BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

“Piano Sace: il traffico sarà insostenibile”

Ecco la riflessione di una cittadina della Conca Fiorita in seguito alla discussione in Commissione riguardante il piano integrato d'intervento della Sace. L'intervento è tratto dal sito del Mosaico.

Più informazioni su

Ecco la riflessione di una cittadina della Conca Fiorita in seguito alla discussione in Commissione riguardante il piano integrato d’intervento della Sace. L’intervento è tratto dal sito del Mosaico.

"Nonostante le validissime argomentazioni contrarie alla proposta di PII, esposte dai consiglieri di minoranza , il pubblico di residenti e non della Conca Fiorita ha dovuto udire parole inudibili da parte dei rappresentanti di maggioranza! In particolare, si è avuto il coraggio di sostenere che, poichè "nel quartiere ormai , tutte le villette sarebbero state sopraelevate fino a 3 o 4 piani, andando a creare una sorta di rapporto disarmonico con i sottostanti giardini, ed essendoci già stata una brutta speculazione edilizia all fine degli anni ’80 con la costruzione dei condomini di via De Gasperi, via Einaudi, ecc, non avrebbe senso fermare il processo di trasformazione della zona".
Logico no? O ancora: "visto che la Sace sostiene di volere rimanere in città per continuare a fare ricerca; anche se sappiamo benissimo che le promesse delle aziende valgono come quelle dei marinai, (vedi Magrini e Reggiani, p. es.), facciamo finta di crederci e accettiamo di sacrificare la Città alle brame speculative di questi signori.."
Ma poi, la Sace non aveva già venduto la fabbrica alla S.R.L. Conca Fiorita e non è lì in affitto?
C’è anche stato chi ha direttamente sostenuto che il proggetto sia architettonicamente e paesaggisticamente interessante….Nessuno di loro, meno che meno l’esponente dei Verdi, ha avuto da ridire sulla delibera di esclusione di Vas da parte della Giunta.
Evidentemente l’impatto di centinaia di nuovi abitanti, tutti con i loro mezzi privati che andranno e verranno da e verso ogni direzione, lungo le già congestionate vie Crescenzi e Baioni, non "avrà nessun impatto rilevante " sulla viabilità e la qualità dell’aria. E nessuno ha pensato di aggiungervi il peso delle auto che confluiranno in via Baioni per accedere alla risalita per S.Agostino!
Anzi, c’è da aspettarsi che nella seduta aggiornata della Commissione urbanistica di Mercoledì 19/11/08, quando ci sarà la votazione, qualcuno esibirà un studio basato su complicati e astrusi calcoli matematici, che dimostrerà che, addirittura, tutto ciò porterà ad una miracolosa purificazione dell’aria e una esemplare riduzione del traffico…
Tanto si sa che, soprattutto in Italia e in politica, la matematica è un’opinione….."

P.S.: per chi non lo ricordasse, l’edificio più alto, nonostante la riduzione a 10 piani, raggiungerà l’altezza dello spalto di S.Agostino.

Simona

 

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da sonia

    forse l’obbiettivo vero dei nostri amministratori è il collasso totale della città; sia per il traffico insostenibile che per la colata soffocante di cemento che ci avvolgerà!
    anch’io mi chiedo con che coscienza si esclude la Vas per valutare degli interventi di urbanistica così pesanti.
    ma dov’è la tutela dei cittadini?

  2. Scritto da marcella

    gent.ma Simona, è sconcertante il panorama urbanistico verso cui sta scivolando il controllo del territorio. Amo la mia città per l’equilibrio armonico e la qualità di vita che ancora la contraddistingue, equilibrio che stiamo lentamente perdendo abbandonando l’edilizia alla pura speculazione del territorio totalmente incurante del tessuto sociale e del contesto ambientale. La mia voce, come la sua, forse non cambierà le cose, ma non smetterà mai di farsi sentire e di cercare consenso.

  3. Scritto da Paolo Comi

    Gent.ma Sig.ra Simona,concordo con Lei e sottolineo che ci saranno nuove costruzioni sul terreno REGGIANI poi vedremo con l’ISMES per non parlare di altre zone della città dove si permetterà la costruzione di altri condomini.Ma i servizi?Le strade di comunicazione alle circonvallazioni?Sa credo che per la Giunta sia più importante la VISIBILITA’ che la concretezza.Fermano le auto ma non gli scarichi degli aerei che decollano.Sono per caso transitato a decollo avvenuto,provi a respirare quell’air

  4. Scritto da Gio1

    Secondo le previsioni si dovrebbero avere 16.000 abitanti in più nel giro di 15 anni e quindi si ritengono necessari altri 2.800.000 di metri cubi residenziali ; anche in Santa Lucia si prevede un insediamento di più di 3000 persone (tra zona ex-ospedale,via Nullo,ex accademia gdf) con viabilità pressochè immutata, l’unica speranza è che fra 15 anni ci siano solo auto elettriche in circolazione!