene una riflessione sul tema!

  47. Scritto da Pb

    La ringrazio Stefano; è un bene non essere d’accordo su tutto
    Si, allergherei il discorso anche oltre la politica
    Al rapporto secolarizzato dei fedeli di oggi con Dio e la Chiesa; alle tensioni anarchiche ed implosive all’interno del cattolicesimo

    “Se continua così un giorno comanderanno quelli lì”: e se non “domani”,ma “dopodomani” si rilevasse un’opportunità?
    E se alcuni ceti borghesi e non, delusi (ho un campionario ricco) iniziassero a guardare con interesse in direzione della moschea?

  48. Scritto da ureidacan

    La costruzione di una moschea non comporta nessuna spesa per il Comune, che anzi incassa gli oneri da costruzione ed il privato ne ricava il prezzo della vendita del terreno. Il Comune,come quando gli si chiede il permesso per costruire un campo da golf, deve solo verificare se la costruzione non sia in contrasto con lo strumento urbanistico. Quindi chiedere di impedire o meno la costruzione va vista solo in relazione all’urbanistica. Il resto è pura propaganda.

  49. Scritto da Pol.sco.

    Tutti devono avere un luogo in cui pregare
    Meglio più luoghi per non concentrare tutti in un unico posto

  50. Scritto da Stefano

    Di nulla principebianco…quando il tuo “avversario” ha un idea intelligente credo sia un dovere civile(in disuso in Italia) riconoscerlo a prescindere dello schieramento in cui ci si siede…Tornando sul problema, avendoci riflettuto una giornata, credo che questo debba essere un punto forte della nostra società a prescindere del tornaconto elettorale…La cultura islamica è degna di rispetto quanto tutte le altre. (segue)

  51. Scritto da kaci

    Uscire dal rapporto soggetto/oggetto , Come?
    Semplicemente applicando la legge. Spesso per ovviare alla necessaria orientamento culturale dello straniero si ricorre alla negoziazione degli stessi principi. Il buonismo e’ molto più pericoloso perché allontana la cultura della responsabilizzazione. Altresì il cattivismo, che si limita alla superficie del problema. Mentre una sintesi tra principi umani nella rigidita delle norme. Appunto le norme le subiscono tutti i cittadini, italiani oppure no

  52. Scritto da Pb

    Ringrazio 1.2 per la preziosa e condivisa analisi, il Baath se ricordo bene differisce dal socialismo occidentale per vari aspetti, rinnega l’ateismo e rispetta i pilastri fondamentali dell’Islam, comunque è da considerarsi esperienza conclusa.
    Voglio tranquillizzare il 3: non sono musulmano (almeno che io sappia e per ora..) e mi creda, l’Islam ricco di buonsenso ed equilibrato è più presente e capillare di quanto creda, per chi abbia un minimo desiderio di confronto ed assimilazione..

  53. Scritto da Pb

    Per concludere raccomando agli uomini di buona volontà (ed intelligenti) della destra e della lega (quelli del centro-sinistra stante i provvedimenti di Bruni hanno dimostrato d’esserlo) che è del tutto assurdo applicare alle soglie del 2009 il “cuius regio, eius religio”. Urge un salto di qualità, se non ideale almeno di tornaconto.

  54. Scritto da Pb

    Se lo “dice”alla Sbai non può che farmi piacere.
    Riconosco le sue citazioni ma sono esperienze concluse e comunque sempre nel solco islamico, a meno che lei si ostini a definire “socialista” l’esperienza di Ghedaffi in Libia.
    Il diritto matrimoniale islamico è + complesso e secondo me progredito (sciita in particolare) di quello italiano, ma battaglie per il matrimonio o unioni omo per esempio, sono inconcepibili per il Corano e dunque per ogni osservante musulmano che si reputi tale.

  55. Scritto da iva

    D’accordo col 7.
    Pb (brutta sigla dal richiamo terrorista) dove andrà a parare se le argomentazioni fanno buchi da tuttele parti, Casablanca?

  56. Scritto da kaci

    Non credo che le cosidette esperienze socialiste nei paesi musulmani siano veramente definile come tale:
    1- perché le caste al potere sono di tipo feodale.
    2-Sovrapposizione del sistema gruppale nella negazione dell’individuo, non é un caso che giocano sulle corde dell’islamismo: faccio presente che in Algeria di recente hanno messo dentro una signora algerina solo perché cristiana!
    *Il problema e’ che questi dittatori hanno sostegno sia da destra che da sinistra in Europa!

  57. Scritto da iva

    Staresti insinuando che esistono dei ‘Cosiga’ anche altrove?
    Oppure che il ‘pizzo’ sarebbe nell’ordine dei ‘2 centesimi’ anzichè ‘2 miliardi’?
    Non scrivere, kaci, che dovremmo accollarci ulteriori 5 miliardi di debito a fronte di una ammissione di colpa (commessa da altri).

  58. Scritto da Pol.sco.

    Io preferirei che nel variegato e cangiante mondo islamico si sviluppassero aperture liberali, più che esperienze socialiste, ormai obsolete
    La nostra società occidentale è liberale e sarebbe più semplice vivere insieme basando la convivenza e la condivisione sui diritti e la dignità umana, oltre che sulle libertà in tutti i campi

  59. Scritto da Fabrizio del Dongo

    Sono sostanzialmente d’accordo con Principebianco.La destra italiana (e bergamasca in particolare) con l’unica eccezione dell’on.Fini, non hanno capito nulla della cultura islamica e, se possono aggiungere,nemmeno di quella di molti immigrati che vengono dall’Est Europa e che sono ferocemente anticomunisti per avere vissuto la repressione e la miseria prodotte da quel sistema.Essi spesso fanno di ogni erba un fascio e non distinguono tra comunismo e socialdemocrazia.

  60. Scritto da Fabrizio del Dongo

    E così la sinistra italiana, per l’opposto errore di valutazione, si illude che domani gli immigrati,divenuti cittadini o comunque abilitati al voto amministrtivo,votino in massa per le sue liste.Non penso che sarà così e il voto di questi nuovi italiani andrà conquistato dalle forze riformiste con grande fatixca.Ricordo però al mio colto interlocutore che l’esperienza del socialismo arabo attraverso il Baath non è stata né breve né di scarso significato per la modernizzazione dell’Islam.

  61. Scritto da Maurizio

    L’Islam moderato non esiste,chiedetelo Magdi Allam e ai milioni di cristiani perseguitati dall’Islam nel mondo.Questa lettera è semplicemente la testimonianza della loro doppiezza.