BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

In crescita il numero di imprese “in rosa”

Una ditta su cinque è gestita da una donna. la provincia più "rosa" è Milano, seguita da Brescia e Bergamo

Più informazioni su

Donne sempre più protagoniste dello sviluppo lombardo. Un’impresa su cinque in Lombardia è rosa: sono infatti quasi 168 mila le imprese femminili attive al primo semestre 2008, su un totale regionale di oltre 812 mila, in crescita del 6,2% in cinque anni.

Le imprese femminili lombarde si concentrano soprattutto nella provincia di Milano (69.724 imprese, 41,5% del totale regionale, in crescita del 9,1% dal 2003), Brescia (22.638imprese, 13,5% del totale, in crescita del 5% dal 2003) e Bergamo (17.279 imprese, 10,3% del totale, in crescita del 8,3% dal 2003). Dopo Milano e Bergamo sono terza e quarta per crescita Lecco (+7,6%) e Lodi (+7,4%). A Sondrio la maggiore incidenza di imprese femminili sul totale della provincia (26,2%), seguita da Pavia (22,5%) e Varese (21,7%).

Le imprese femminili lombarde si dedicano prevalentemente al commercio (46.451 imprese, 27,7%) e all’attività immobiliare, noleggio, informatica e ricerca (35.826, 21,3%). Rispetto alla totalità delle imprese, quelle in rosa sono specializzate in servizi pubblici e sociali, di cui costituiscono il 51,1% delle attive nel settore, sanità (37,3%), accoglienza e ristorazione (31,6%) e istruzione (29,7%). Milano si conferma quasi in tutti i settori leader per numero di imprese femminili, soprattutto in quello delle attività immobiliari dove conta 20.266 imprese. Brescia al primo posto nel settore agricolo, caccia e silvicoltura con 2.415 imprese femminili.

E tra le ditte individuali cresce il peso delle straniere, una ditta femminile su dieci in Lombardia ha per titolare una straniera. Milano, la provincia dove le straniere sono più imprenditrici,  con il 14%. E le donne che vengono dall’estero per fare impresa in Lombardia sono soprattutto cinesi, una ditta su tre tra quelle con titolare extracomunitaria, marocchine e svizzere, entrambe oltre il 6%.

Emerge da un’ elaborazione della Camera di commercio di Milano su dati del registro imprese al secondo e terzo trimestre 2008.

E di donne si è parlato oggi alla Camera di commercio di Milano durante l’incontro “Donna lavoro sindacato”.

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.