BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Gli studenti “assediano” Montecitorio

"Se non cambier?? lotta dura sar??". Uno slogan che arriva direttamente dal passato e che oggi gli studenti scandiscono durante il corteo di Roma. I manifestanti, studenti delle superiori, delle universit?? e ricercatori provenienti da tutte le parti d'Italia ribadiscono la loro volont?? di "andare avanti con le diverse forme di protesta" fino alla "modifica sostanziale della 133".

Più informazioni su

"Se non cambierà lotta dura sarà". Uno slogan che arriva direttamente dal passato e che oggi gli studenti scandiscono durante il corteo di Roma. I manifestanti, studenti delle superiori, delle università e ricercatori provenienti da tutte le parti d’Italia ribadiscono la loro volontà di "andare avanti con le diverse forme di protesta" fino alla "modifica sostanziale della 133" o "al suo ritiro". "Continueremo a protestare ad oltranza, con cortei, assemblee, iniziative paradidattiche e attività di studio di autoriforma", spiega Matteo, un rappresentante della facoltà di Geologia dell’università di Firenze. "La mobilitazione continuerà ad oltranza che nella facoltà di Lettere nella Sapienza – fa sapere una rappresentante del collettivo di facoltà- con occupazioni intermittenti e momenti di riflessione comuni per l’autoriforma delle università. Non ci accontentiamo del ritiro della 133, vogliamo rifondare l’università italiana". "Noi la crisi non la paghiamo" e "la gente come noi non molla mai", sono altri cori che si urlano nei vari spezzoni dellungo corteo. "Se vogliono ridurre i costi pensassero a diminuire il numero dei parlamentari e a eliminare una delle due Camere", dice uno studente.
Il folto gruppo di studenti che staziona davanti alla Camera dei deputati presidiata dalle Forze dell’ordine. I ragazzi, che protestano contro le politiche governative e contro i tagli a università e ricerca al grido di "università pubblica" rispondono "a chi ha detto che la democrazia è fatta di decisioni prese sopra le nostre teste o di tagli e finanziarie approvate in otto minuti, che questa è l’unica vera democrazia". Qualche fumogeno colorato mentre i cori invitano i parlamentari ad andare "a lavorare". "Ci bloccano il futuro -gridano ancora gli studenti- blocchiamo la città, è questa la risposta dell’università". Oltre all’immancabile "chi non salta Berlusconi è", i ragazzi rivolti alla Camera gridano "siete tutti pregiudicati".

Segui la diretta da Repubblica.tv

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da Giuseppe

    Voglia di studiare zero, voglia di lavorare idem, pretese una montagna!!!!!